Banner
29
Mar

Vinitaly 2012: il bilancio dei produttori

on 29 Marzo 2012. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Vini e territori


Da sinistra Diego Cusumano, Gianfranco Fino e Angelo Muto

Vinitaly 2012, il responso:  vincente la formula dei quattro  giorni, grande apprezzamento da parte dei produttori, maggiore affluenza di operatori del settore, soprattutto quelli provenienti dall'estero e molte aspettative per il prossimo anno.

Insomma tutto perfetto, o quasi, se non fosse che ancora una volta su infrastrutture e sulla logistica l’organizzazione e’ risultata carente, come hanno lamentato molti produttori. In generale è pioggia di pareri positivi su questa nuova edizione.
 
"Grande
 afflusso e qualitativamente una grande partecipazione – dice Antonio  Rallo, 
presidente Assovini Siclia -. La Sicilia si dimostra sempre un territorio 
interessante sia per gli italiani sia per gli stranieri. Rispetto all'anno 
scorso, grazie al cambio dei giorni, c'è stato infatti un afflusso
 maggiore di pubblico selezionato, soprattutto di  operatori del settore. I soci Assovini hanno 
apprezzato la formula dei quattro giorni che ha visto una maggiore 
concentrazione di lavoro e un maggiore ordine rispetto agli anni precedenti".

Più operatori del settore soprattutto stranieri. Così come afferma Benedetta Poretti, responsabile 
comunicazione dell'Azienda Duca di Salaparuta che oggi insieme alla linea Corvo vanta una produzione di 10 milioni di bottiglie. “Con l'estero è andata 
meglio anche se ancora la gente deve prendere il ritmo 
di questa nuova formula".

Più che soddisfatto Diego Cusumano, titolare dell’azienda Cusumano, 2,5 milioni di bottiglie prodotte: “Un Vinitaly meraviglioso - dice - mi sono divertito, e credo che questa non sia una cosa da poco”.

Anche il Vivit, alla sua prima edizione, sotto l'aspetto affluenza è 
risultato positivo, anche se la maggior 
parte del pubblico, come testimonia Giusto Occhipinti, titolare dell'Azienda
 Cos di Vittoria, che produce 150 mila bottiglie, e’ stato per lo più di curiosi e non di clienti. "Come 
inizio non è male - afferma il produttore - si deve però lavorare molto per cercare di
 migliorare l'aspetto logistico".

Soddisfatto anche Alberto 
Graci, titolare dell'Azienda Graci, che per la sua produzione di 15 mila bottiglie annue ha trovato utile la riduzione di un
 giorno della fiera consentendo una maggiore concentrazione degli
 appuntamenti. Per Graci anche evitare il sabato, negli anni precedenti
 giornata super affollata di gente poco interessata, ha permesso una
maggiore selezione.

Dello stesso parere anche Luigi Sarno, titolare
 dell'aziende Cantine del Barone, piccola realtà di Cesinali nell'avellinese con 16 mila bottiglie. "Abbiamo lavorato meglio, inoltre abbiamo avuto grande riscontro da parte dei giornalisti del 
settore e appassionati."

Un po' di amarezza esprime invece Angelo Muto, 
titolare di Cantine dell'Angelo, azienda di Tufo, in provincia di Avellino,  sul mercato con 40 mila bottiglie. "A differenza degli altri anni - afferma - si respira un'aria più 
industriale e molto meno agricola. È come se di desse meno importanza alla
 viticultura".

Parere positivo da parte di alcuni 
produttori della Puglia, che considerano questo come un anno di 
transizione, di rodaggio, che va valutato in una prospettiva più lunga. Gianfranco 
Fino, titolare dell'omonima azienda che conta una produzione di 18 mila bottiglie a Lama in provincia Taranto, lamenta una carenza di appassionati "Abbiamo lavorato molto bene - dice Fino - 
anche  se secondo 
me si potrebbe migliorare ancor di più il format della Fiera, dedicando  due
giorni agli appassionati e due al trade". 

Gabriele De 
Falco, titolare azienda De Falco a Novoli  in provincia di Lecce, che produce 200 mila bottiglie, dice la sua: "La 
formula va bene ed è stata apprezzata dagli operatori
 provenienti dall'estero che non amano molto la confusione del fine
 settimana, anche se ancora c'è qualcosa da perfezionare, e in questo l’Ente Fiera deve adoperarsi soprattutto in una migliore gestione degli spazi e della logistica”.

Anno di grande successo per Heres società in provincia di Arezzo che distribuisce cantine come Marco De Bartoli, Terzavia, Pol Roger, Marc de Grazia, Case Basse Soldera, Brùton. Afferma l’amministratore delegato Cesare Turini: "Se il Vinitaly fosse un termometro per misurare la crisi, 
potremmo dire che non c'è crisi. Quest'anno si è respirato un bel clima, molta partecipazione, molti più operatori del settore. Allo 
stand abbiamo registrato il doppio delle presenze rispetto all'anno scorso 
e ai precedenti. E voglio evidenziare che si trattava 
di professionisti, di importatori. Se il 2008 è stato l'anno dei timori, il 
2012 si potrebbe definire l'anno della ripresa: si è tornato a fare ordini 
e questo per noi è un fattore più che positivo”.


Maria Antonietta Pioppo


Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Video

Video/2

Video/3

Facebook Fan Box

Ultimi commenti

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Isidoro La Lumia, 98
90139 Palermo
tel. 0917726885
fax 0917726884
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Marketing ed eventi:
Maria Antonietta Pioppo

Collaboratori
Alessandro Alì
Cristina Barbera
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Elisa Costanzo
Stefania Giuffrè
Stefano Gurrera

Manuela Laiacona
Francesca Landolina
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Francesco Pensovecchio
Rosa Russo
Dalila Salonia
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it