Banner
Banner
22
Mag

Cosimo Palamà: difendiamo la Puglia dalla colonizzazione

on 22 maggio 2012. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - L'azienda


Cosimo Palamà

Parla con un tono di voce sconsolato.

E’ tornato da qualche settimana dalla Norvegia dove ha visto surclassare il suo vino in una gara indetta dal monopolio di stato da un Negroamaro in purezza a due euro. Quello che riporta a casa il produttore è lo sconforto. Stato d’animo condiviso spesso da molti suoi colleghi, soprattutto del sud Italia, al rientro da viaggi business affrontati con la speranza di aprirsi qualche varco nei mercati esteri. Per Cosimo, o meglio, Ninì (così viene chiamato da tutti) Palamà il rammarico non è solo dovuto all’occasione sfumata ma al mancato riconoscimento a chi tenta, con non pochi costi, di fare e di vendere qualità. Chiacchierando al telefono non abbiamo potuto fare a meno di cogliere la sua testimonianza.

Lui è un personaggio del vino simbolo della nascita del fenomeno salentino. E’ un produttore vecchio stampo. A Cutrofiano, a qualche chilometro da Lecce, fa tutto da solo e da sempre, lavora in vigna e in cantina. Adesso assistito anche dal figlio Michele, giovane studente in enologia.

Con due etichette negli ultimi anni ha conquistato l’attenzione della critica, con il Metiusco (dal greco "mi ubriaco") Salento Igt Rosato, pluripremiato con ori al Concours Mondial de Bruxelles e come vino dell’anno al Vinitaly, e con il Mavro, Negroamaro e piccola percentuale di Malvasia Nera. E’ nato e cresciuto in mezzo alle vigne Ninì, non è enologo, non è agronomo, ma “sa” attraverso l’esperienza, attraverso una vita vissuta al fianco del padre Arcangelo che nel 1936 fa la sua scelta di vita: la vigna. Oggi coltiva 12 ettari di cui sei di proprietà ed etichetta 250 mila bottigle. 


Veduta su un vigneto della cantina a Cutrofiano

Per un uomo come Ninì lo sbarramento della dura legge del mercato, dove è il prezzo a spuntarla, rappresenta una doppia sconfitta, territoriale ed enologica. “E’ il territorio in primis ad essere colpito da queste dinamiche – si sfoga -. Ci perdiamo tutti noi piccoli produttori. Non riusciamo ancora a difendere la nostra terra. Facciamo tanto un gran parlare di qualità, terroir, tipicità ma poi la storia che si ripete è sempre quella. Imprenditori/imbottigliatori del nord che acquistano vino da cantine sociali del sud, in cisterne, lo imbottigliano fuori e lo piazzano con etichetta Igt anche ad un euro e dieci. Non abbiamo fatto nessun passo avanti, nonostante i riflettori accesi sulla nostra Puglia, nonostante i bicchieri e i giudizi che osannano la qualità dei vini. Dobbiamo continuare a vedere svenduti i nostri fiori all’occhiello. Questo rende vano ogni programma di promozione. Per me è troppo doloroso”.


Interno della Cantina Palamà

Ninì mette sul banco degli imputati una mentalità, molto radicata nelle regioni del sud, che non consente la creazione di un reale sistema di difesa contro la “colonizzazione”. E prende a modello la Toscana. “Certo una cosa del genere non succede facilmente in Toscana. Lì lo sanno valorizzare il loro vino. Non si vede un Chianti imbottigliato in un’azienda salentina. Le nostre cantine sociali dovrebbero favorire il locale e invece si consente di fare della Puglia ancora una terra di conquista per tutti. Devo purtroppo constatare che non siamo capaci di cavarcela da soli e di far sfruttar le nostre risorse, abbiamo sempre bisogno di un supporto esterno”.

Così per il produttore non si sarebbe giunti a quel risorgimento dell’enologia pugliese  cui si riferisce la stampa di settore. “Siamo cresciuti e stiamo crescendo moltissimo, qualitativamente parlando. Ci sarà una vera rinascita però nel momento in cui un’azienda pugliese potrà aggiudicarsi la gara di un monopolio. E io sarei contento di vedere i miei colleghi raggiungere questo traguardo. Significherebbe che avrebbe vinto il territorio - e aggiunge -. Si parla di federalismo in termini politici ma io ne parlo in termini enologici. Non serve al futuro vedere acquistare un vino a quattro soldi senza che si dia nulla alla terra, senza il giusto riconoscimento a chi la coltiva, all’uva. I consorzi non lavorano per impedire tutto questo. Ci sono solo timidi tentativi. Se ci prendiamo cura dei nostri prodotti e ce li teniamo stretti, il mercato, ne sono sicuro, ci renderà giustizia”.




Azienda Vinicola Palamà
Via A. Diaz, 6
Cutrofiano (Le)
Tel/fax  0836 542865
www.vinicolapalama.com -  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


 

M.L.

Share

Commenti  

 
+3 #1 lole80 2012-05-22 13:38 Una cantina straordinaria, un produttore straordinario, i suoi vini straordinari. Un cantina per molti pugliesi ancora sconosciuta (almeno per la parte settentrionale) che appena scoperta lascia il sorriso sulle labbra e lo stupore per la bontà dei suoi prodotti. Non potete immaginare per il sottoscritto la contentezza nell'aver scoperto i vini di Palamà in un'enoteca della sua città (a nord della Puglia) :) Citazione
 
 
+3 #2 turiarfo 2012-05-22 14:03 La storia aziendale , l'esperienza , le delusioni e le problematiche riscontrate da Ninì sono la copia autentica di noi piccoli produttori che respiriamo e viviamo di vigna e di vino. Produciamo vini che trovano l'apprezzamento del consumatore appassionato , ottengono riconoscimenti, a livelo internazionale, importanti ma in fase di collocamento sul mercato si trovano davanti il muro della "fascia di prezzo" che disintegra il valore di tante piccole "coccole" fatte sia in vigna che in cantina. Citazione
 
 
+2 #3 Maurizio 2012-05-22 16:22 Anche in Sicilia la storia si ripete, pensate che dopo anni di lotte finalmente arriva la DOC Sicilia … E che fanno i ns. Amici politici e company?
danno la possibilità di imbottigliare fuori Sicilia come DOC
Sicilia. Si giustificano dicendo che quello che importa e' la provenienza certa… Ma figurati… Una volta entrato in una cantina cooperativa pensate quanto DOC Sicilia uscirà e a quali prezzi!!!!!!
Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY