Banner
Banner
02
Nov

Niko Romito al Salone del Gusto in tre tappe

on 02 November 2012. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il personaggio

Territorio e tradizione ma con una personale ed innovativa interpretazione contemporanea è il tratto distintivo della cucina di Niko Romito, 38enne chef autodidatta due stelle Michelin, tra i migliori che possa vantare il nostro Paese, sicuramente il primo in Abruzzo.

Lo abbiamo incontrato al Salone del Gusto, dove è stato impegnato in diverse attività e lo abbiamo seguito in tre eventi che hanno avuto per tema il connubio tra alta cucina e didattica.

Il primo lo ha visto protagonista insieme alla pasta Garofalo di una lezione di cucina. “Ciò che può fare la differenza – spiega Niko – in un piatto di pasta è la diversa tecnica di cottura, in base alla quale si possono estrarre tutti gli amidi per ottenere una mantecatura cremosa se cuociamo la pasta direttamente nel liquido con cui la condiremo o completa se gli amidi vengono scaricati nell’acqua di cottura”. Niko ha presentato due ricette diverse per ispirazione e carattere: capellini con cime di rapa, cotti nell’acqua estratta dalla centrifuga della verdura, avvolgenti e morbidi e mezze maniche con acciughe, peperoncino e cime di rapa in gel con sfumature amare/sapide in perfetto equilibrio. “Una variante di cottura per la pasta  – ci rivela Niko – con cui ho costruito una ricetta per il mio menu  è quella della pasta all’uovo fritta e cotta in padella, con un assorbimento perfetto del sugo ed una consistenza straordinaria”.


Mezze maniche con acciughe, peperoncino e cime di rapa

Durante il secondo appuntamento 20 partecipanti al laboratorio “Quinto quarto, la cucina senza sprechi” hanno seguito le indicazioni di Niko e preparato due ricette con ingredienti di recupero. “L’intervento del cuoco – sottolinea Niko - serve a valorizzare materie prime tipiche della tradizione contadina, come gli ortaggi e i tagli di carne più poveri. Con costi bassissimi e qualche variante si possono ottenere piatti molto interessanti”. Piatto popolare per eccellenza, la trippa di agnello con pomodoro diventa una ricetta gourmet grazie alla vivace aggiunta di scorza di arancia grattugiata e di pecorino molto stagionato. Per il secondo piatto, un semplice pancotto a base di pane raffermo, il tocco dello chef è un uovo crudo per un ben riuscito contrasto caldo/freddo e succo di limone che rinforza l’acidità del pomodoro e smorza la grassezza del tuorlo.


Pancotto con uovo crudo

Infine, la presentazione dei nuovi corsi della scuola di cucina “Niko formazione”, sostenuta dall’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo e Slow Food, inaugurata sei mesi fa. “Negli ultimi 10 anni – ci tiene a comunicare Niko - il mondo della ristorazione e la figura del cuoco si sono evoluti moltissimo. Tanti ragazzi vorrebbero intraprendere questa strada perché va di moda fare lo chef. Noi cerchiamo di porre dei filtri e il nostro territorio è uno di questi, immerso in un contesto naturale e lontano dai grandi centri. Inoltre sottoponiamo gli aspiranti allievi ad un test di ingresso e ad altri intermedi durante il corso di  quattro mesi, alla fine del quale è previsto uno stage per altri   quattroin un ristorante. Durante la formazione – continua - organizziamo incontri con piccoli produttori con l’obiettivo di trasmettere cultura gastronomica oltre che competenze di tecniche di cucina. Tra le attività collaterali, abbiamo creato delle vigne sperimentali in un progetto con Attilio Scienza, come l’impianto di vigne da pecorino più alto d’Italia a  millecinquecento metri di altezza e stiamo lavorando ad un orto didattico pronto per la prossima primavera”.  


Niko Romito in un momento del laboratorio

“Ciò che differenzia questa scuola da altre – fa sapere Nicola Perullo dell’Unisg - è il numero di partecipanti molto limitato per un rapporto più diretto con il docente e uno scambio costante tra la scuola e il mondo del lavoro in cucina. La nostra università ha deciso di sostenere questo progetto anche per favorire lo sviluppo di nuove economie legate al cibo”. A conferma che la ricetta vincente nell’alta ristorazione che sempre più giovani chef  stanno facendo propria è un misto di identità e creatività, senza dimenticare una continua ricerca e l’audacia di sapere osare restando umili.

Reale Casadonna
Contrada Santa Liberata
Castel di Sangro (AQ)
Tel. 0864 69382
Email Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Daniela Corso

Share

Commenti  

 
-1 #1 pierina 2012-11-03 11:48 Ma con tutta quella pasta nel piatto non si ingrassa? Sicuramente servirà ad equilibrare l'eccesso di cime di rapa
e per poter saziarsi e non mangiare quel poco invitante uovo crudo in bella vista
Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Anna Sampino
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it