Banner
Banner
10
Gen

Il sogno di Günther Di Giovanna: "Un brand Sicilia con prezzi adeguati alla nostra qualità"

on 10 Gennaio 2018. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - L'azienda


(Günther Di Giovanna)

Non fatevi ingannare dal nome autoritario: Günther Di Giovanna è un uomo straordinario, grande lavoratore, simpatico e affabile come pochi altri. Porte sempre aperte nella sua azienda e state certi che vi accoglierà quasi come foste uno di famiglia.

Insieme al fratello Klaus hanno continuato la tradizione di questa azienda di famiglia, nata nel 1860 e che si distribuisce tra Sambuca di Sicilia e Contessa Entellina, nell'entroterra siciliano dai magici paesaggi. Nella sua azienda che si estende per circa 60 ettari, sono le tipologie di uve autoctone che la fanno da padrone, come il Nero d'Avola, il Grillo e il Nerello Mascalese. Senza mai dimenticare i vitigni internazionali. La cantina è una costruzione che è stata adeguata alle tecniche moderne. Ed è pratica e funzionale. Günther traccia un bilancio di questo 2017 che è stato, come ormai da 2015 ad oggi, "una crescita continua - dice - E in particolare crescono le vendite nei Paesi Terzi e in Italia". Di Giovanna si sta sempre di più affermando all'estero tanto che l'80 per cento della produzione varca lo Stretto, concentrandosi soprattutto su Stati Uniti, Canada, Colombia, Giappone e l'Estremo Oriente.

"Ormai - spiega Günther - siamo leader nel rapporto qualità/prezzo. Ma, mentre siamo presenti molto nelle fasce medio-basse, siamo molto deboli in quelle alte. Ecco il problema del vino siciliano in generale: vini buoni a prezzi fin troppo convenienti". Consumatori sempre più attenti, esigenti, informati, che vogliono una certa qualità e che leggono con estrema attenzione l'etichetta del vino: "Mi sono reso conto di quanto sia cambiato il consumatore medio del vino - dice Günther - E non si può non tenere conto di questa cosa". Ma si osserva una regionalizzazione dei consumi. Che però Günther non vede di buon occhio: "Non credo sia un bene. Cerco di essere più chiaro - spiega - E' cosa buona e giusta che in Sicilia si consumi soprattutto Nero d’Avola e Grillo e in Campania Piedirosso e Falanghina, ma questo consumo regionale non dovrebbe essere quasi esclusivo. Gli enotecari e i ristoratori della Napa Valley, ad esempio, ti propongo i vini di tutto il mondo e se gli chiedi “Come mai?” ti rispondono che quella è la terra del vino e che il vino non ha confini. Dovremmo iniziare a farlo anche noi".

In Sicilia, dunque, "c'è sempre voglia di Nero d'Avola, perché un continente viticolo come la nostra Isola offre mille sfumature diverse di Nero d’Avola.  E questo è un patrimonio unico e irripetibile". Poi capitolo Doc Sicilia: "Sta muovendo i primi passi. Ci vuole tempo prima che se ne possano verificare gli effetti. E’ garanzia di qualità universalmente riconosciuta, ma deve essere accompagnata da una efficace campagna pubblicitaria mondiale. Ci vuole una strategia globale sostenuta da risorse importanti. Alla fine deve servire non tanto a vendere di più, ma a vendere meglio con prezzi in linea con la qualità erogata, percepita e certificata". A proposito di Sicilia, da poco c'è un nuovo governo regionale. E se Di Giovanna fosse il nuovo assessore all'agricoltura, che provvedimenti adotterebbe: "Bella domanda! Fatta la diagnosi dei bisogni, concentrerei le risorse disponibili (e ne abbiamo davvero tante tra Psr e Ocm) su 3/4 linee di investimento principali. Queste le mie priorità: creazione e diffusione mirata del brand “Sicilia”; sostegno alla internazionalizzazione delle imprese associate; sviluppo dell’incoming con investimenti soprattutto nella viabilità rurale; regimentazione delle acque piovane e incentivi per la realizzazione di laghetti aziendali".


(Klaus e Günther Di Giovanna)

Un vino siciliano che dunque, necessita di maggiore visibilità all'estero. E gli eventi come Prowein e Vinitaly possono tornare utili? "Sempre di più Prowein, sempre meno Vinitaly". Günther è stato da poco eletto presidente della Strada del Vino Terre Sicane (leggi questo articolo) e non si sbilancia con i progetti per il futuro: "Spero di poter realizzare un paio di progetti davvero ambiziosi come Presidente della Strada del Vino delle Terre Sicane. Ma di questo ne parleremo la prossima puntata".

G.V.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Anna Sampino
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it