Banner
Banner
10
Mag

Le contaminazioni sarde e toscane per produrre grandi formaggi: i segreti di Radichino

on 10 maggio 2019. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - L'azienda


(Gianni, Giuliana e Tonino Pira)

di Marco Sciarrini

Nel cuore della Tuscia Viterbese e a breve distanza dal confine toscano siamo andati a visitare questa Azienda durante la “festa” annuale come la chiamano i proprietari degli amici che collaborano con loro. 

Gianni e Tonino coordinati da mamma Giuliana sono orgogliosi di aver ereditato l’esperienza e i valori dei genitori e con il loro esempio hanno ampliato l’attività di famiglia. Oggi l’Azienda Agricola Radichino comprende, oltre alla iniziale attività di allevamento, un proprio caseificio e un punto di agriristoro attrezzato per ricevere circa 100 persone, dove servono i prodotti fatti in casa tipici della tradizione sarda e toscana. Si Sarda, perché la famiglia Pira negli anni 50 con il papà Carmelo si è trasferita dall’isola ed hanno iniziato la loro storia, portando l’antica arte pastorizia prima e della produzione casearia poi. L’azienda è composta da 400 ettari dove le circa 1.500 pecore sarde e 100 capre, ed un imprecisato numero di maiali “contaminati” anche da qualche cinghiale anche di cinta senese, spazia allo stato brado nella proprietà. 

Il caseificio è situato in un luogo di straordinaria suggestione naturalistica e di grande valore storico, nel cuore dell’Etruria, lambito dal fiume Fiora che arriva dal Monte Amiata, racchiuso fra il lago di Bolsena, sulle cui sponde passa l’antica via Francigena e il mar Tirreno. Il territorio è ricco di necropoli, eremi, vie cave e acque termali sulfuree. Vi troviamo infatti la riserva naturale Selva del Lamone, un’area protetta di circa 2.300 ettari a cui si aggiungono 1.450 ettari di area contigua, che conserva uno dei più rilevanti ecosistemi forestali di pianura dell’intero settore medio-tirrenico, così da formare un vasto complesso territoriale dalle valenze naturalistiche e culturali di eccezionale rilevanza. Una riserva naturale composta da colate laviche di basalto chiamate “murce”, che va dal neolitico al medioevo inoltrato, e che è entrata nella leggenda perché qui i briganti di fine '800 la facevano da padroni, esemplare il mito di Domenico Tiburzi che, insieme a quello dell’impenetrabilità della selva, era noto come il “Re del Lamone”. Da notare che per le produzioni più particolari il latte raccolto è ricercato anche dalle aziende fuori provincia per le sue peculiari caratteristiche chimico-fisiche, che permettono di utilizzare questo pregiatissimo latte anche per le lavorazioni a “latte crudo”. Il latte infatti è munto e lavorato fresco direttamente nel caseificio. 

Il latte viene impiegato per la produzione di più di 20 tipi di formaggio, e il nuovo caseificio all’avanguardia della tecnologia aiuta ad esaltare i prodotti senza trascurare le ricette tradizionali ormai famose in tutto il centro Italia. L’azienda Agricola Radichino può anche vantare la certificazione BioAgricert gli ovini, il latte e tutte le coltivazioni di foraggi e cereali sono 100% biologici. A contorno dell’attività è stato creato un agriristoro dove tutto viene preparato a mano, dai dolci alla pasta fresca, portando avanti antichissime tradizioni che uniscono Sardegna e Tuscia, un viaggio alla scoperta dei sapori e dei profumi dei piatti tradizionali e degli ingredienti genuini che questo territorio offre. Nel grande buffet la possibilità di assaggiare tutti i prodotti della loro produzione, dai formaggi  stagionati, semistagionati, freschi e di capra ai salumi, le verdure e tutto concertato dalle sapienti mani di mamma Giuliana.

Azienda agricola Radichino
Località Le Chiuse - Ischia di Castro (Vt)
t. 328 6373125
www.caseificioagricolaradichino.it
Orari Apertura Punto Vendita: dalle ore 9 alle ore 13; dalle ore 15 alle ore 19
Agriristoro: aperto il Venerdi sera, il sabato a pranzo e cena, la domenica a pranzo e in tutti i giorni festivi.
Carte di credito: tutte tranne American Express
Parcheggio: sì

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY