Banner
Banner
04
Mag

Massimo Bottura: "Siamo cresciuti molto lentamente per rompere con la tradizione"

on 04 maggio 2018. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il personaggio


(ph Ansa)

All'Osteria Francescana di Modena, tre stelle Michelin e portabandiera della cucina italiana nel mondo, "siamo cresciuti come un albero, molto lentamente. Abbiamo radici e forza, che serve soprattutto quando vuoi rompere con la tradizione". 

Lo ha detto lo chef Massimo Bottura, intervenuto agli "Appuntamenti con l'ingegno" promossi dalla Luiss e Comitato Leonardo, secondo appuntamento dedicato al tema "Il cibo di qualità, i motivi del successo italiano". "In Italia - per Bottura - è molto duro fare innovazione: 25 anni fa, il mio piatto Parmigiano in cinque consistenze è stato giudicato da tutti come folle, persino un attentato al Parmigiano Reggiano. Solo Umberto Panini, quello delle figurine, disse che questo piatto avrebbe portato l'Italia nel mondo. Poi 20 anni fa è stato capito per quello che era, raccontava lo scorrere del tempo. Ed è stato designato come Piatto del decennio".

Il ristorante, sul podio mondiale, è frutto di sacrifici personali ("anche due anni senza ferie", ha confessato Bottura) e di un sogno: "Avevo promesso a mio padre - ha raccontato - di portare le tre stelle Michelin in Emilia Romagna, e, come tutti gli italiani, di sfidare e vincere sui francesi". "Al ristorante - ha detto lo chef de La Francescana - facciamo cucina, ma anche agricoltura, artigianato e formazione. Abbiamo 2mila curricula da tutto il mondo che aspettano di imparare a disidratare l'acqua di mare, affinare un Aceto Balsamico Tradizionale, o stagionare un Parmigiano. Questi 2mila curriculum saranno poi ambasciatori del gusto, della cultura gastronomica e dello stile di vita italiano, capaci di attrarre a Modena un turismo qualificato che viene per l'arte, la lirica, e per ultimo per capire il pensiero di un cuoco".

"Un mestiere in cui occorre aver pazienza e memoria - continua lo chef -. In questo mi piace citare Bob Dylan: mi alzo la mattina e vado a letto la sera ogni giorno, dopo aver fatto il lavoro che ho sempre desiderato. Ora che la vita mi ha dato tutto, è arrivato il momento in cui devi restituire Nasce così il Refettorio, un progetto solidale, ma anche un modo per dimostrare che non c'è bisogno di produrre di più, ma di consumare meno e meglio. Ho raccolto l'adesione di 60 grandi chef di ogni angolo del mondo. E grazie al cardinale Scola, papa Francesco e altre eminenze, l'idea di un cuoco è forse il simbolo più lungimirante dell'Esposizione Universale a Milano".

C.d.G.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY