Banner
Banner
22
Lug

on 22 Luglio 2010. Pubblicato in Numeri Luglio 2010 - Numero 175 del 22/07/2010

L'AZIENDA

La cantina calabrese punta sulle varietà autoctone sconosciute. Ricerche e sperimentazioni in corso con l’obiettivo, a breve, di produrre vini simbolo di biodiversità

Librandi,
alla scoperta
del vitigno perduto

Librandi punta sugli autoctoni sconosciuti. L'azienda calabrese di Cirò investe sull'enologia sperimentale attraverso una ricerca condotta insieme al Cnr di Torino sui vitigni autoctoni calabresi. «Stiamo puntando su una decina di varietà, ma la ricerca è lunga e difficile», spiega Paolo Librandi, ultima di quattro generazioni che ha cominciato ad imbottigliare nel 1955.
Ma facciamo un passo indietro. La sperimentazione comincia nel 1993, quando un panel di esperti dell'Istituto San Michele all'Adige, insieme ad Attilio Scienza conduce uno studio sul territorio da un vigneto di circa due ettari, arrivando all'individuazione di circa 184 vitigni di cui 74 sono gruppi unici, non assimilabili ad altre uve. Oggi la ricerca continua. «Ci stiamo assicurando che non ci siano tare genetiche, mentre sugli autoctoni più importanti come il Gaglioppo ed il Magliocco stiamo selezionando i cloni più puri per migliorare la base genetica. Inoltre stiamo lavorando ad alcune varietà mai proposte in purezza», racconta Librandi.
L'uscita di questi prodotti non è prevedibile, e prima di tre-quattro anni non sarà possibile nemmeno sapere come verranno utilizzati. Sulla ricerca insomma, vige il massimo riserbo. Nel 2008 però è uscita una pubblicazione in proposito, dal titolo emblematico «Il Gaglioppo e i suoi fratelli. I vitigni autoctoni calabresi». Il libro elenca tutte le varietà indigene riscontrate durante la ricerca. Allora fu proprio Antonio Librandi a dichiarare: «Quando pensammo di sapere cosa fosse il Gaglioppo cominciarono a venirci dubbi».
La Librandi vanta una produzione di circa due milioni e mezzo di bottiglie annue su 300 ettari vitati nel cuore della zona di produzione del Cirò. La svolta economica e storica avvenne nel 1989, quando l'azienda si distinse per i vitigni internazionali il cui successo fu determinato dai riconoscimenti ricevuti al Vinitaly dello stesso anno. Da quel momento però, la Librandi cominciò a sviluppare un'intensa ricerca mirata alla produzione degli autoctoni, il vero volto della Calabria. Oggi il desiderio di trovare le varietà più pure non è cessato, al contrario la Librandi continua ad approfondire la ricerca del vitigno originale perduto.

Laura Di Trapani


 

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY