Banner
Banner
21
Ott

on 21 Ottobre 2010. Pubblicato in Numeri Ottobre 2010 - Numero 188 del 21/10/2010

IL PERSONAGGIO

Mauro Remondino, giornalista del Corriere della Sera e critico enogastronomico non ha dubbi: “Panelle e bollicine sono un abbinamento perfetto. La magia di questo vino? Ti dà la giusta euforia per vedere la giornata diversamente”

“La frittura di farina
esalta lo champagne”

Lo champagne è gioia, euforia, è quel tocco in più che migliora la giornata. Parola di Mauro Remondino, giornalista del Corriere della Sera, critico enogastronomico e blogger (myslowburninglife.blogspot.com): «Lo champagne ti dà quel momento di giusta euforia che ti fa vedere la giornata diversamente: per questo Hemingway non se lo faceva mai mancare, già a colazione».

Quando è nato l’amore per le bollicine francesi?
«Mio padre era un buongustaio, non dimenticava mai lo champagne per le feste. Ho iniziato ad assaggiarne un po’ da ragazzo ed erano le marche più note: Moet Chandon, Mumm, Perrier-Jouët. Un approccio iniziato quindi molto lentamente associandolo al dolce, soprattutto con il panettone. Ma sentivo già che c’era qualche errore sensoriale».

Perché? Con quale cibo è meglio associarlo?
«Sicuramente meglio il cibo salato e “mineralizzato”, diventa tutta un’altra cosa. Per esempio è perfetto con i formaggi, come quelli di capra o gli erborinati, e con tutto quanto ha una giusta salinità».

Per esempio le panelle palermitane?
«Decisamente. Questa particolare frittura di farina esalta sicuramente le sue doti, anzi la considero un’associazione perfetta perché lo champagne  pulisce la bocca e lascia un bouquet di profumi  salmastri, una sensazione meravigliosa: è la stessa sensazione di quando si passeggia sulla battigia, la mattina presto, quando in riva al mare non c’è nessuno».

Come ha capito che la tradizione di abbinare dolci e champagne non era ideale?
«Piano piano, col tempo. Ma non è cambiato solamente il mio gusto: è cambiato anche lo champagne stesso. Prima era più “spumantizzato”, poi, invece, c’è stata una maggiore ricerca sui vitigni. Inoltre, l’essere venuto a contatto con grandi bottiglie come Krug e Dom Perignon mi ha fatto capire che era ottimo anche come aperitivo, oppure in abbinamento al foie gras. Negli anni Ottanta non c’era evento che si “aprisse” con bollicine e parmigiano».

Quindi nel tempo è cambiata anche la cultura dello champagne?
«Assolutamente sì. Anche il modo di servirlo: prima si usava la flute, bicchiere stretto che esaltava il perlage, ma comprimeva i profumi. Oggi la flute è in disuso, si preferisce il ballon classico da vino rosso che sebbene faccia perdere un po’ il piacere di vedere bene il perlage fa guadagnare nella complessità».

Quali sono le sue etichette preferite?
«Ce ne sono diverse. Col tempo ho abbandonato un po’ i grandi nomi per quelli di nicchia che, fra l’altro, costano anche meno. Ci sono centinaia di etichette di champagne, è un peccato fermarsi solo a quelle più celebri. Mi piace molto l’Egly Ouriet che è prodotto ad Ambonnay: è un Pinot Nero in purezza, eccellente. Poi, Aubry (in particolare il Sablé),  Bedel,  Pitois, il biologico di Selosse».

Quando li beve?
«Sempre. Non c’è un orario in particolare in cui lo degusto. Anche una colazione di lavoro alle 10 può essere allietata con una goccia di champagne. Oppure a pranzo, come aperitivo, a cena. Si può bere da soli o in compagnia, in famiglia o fuori. Io lo adoro col pesce, per esempio è perfetto l’aperitivo alla Baracca di Luciano Zazzeri, a Marina di Bibbona, servito con il gambero rosso di San Vincenzo (specie protetta) appena pescato dallo stesso chef. Oppure è favoloso con lo gnocco fritto: è pura gola».

Qual è il successo di questo vino?
«La magia della parola. Il terroir, quello che trasmette come storia. E poi non c’è nulla di superiore».

Salvo Butera


 

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY