Banner
Banner
24
Lug

Vini dell'altro mondo: Cloudy Bay in Nuova Zelanda che produce Chardonnay e Pinot Noir

on 24 Luglio 2016. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Vini e territori

di Cristina Gambarini

Al fatto che vitigni autoctoni francesi possano regalare espressioni degne di nota in luoghi ubicati dall’altra parte del mondo rispetto ai territori d’origine siamo abituati, ma il sapere che questi vitigni possano dare vini che raggiungono livelli qualitativi d’eccellenza fuori dal terroir di riferimento è una notizia che sorprende sempre. 

E’ quello che è accaduto ai vini della tenuta Cloudy Bay, in Nuova Zelanda, nella regione di Marlborough, nell’estrema propaggine meridionale del mondo enologico. In questa parte di terra dal clima soleggiato, fresco e con importanti escursioni termiche, dove il suolo è alluvionale con strati di ghiaia, il Sauvignon Blanc ha trovato un luogo d’elezione. Nel 1985 David Hohnen, un vignaiuolo australiano lungimirante, decise di investire fuori dalla sua terra, e scelse il Marlborough come culla della sua Cloudy Bay, una delle cinque cantine a scegliere per prime quella regione per la propria produzione. La decisione si rivelò vincente perché in poco tempo i Sauvignon Blanc della Cloudy Bay divennero punti di riferimento in tutto il Paese, catturando il gusto dei tanti amanti del buon vino per lo straordinario aroma che ogni volta sanno sprigionare nel bicchiere. Al naso infatti esprimono un bouquet complesso e intenso, dove si riconoscono note di frutta esotica, come mango, papaia e frutto della passione. Al palato sono freschi, sapidi, intensi e con una leggera mineralità. L’occasione per degustarli è stata una cena al Sushi B di Milano, in cui l’estro dello chef Nobuya Niimori ha permesso un sodalizio perfetto tra proposte fusion e i vini della Cloudy Bay, Sauvignon Blanc, Chardonnay, ma anche Pinot Noir, per una esperienza sensoriale intrigante e sorprendente.


(Sauvignon Blanc 2015)

Il Sauvignon Blanc, annata 2015, è stato abbinato a un carpaccio di capesante di Hokkaido e gamberi rossi di Mazara del Vallo, bottarga e vinaigrette di yuzu soia. In questo piatto la dolcezza del gambero ha smorzato la sapidità della bottarga ed entrambi questi sapori sono stati esaltati dalla freschezza del vino, che ha accompagnato, senza sovrastare, la persistenza del gusto in un equilibrio perfetto.    

  
(Chardonnay 2014)

Un Salmone Tataki con salsa Karashi su miso ha invece visto l’abbinamento con uno Chardonnay 2014, vino dalla grande mineralità, fresco, che in bocca ha rilasciato sapori di frutti maturi e una nota di speziatura, datagli dal passaggio in botte di rovere francese, per un anno, prima di essere imbottigliato. Anche in questo caso un accostamento misurato e ben riuscito.


(Te Koko 2012)

La vera sorpresa della serata è stato il Cloudy Bay Te Koko 2012, un Sauvignon (dal tappo a vite) che ha fatto ben 14 mesi di barrique, il 14% in legno nuovo e il restante 86% in legno di secondo passaggio,e che si porta con sé, al naso e in bocca, tutto il sentore di affumicatura, lungo e persistente. E’ un vino intenso, pieno, dalla struttura importante, l’orgoglio della cantina. Tra le etichette della Cloudy Bay dal 2000, rappresenta un nuovo modo di fare Sauvignon, in cui gli interventi sono limitati al minimo, per lasciare il vino a fermentare lentamente nelle botti di quercia, prima di raggiungere la maturità. Perfetto servito con Carpaccio di tonno con mango e salsa ai frutti tropicali.


(Te Wahi 2014)

Il corrispettivo in nero del Te Koko è il Cloudy Bay Te Wahi 2014, un Pinor Noir Riserva, in cui le uve sono state diraspate per il 90%, mentre un 10% di raspi è stato lasciato durante la fermentazione. A contatto con le bucce dai 17 ai 22 giorni, il mosto è stato poi passato in barrique   di rovere francese (nuove per il 30%) per 14 mesi. Il risultato è un vino strutturato, che rilascia al naso sentori di frutta matura, lampone, mora, prugna nera e spezie,oltre al caratteristico profumo di affumicato. Al gusto è risultato fresco, con tannini importanti ma non più ruvidi, e con un finale persistente, che ha leggermente sovrastato l’ombrina Yuansansyo cotta alla brace cui era stato abbinato.

Grandi vini tutti, la scommessa sarebbe ora quella di provare a trovare nuovi accostamenti tra le proposte della più conosciuta cucina mediterranea.
 

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY