Banner
Banner
29
Set

Niente solfiti e vinificazione in vasche di pietra: ecco i risultati del progetto Vini Naturali

on 29 Settembre 2015. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - La novità

(Franco Giandomenico, Beniamino Di Domenica, Franco D'Eusanio, Dino Mastrocola e Maurizio Odoardi)

L’azienda agricola biologica Chiusa Grande di Franco D’Eusanio, ubicata a Nocciano, in provincia di Pescara, ha presentato i dati riepilogativi del progetto di sperimentazione “Vi.Na - Vini naturali”. 

Presso la Sala Figlia Di Jorio della Provincia di Pescara sono stati riassunti gli incoraggianti esiti della ricerca che rientra nel Programma di Sviluppo Rurale Abruzzo 2007/2013, Misura 1.2.4., e che ha avuto il supporto del Fondo Europeo Agricolo per lo sviluppo rurale. Grazie all’appoggio scientifico del C.Ri. V.E.A. (Centro di Ricerca Viticola ed Enologica d’Abruzzo), dell’Università di Teramo e dell’Università di Pescara-Chieti, per la prima volta in Abruzzo si sono portati avanti contemporaneamente 3 linee sperimentali in chiave di agricoltura biologica: gli aspetti sensoriali e tecnici legati ai vini senza solfiti aggiunti; i dettagli riguardanti la produzioni di vini spumanti secondo il Metodo Classico; le particolarità del profilo organolettico delle micro e macro vinificazioni in vasche di pietra di Pietranico, in provincia di Pescara.

Per quanto concerne questo ultimo innovativo aspetto, proveniente da una tradizionesecolare, tutti gli esperti hanno concordato sul fatto che i vini (ben riconoscibili per sapidità e mineralità) e le vasche rupestri (concentrate in numero maggiore a Pietranico rispetto al resto dell’Abruzzo) costituiscono nuovi elementi attrattori in termini di identità territoriali per l’intera regione.

Domenico Francomano, direttore del Gal Terre Pescaresi ha ribadito che la necessità di puntare sulle particolarità delle risorse agro-alimentari dei singoli territori non può prescindere dal legame con le tantissime testimonianze storiche e culturali presenti in Abruzzo. In questo senso, ha segnalato come paradigmatico e virtuoso il caso dei vini autoctoni “In Petra”, Trebbiano e Montepulciano d’Abruzzo, vinificati in vasche di pietra di Pietranico secondo un approccio che rifugge l’omologazione e mira alla rivalutazione della tradizione; tema su cui ha relazionato il ricercatoreEdoardo Micati. Entusiasti dell’iniziativa il presidente della Provincia Antonio Di Marco insieme ai sindaci Lorenzo Mucci e Francesco Del Biondo, dei Comuni di Nocciano e Pietranico rispettivamente.

(Antonio Di Marco, Franco D'Eusanio, Lorenzo Mucci e Francesco Del Biondo)

Dino Mastrocola, professore della Facoltà di Bio-scienze e Tecnologie Agro-Alimentari e Ambientali   dell’Università di Teramo, e gli enologi dell’azienda Franco Giandomenico e Beniamino Di Domenica hanno sottolineato l’importanza del rigore scientifico nell’approccio sperimentale per garantire un prodotto finale che rispecchi la filosofia aziendale nel rispetto assoluto del benessere del consumatore. Va segnalato che i vini vinificati nella pietra di Pietranico sono privi di cessioni minerali e metalliche nocive, quindi non ci sono elementi che compromettono la stabilità chimico-fisica del vino e la sua salubrità. Maurizio Odoardi, direttore del C.Ri. V.E.A., ha fornito un quadro complessivo del panorama vitivinicolo regionale: costituito da circa 32 mila ettari e con una produzione nel 2014 di quasi 4 milioni di ettolitri di vino (di cui circa 1.5 milioni sono a Denominazione d’Origine e Indicazione Geografica). Odoardi ha ricordato l’assetto nuovo dell’Ocm(Organizzazione Comune dei Mercati), che prevede l’abolizione del diritto di impianto.

Cioè, dall’anno prossimo l’acquisto di una nuova parcella adibita a vigneto deve presupporre l’esistenza pregressa di un vigna nello stesso luogo con relativo permesso per impiantare. 
Tutti i risultati dello studio “Vi.Na - Vini naturali" di Chiusa Grande – istogrammi del profilo sensoriale, analisi del panel, l’analisi petrologica sviluppata da Francesco Stoppa, professore di Geochimica e Vulcanologia dell’Università D’Annunzio di Chieti - Pescara e altre informazioni – saranno oggetto di  pubblicazione cartacea e saranno anche consultabili sul sito aziendale: www.chiusagrande.com.

C.d.G.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Anna Sampino
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it