Banner
Banner
18
Feb

Contrordine compagni: il Merlot può essere uno dei vini più buoni del mondo

on 18 Febbraio 2013. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - L'azienda

di Armando Garofano

Cari amici enofanatici sono sicuro che Sideways l’avete visto tutti (il titolo del film era stato tradotto maldestramente in Italiano con in “Viaggio con Jack”).

Allora, ve lo ricordate Myles? Il tipo nella foto qui sotto – mentre sbraita come un facocero con la gotta: “I won’t drink any fucking Merlot”  (non berro’ mai quello schifo di vino) contro un attonito Jack (che invece sta solo ragionevolmente tentando di rimorchiare due tipe niente male, anche a colpi di merlot). Ebbene: aveva torto marcio. Il Merlot può essere un vino straordinario basta che cresca nelle condizioni giuste, su terreni drenanti, ricchi di limo trasportato dai fiumi, in climi freschi e umidi, che presentano notevoli escursioni termiche, ovvero: a casa sua, nel Sud - Ovest della Francia.


Paul Giamatti

Qui il merlot è un vitigno autoctono e parla con un accento vigorosamente locale.
Ma andiamo con ordine. L'occasione per delirare a mia volta contro la migrazione dei vitigni me l'ha data l'assaggio di un vino portentoso che vede protagonista il tanto vituperato merlot, aiutato questa volta da una robusta correzione di Cabernet Sauvignon (30%) e da un 20% di Abouriou (un vitigno autoctono della valle della Garonna che in Italia conosco solo io, rassegnatevi).


Elian Da Ros

Il calice della redenzione è opera di Elian Da Ros - figlio di emigranti veneti finiti chissà come in questo angolo sperduto della Francia - che fa vini biodinamici da sogno, in una denominazione che quando ho preso la bottiglia sembrava uno scherzo: Cote du Marmandais. Non fate quelle facce perplesse: esiste sul serio.
Prima la conoscevo solo io in Italia (adesso anche voi) e se non fosse troppo presto per il calendario liturgico comincerei a cantare un Exultet per aver scoperto questa chicca. Siamo a sud di Bordeaux, nelle vicinanze della città di Marmande a pochi chilometri dal corso della Garonna. Denominazione non di primo piano, suoli calcarei e limonosi dove il merlot regna sovrano e Elian Da Ros lo trasforma in un vino indimenticabile che si chiama:”Ce vin est une fete”, ovvero: questo vino è una festa.


Un momento della vendemmia

Mai nome è stato tanto inadeguato: questo vino non è una festa, ma un vero e proprio trionfo della maestria francese - e stavolta mi devo rassegnare anche io, sono più bravi di noi: l’assemblaggio, il dosaggio del legno, la maturità delle uve, ogni componente è stata padroneggiata con una competenza straordinaria.


La bottaia

Malgrado la collocazione geografica le creazioni Elian non sono di stile bordolese come si potrebbe pensare, poiché il nostro marmandense di origini trevigiane è stato a scuola di biodinamica da Leonard Zind-Humbrecht, ovvero il Nicolas Joly dell’Alsazia tanto per capirci facile: un’autorità nel campo della biodinamica e dei grandi vini. E i risultati si vedono.

Ce vin est une fete” ha un bouquet ampio e infinito, polposo ed elegante al contempo: spicca la ciliegia rossa matura, e poi i lamponi - ma belli grossi e maturi anch’essi - segue un vortice di sensazioni balsamiche intense e vellutate e poi accenni di humus e infine note affumicate e opulente. A questo naso materico corrisponde un corredo gustativo completo. C'è tutto: alcol e dieci piani morbidezza, e poi freschezza tonificante, acidità, sapidità e tannini setosi. Insomma un vino di opulenza e carattere con un'ampiezza straordinaria che forse pecca solo per un finale non interminabile. Un piccolo capolavoro in cui potenza e eleganza si esprimono in perfetta sintonia, senza sussulti o vibrazioni. Il tutto ad un prezzo irrisorio: intorno agli 8 euro in cantina. In Italia non è importato, ma lo potete trovare a circa 10 euro su qualche portale francese specializzato in vini naturali e biodinamici. Adesso bisogna solo che qualcuno lo racconti a Myles.
 
Elian Da Ros
Laclotte, 47250 Cocumont, France
+33 (0)5 53 20 75 22
http://www.eliandaros.fr/
Per saperne di più cliccare qui

Share

Commenti  

 
0 #1 F. 2013-02-18 13:54 Complimenti, bell’articolo.
Non capisco però una cosa……..
Perché questa ostentazione di sapere ?
Chiunque si occupa di vini francesi con un minimo di competenza conosce l’ AOC Cotes du Marmandais (…non Cote, per la precisione), e magari anche l’abouriou !!
Se volete potete trovare informazioni su alcuni vini di Elian Da Ros al link http://www.chateauloisel.com/degustation/sud-ouest2a.htm#a3 (non lo conosco solo io, è una cosa normale !!)
Citazione
 
 
0 #2 A3C 2013-02-18 19:09 caro F. le annotazioni sul "sapere" erano ironiche…Lungi da me fare il sapientino…mi fa piacere che tu abbia letto il pezzo e l'abbia commentato…spero ti sia piaciuto… Citazione
 
 
0 #3 F. 2013-02-18 19:34 Si, mi è piaciuto molto !!
Complimenti e buon lavoro !!
Citazione
 
 
0 #4 pierina011 2013-02-18 21:03 Cito:
"Il Merlot può essere un vino straordinario basta che cresca nelle condizioni giuste, su terreni drenanti, ricchi di limo trasportato dai fiumi, in climi freschi e umidi, che presentano notevoli escursioni termiche, ovvero: a casa sua, nel Sud - Ovest della Francia"
1° non capisco perchè un ottimo Merlot cresca solo ne sudovest della Francia
2° qualsiasi vitigno se trova le sue ideali condizioni pedoclimatiche cresce bene OVUNQUE
Citazione
 
 
0 #5 F. 2013-02-19 15:53 @ pierina011 :
ci sono pochissime eccezioni, ma in generale l'autore dell'articolo ha ragione !! (e non poco !!) Non so quale sia la tua esperienza e la tua competenza, ma penso che tra qualche anno e qualche centinaio di degustazioni capirai…
Non mi dilungo oltre perchè ritengo che sia giusto lasciare spazio per una risposta più dettagliata ad Armando Garofano.
Saluti
Citazione
 
 
0 #6 Fabio CIMMINO 2013-02-20 08:49 Non te la prendere a male ma ho portato questo vino ad un degustazione a Napoli già qualche annetto fa… sei arrivato tardi!

http://euthimya.spazioblog.it/170771/IL+VINISTA+LIVE+ON+STAGE%21.html
Citazione
 
 
0 #7 A3C 2013-02-20 20:38 F. ha ragione cara Pierina, quando hai assaggaito qulache Merlot del sud-est (Saint-Emilion) compreso ti rend conto che non è possibile imitarlo

@ Cimmino…ti odioooo non è possibile…chapeau…
Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY