Banner
Banner
14
Feb

Enzo Vizzari: disaffezione verso le guide. La causa? Sono troppe e c’è troppo livore in certi blog

on 14 Febbraio 2012. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il personaggio


Enzo Vizzari e Fabrizio Carrera

La disaffezione verso le guide? Esiste, è fuor di dubbio.

Sia quelle ai ristoranti che quelle rivolte al vino sono nel mirino. La colpa? C’è un’offerta sterminata, creata da troppi improvvisatori e da gente che si inventa un mestiere. E poi la colpa è anche di certi blog. A parlare è Enzo Vizzari, direttore delle guide de L’Espresso. L’ex manager divenuto una dozzina di anni fa uno dei più autorevoli critici enogastronomici parla a una platea attenta, quella degli studenti partecipanti al master in cultura della comunicazione e del gusto organizzato dall’università di Palermo e quella di un po’ di appassionati del settore tra cui giornalisti e blogger intervenuti all’incontro.

"La disaffezione - spiega ancora Vizzari - dipende dal fatto che c’è un’offerta sterminata e ci sono molti "guidaioli" che sono nati sull’onda dell’improvvisazione. Il lettore si trova così disorientato. In più il gioco al massacro dei blogger, altro non ha fatto che danneggiare il sistema, con i giudizi negativi, che sono diventati una palestra dell'approssimazione, della malafede, della volontà di nuocere. Dimenticando che chi compra una guida, la compra solo per sapere dove andare. Ma attenti, sono contro la censura, sono un liberal e ritengo che internet sia un grandissimo strumento di libertà e conoscenza. Anche se penso che prima o poi l'informazione in rete si autoregolamenterà". Non è l’unico giudizio sferzante lanciato durante l’incontro allo Steri di Palermo. L’altro riguarda i vini cosidetti naturali. "Non mi lascio impressionare dall'etichetta o dalle certificazioni - spiega - sono un laico, poiché credo che il vero giudice, come per un piatto, sia il palato. Se ci affideremo al nostro palato, non sbaglieremo. E comunque i peggiori vini biologici o biodinamici li ho bevuti in Sicilia". E sul vino siciliano, più in generale, liquida l’argomento con una battuta: "La Sicilia si è ubriacata".

Il discorso si sposta sulla scelta del ristorante o di un vino. Vizzari dice che non per forza ciò che costa di più è migliore, bisogna sapere scindere le due cose e soprattutto saper scegliere. Forse la mancanza di un interesse per la critica enogastronomica, da parte della stampa generalista, ha creato quello che lui stesso definisce "la pornografia della gastronomia", che vede sfornare in tv qualsiasi tipo di trasmissione avente come protagonisti cuochi e "cuochini": conferma del fatto che un settore così importante non abbia uno spazio ben definito sulla stampa generalista come accade ad altri settori, dalla musica alla letteratura.

"Fare critica su un settore del genere - riprende Vizzari - è imprescindibile dal fatto di saper cucinare -. Purtuttavia può rappresentare un valore aggiunto, quel know-how in più che diventa fondamentale nell'analisi sensoriale di un piatto e di un cibo nel momento in cui si deve esprimere un giudizio". In fondo il critico gastronomico altro non è che qualcuno che si deve porre super partes nel giudicare un piatto, un vino o un ristorante. "Fondamentale è il palato che va allenato giorno per giorno, ma ci vuole grande impegno e grande umiltà".

E poi il ragionamento corre veloce verso la scoperta di Massimo Bottura alcuni anni fa, oggi nell’olimpo della ristorazione europea con la sua Osteria La Francescana a Modena. "Lo conobbi per caso e dopo una cena da lui il voto in guida passò da 13 a 16 ventesimi e il collaboratore che lo aveva recensito fino a quel giorno smise di scrivere per la guida de L’Espresso", rivela Vizzari. Ed ancora i ricordi dell’infanzia, la passione per la cucina, per Parigi, il suo rapporto con i ristoratori. Due ore di intervista pubblica passate davvero in fretta.

Maria Antonietta Pioppo

Share

Commenti  

 
+5 #1 Carlo Merolli 2012-02-14 12:35 "I vini peggiori…" : nomi e cognomi oppure silenzio. Una affermazione lecita ma gratuita immotivata e generalizzata. Atta a motivare insoddisfazione , preoccupazione e "paure" per chi inmassima onestá si cimenta a produrre vini senza additivi, conservanti, coloranti, correttivi etc etc. Affermazione comunque ofensiva che accomuna il giusto con il peccatore. Non mi sembra
il massimo per un responsabile di guide…Forse anche queste esternazioni sono il motivo per cui le guide non vengono piu´tanto acquistate.
Citazione
 
 
+4 #2 mirko 2012-02-14 12:58 pienamente d'accordo sul fatto che le guide siano veramente tante e le opinioni di ciascuna di esse siano diverse e spesso totalmente contrastanti… ma dire che la "sicilia si sia ubriacata" e che i peggior vini biodinamici si producono proprio nella nostra amata terra mi sembra una frase che, mi perdoni se mi permetto, non sta forse ne in cielo ne in terra… Citazione
 
 
+12 #3 ENZO VIZZARI 2012-02-14 15:50 Il signor Merolli ha perfettamente ragione. Pero'…tutti i presenti alla mia chiacchierata di ieri - escluso Fabrizio Carrera o chi per lui ha scritto il resoconto (parecchie imprecisioni) - possono testimoniare che non ho affatto detto che "i peggiori vini naturali…li ho bevuti in Sicilia". Ho invece detto che ho bevuto vini pessimi un po' ovunque, "ANCHE in Sicilia". Citazione
 
 
+5 #4 Nino Panicola 2012-02-15 10:20 Credo che Vizzari sia stato coinvolto in degustazioni di vini "del contadino" e non ha certamente assaggiato i vini biologici e biodinamici che ho avuto la fortuna di avere nel mio bicchiere. Tra questi ne cito solo uno che da solo parla di straordinarietà . E' il Sensoinverso di Abbazia Santa Anastasia, sia nella versione Nero d'Avola che Cabernet Sauvignon. Peraltro Vizzari non sa che, al di la delle certificazioni, un buon 80% delle uve siciliane viene allevata in regime di reale biologico, in quanto non subisce trattamenti chimici di nessun genere. Quindi se una polemica si vuole aprire, la dirotterei sulla effettiva conoscenza del panorama vinicolo siciliano da parte di Vizzari. Su questo discutiamone … Citazione
 
 
0 #5 mirko 2012-02-15 10:36 beh sarebbe allora il caso di dire che e' stato un equivoco… Citazione
 
 
+4 #6 indignato 2012-02-15 11:47 Avete bevuto il miglior vino secondo la guida dell'espresso in Calabria?????

Imbevibile… da quale pulpito…
Citazione
 
 
+3 #7 Monfortino 2012-02-15 13:31 Citazione indignato:
Avete bevuto il miglior vino secondo la guida dell'espresso in Calabria?????

Imbevibile… da quale pulpito…

chi hanno premiato ?
Citazione
 
 
+7 #8 Gerry 2012-02-15 15:37 Citazione Nino Panicola:
Peraltro Vizzari non sa che, al di la delle certificazioni, un buon 80% delle uve siciliane viene allevata in regime di reale biologico, in quanto non subisce trattamenti chimici di nessun genere

Questa 80% da dove salta fuori, ha tirato un numero a caso oppure può condividere con noi la fonte? Reale biologico? Ma và!!!!!!!
Citazione
 
 
+6 #9 Marco 2012-02-15 18:57 fortunatamente c'è ancora chi crede nel progetto qualità e non nel vino della nonna…biologic o e biodinamico..la scienza e la scemenza, ed intanto nel mondo la sicilia ormai offre nella maggior parte dei casi vini poveri, scarsi, che durano a stento il viaggio per arrivare oltreoceano..non saremo mai in grado di raggiungere i traguardi della Francia, del Piemonte e della Toscana, non abbiamo il carattere e non riusciamo ad investire seriamente nel riposo in cantina, essenziale, per fare il VINO ci vuole tempo non bastano 18 mesi..il risultato? Italia prima per volume (quantità) esportato ed indietro per volume d'affari esportato (valore): a noi il prosecco (o nero d'Avola ad 1 euro) e agli altri il Brunello ed i vari Chateaux..speriamo che passi presto la moda di questi vinelli fatti con il corno!! …le guide? NO COMMENT, immorali, non eque, nè soprattutto tecnicamente preparati i giornalisti..quanti di questi sanno fare il vino? Sanno solo come si beve non hanno mai avuto neanche l'idea di come si producono… Citazione
 
 
+1 #10 Monfortino 2012-02-16 13:43 Citazione Marco:
Sanno solo come si beve non hanno mai avuto neanche l'idea di come si producono…

il 99,99 % di chi beve vino sa solo berlo, come il 99,99 % di chi mangia dolci non fa certo il pasticcere , il 99,99 % di chi legge libri non ha mai pubblicato nulla e il 99,99 per cento di chi va al cinema non fa certo il regista . il suo esempio mi sembra alquanto bizzarro e poco calzante !
Citazione
 
 
+7 #11 Marco 2012-02-16 16:16 Citazione Monfortino:
Citazione Marco:
Sanno solo come si beve non hanno mai avuto neanche l'idea di come si producono…

il 99,99 % di chi beve vino sa solo berlo, come il 99,99 % di chi mangia dolci non fa certo il pasticcere , il 99,99 % di chi legge libri non ha mai pubblicato nulla e il 99,99 per cento di chi va al cinema non fa certo il regista . il suo esempio mi sembra alquanto bizzarro e poco calzante !


Corretto: …avevo dimenticato: "Sanno come si beve non hanno idea di come si produce, e si permettono di giudicare." Come dire che siano i pasticcieri a muovere pubblica critica ai pasticcieri, solo il pasticciere può sapere quale sforzo è necessario a produrre quel dolce (Giudizio Critico)
Poi sarà il mercato a giudicare la vendibilità del prodotto (giudizio di mercato): sapore, colore, dolcezza, aspetto ecc, come aggregazione delle domande. Parere mio. Il giornalista può bere e giudicare di suo, ma a pubblicare dovrebbe stare attento. Altra critica: I panel di assaggio ormai sono nella maggioranza dei casi formati da 1-2 persone per area geografica, solo un numero almeno 10 volte superiore riesce a garantire oggettività di giudizio…ma poi gli interessi..
Citazione
 
 
-4 #12 Giovanni 2012-02-16 20:06 Hahahahahahahah ahahahahahahaha h ahahaha…aiaiai!! !! So già quale guida di riferimento promuove biologici e biodinamici siciliani da lavandino… hihihi. Grande Vizzari. Chissà chi l'ha consigliato al tavolo. D'altra parte ci si lascia consigliare sempre, anche i grandissimi lo fanno :) Citazione
 
 
+3 #13 Marco C. 2012-02-17 10:49 Citazione:
Citazione:
Sanno solo come si beve non hanno mai avuto neanche l\'idea di come si producono…

il 99,99 % di chi beve vino sa solo berlo, come il 99,99 % di chi mangia dolci non fa certo il pasticcere , il 99,99 % di chi legge libri non ha mai pubblicato nulla e il 99,99 per cento di chi va al cinema non fa certo il regista . il suo esempio mi sembra alquanto bizzarro e poco calzante !

Carissimo Monfortino o lei è un giornalista o non è un blogger attento. Nelle ultime settimane su questo sito sono apparsi degli articoli che criticavano e valutavano persino l\'utilizzo di prodotti enologici (articolo Sig.Montes)facendo passare noi enologi come una sorta di chimici adulteratori. Non le sembra increbibile che gente con nessuna preparazione tecnica si imbarchi in determinate questioni? Quindi mi sembra poco calzante anche il suo intervento e condivido in pieno l\'intervento del mio omonimo.
Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY