Banner
Banner
30
Giu

on 30 Giugno 2010. Pubblicato in Numeri Luglio 2010 - Numero 172 del 01/07/2010

L'ANALISI

Più impresa per fronteggiare le difficoltà economiche. Ed ecco tre possibili scenari secondo il professore Prestamburgo intervenuto a un seminario del Cerisdi a Palermo

Come la crisi
colpisce l’agricoltura

«Senza una politica agraria che abbia come obiettivo l’impresa e la sua crescita non c’è via di uscita dalla crisi». È questa la tesi di Mario Prestamburgo, docente dell’Università di Trieste, espressa nel corso della prima delle due giornate di studio su “L’agricoltura tra crisi e mercato: l’analisi e gli strumenti” che si è svolta al Cerisdi di Palermo. Nella sua disamina anche la critica alla Pac e l’analisi dei problemi strutturali che colpiscono il settore agricolo.
Per Prestamburgo «la crisi dell’agricoltura è una crisi di imprenditorialità. In  questo settore gli innovatori non sono in numero adeguato per creare i presupposti della crescita economica. Certo la Pac con i suoi meccanismi burocratici ha peggiorato la situazione, ma senza Pac oggi non ci sarebbe l’Europa, quindi guai a toccarla». Anche se ha evidenziato che i settori più tutelati dalla Pac sono quelli più in difficoltà come il cerealicolo e il lattiero caseario. «Alcuni pensano che bisognerebbe rinazionalizzare gli aiuti pubblici all’agricoltura, ma col debito pubblico che si ritrova l’Italia significherebbe non dare più nulla a questo settore. Altri, invece, hanno proposto di spalmare il pagamento unico europeo su tutta la superficie: si passerebbe da una media di 350 euro di contributi a ettaro a 180 euro».
Il docente ha messo in evidenza anche alcuni dei fattori che hanno messo in difficoltà l’agricoltura, dai redditi calati del 25% al crollo dei prezzi, non dovuti solo all’effetto della crisi, ma anche a fattori strutturali: «La terra viene vista come un bene rifugio – ha detto – quindi spesso nel suo utilizzo si prescinde da scelte economiche. In secondo luogo, si pensa all’agricoltore come un tradizionalista restìo alle innovazioni: in realtà spesso non investe e quindi non innova per mancanza di capitale». Mentre il peso dell’abbassamento dei prezzi al consumo imposto dalla crisi è stato trasferito dalla Gdo a carico dei produttori: «Prima il grano incideva per il 40% sul prezzo della pasta, adesso per il 25%».
Infine, Prestimburgo ha anche delineato i tre possibili scenari futuri dell’economia mondiale: «Il primo: riparte la crescita economica e si riposiziona nel sentiero precedente riempiendo il buco che si è creato. Il secondo: il buco, cioè il debito pubblico, rimane, ma il sistema riparte. Il terzo, quello più realistico: rimane il buco e la crescita non parte come ci si aspetta».

S. B.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY