Banner
Banner
27
Giu

"Abbiamo ridato vita al vigneto del nonno": la storia di Spuches che produce vini sull'Etna

on 27 Giugno 2019. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - L'azienda


(Vincenzo e Valerio Treffiletti)

di Veronica Laguardia, Castiglione di Sicilia (Ct)

All’interno del Parco dell’Etna, in contrada Rampante a Castiglione di Sicilia, in provincia di Catania, c’è una nuova, piccola, realtà vitivinicola che vale la pena conoscere, è l’azienda agricola Spuches.

I fratelli Treffiletti, Vincenzo e Valerio, oggi continuano il lavoro del nonno Vincenzo, agricoltore dal 1958 fino all’età di 93 anni. L’azienda porta il nome della nonna, Spuches e si trova tra i 700 e gli 800 metri sul livello del mare, in una zona ben ventilata. Seppur da generazioni la Famiglia Spuches-Treffiletti coltiva queste terre, solamente dal 2015 ha iniziato a produrre i propri vini, un Etna rosso Doc ed un Etna bianco Doc, per un totale di 4.500 bottiglie. La maggior parte della produzione è destinata all’estero, in particolare a Stati Uniti, Danimarca e Slovacchia. Percorrendo la rasola - la strada di pietra lavica tipica etnea, in mezzo ai vigneti - i fratelli Treffiletti raccontano come hanno deciso di raccogliere l’eredità del nonno e portare avanti il suo sogno, quello di produrre il loro vino da quei vigneti a lungo coltivati con varietà autoctone. Ed è così che loro si definiscono: “autoctoni”, che hanno vissuto il cambiamento e sono fieri della rinascita che l’Etna sta vivendo grazie al vino, e che considerano quasi un “miracolo”. E, nonostante provengano da un altro settore, hanno scelto di intraprendere quest’avventura e di credere nel vino e nel territorio etneo.


(I vigneti)

La tenuta, costellata da ginestre, da altre piante locali, e grandi pietre laviche, che sembrano quasi messe lì ad arte, si estende per circa otto ettari, di cui, attualmente, gli ettari di vigneto sono due e mezzo, tra viti giovani ed ultranovantenni e sono in programma nuovi impianti. Volgendo lo sguardo verso la Valle dell’Alcantara - da qui la vista è proprio bella - i fratelli Treffiletti parlano del futuro. La priorità è la costruzione della cantina, ma tanti e buoni sono gli altri progetti, soprattutto legati all’enoturismo.


(Il paesaggio dall'azienda)

Anche se a conduzione maschile, le donne della famiglia sono da sempre state fonte d’ispirazione: dal nome dell’azienda alle etichette pensate dalla mamma dei fratelli Trefiletti e soprattutto al nome dei due vini – Badalarc’ - un nome curioso e che resta impresso legato alla storia della famiglia.  Il loro trisavolo, dopo le giornate in vigna, rientrava a casa passando dall’arco d’ingresso, con la moglie sulla giumenta e la esortava, in dialetto siciliano, a stare attenta a non sbattere la testa nell’arco, “bada all’arc” le diceva. Da qui il soprannome di famiglia, Badalacchi, a cui si sono ispirati per connotare l’identità del vino in etichetta.



Il Badalarc’ 2016 Etna Rosso Doc, affinato per sei mesi in botti di rovere di secondo passaggio, si presenta nel bicchiere di colore rosso granato pallido. Naso fine con sentori intensi di eucalipto, pietra lavica, anice, violette e frutta rossa. In bocca di medio corpo con tannini abbastanza fitti e morbidi, sorso teso e fresco con sentori di frutta rossa e spezie dolci. Finale sapido di media lunghezza. Un vino dal carattere territoriale, e con buone potenzialità evolutive: molto interessante anche l’annata 2015.



Il Badalarc’ 2018 Etna bianco Doc, dal colore giallo paglierino con riflessi verdognoli, ha un fresco bouquet di fiori di ginestra, albicocca, eucalipto ed erbe officinali. Al palato è freschissimo, elegante, moderatamente persistente e sapido. Anche in questo caso il vino è arricchito da un anno di affinamento in bottiglia; ancora molto buona l’annata 2017.

Azienda Agricola Spuches
Via Nazionale, 78 - Solicchiata, Catsiglione di Sicilia (Ct)
T. +39 393 992 7546
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY