Banner
Banner
21
Mag

Non c’è pace per il Cluster Bio-Mediterraneo Infiltrazioni dal tetto e si allaga tutto

on 21 maggio 2015. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - L'evento

L'assessore siciliano all'Agricoltura Nino Caleca: "Chi ha sbagliato pagherà"

Non c’è pace il Cluster Bio-Mediterraneo. Dopo alcuni giorni che sembrava stessero portando tutto ad una normalità, la pioggia di queste ore ha di nuovo fatto precipitare tutto. 

Dal tetto l’acqua continua ad entrare e gli spazi allagati non si contano più. Tanto che è stata chiusa un’intera area perché praticamente inutilizzabile.

Oggi la Commissione attività produttive dell’Ars ha sentito in audizione l’assessore regionale all’Agricoltura, Nino Caleca, e il responsabile unico del padiglione Dario Cartabellotta tra cui, subito dopo il flop dell’inaugurazione con i locali del cluster allagati e vuoti, c’era stato un duro scambio di battute. Caleca non ha usato mezzi termini: “Chi ha sbagliato pagherà”, annunciando l’ormai certa procedura di richiesta di risarcimento nei confronti di Expò”, passando in rassegna quanto previsto dal contratto stipulato dalla Regione: “Dovevano consegnare il padiglione il 30 dicembre del 2014. Ma noi abbiamo messo piede dentro il padiglione alle 23 del 30 aprile. Il mio pass è stato rilasciato alle 23 e fino a quell'ora all'assessore era stato negato l'ingresso al cantiere perché l'accesso era consentito solo agli addetti ai lavori. Anche l'assessore alle Attività produttive, Linda Vancheri, ha tentato di entrare ma non è riuscita. Il 24 è scattato il 'tutti fuori' per le bonifiche antiterrorismo e siamo rientrati solo la sera prima dell'inaugurazione ufficiale".

Rimangono i dubbi sul rapporto, ormai piuttosto incrinato tra Caleca ed il responsabile unico del biocluster, Dario Cartabellotta.

Intanto la pioggia non agevola di certo le cose. Oggi, a causa delle infiltrazioni, ha chiuso lo stand della pasticceria.

“Abbiamo inoltrato una nota scritta ad Expo per il problema delle infiltrazioni tre giorni fa – dice a Repubblica Giuseppe Di Minio, delegato responsabile del Cluster Bio-Mediterraneo – senza mai ottenere risposta. Riteniamo che le nostre siano richieste legittime, perché potere offrire i prodotti siciliani nelle migliori delle condizioni possibili, è doveroso. Queste cose fanno male a noi, ma soprattutto all’immagine di tutta la Sicilia”.

Chiusura sulle polemiche della “trasparenza” dei soldi spesi per il Cluster. Caleca ha confermato che sul sito siciliabiomediterraneo.it, sarà possibile tenere d’occhio tutto. “Ma – ha detto Caleca – in cima alle cose su cui fare luce c’è il rapporto con la società Manpower per la gestione in loco di alcuni servizi: un contratto da 600 mila euro che si “sono aggiunti ai 3 milioni di euro destinati al cluster. Mi chiedo se non poteva essere utilizzato il personale dell’Ex Fiera del Mediterraneo”.

Nel mirino anche “il conto separato" utilizzato da Cartabellotta e la sua gestione. “Ci sono – ha detto Caleca - 100 mila euro per incarichi professionali: voglio sapere chi li ha ricevuti”.

"Manpower è aggiudicataria del bando delle risorse umane per Expo – ha risposto nel corso della sua audizione in Commissione Cartabellotta - In termini di costi sarebbe più alto utilizzare i nostri dipendenti, basti pensare ai costi che ci sarebbero per la permanenza a Milano. Manpower ha assunto tutti gli oneri in merito a oneri del lavoro".

C.d.G.

Share

Commenti  

 
0 #1 Salvatore Passalacqua 2015-05-22 09:36 Personalmente non mi soffermerei su chi a speso e quanto, almeno non in questo momento. La vera tragedia sta nel fatto che nessuno dei nostri governanti si è fatto invitare in una televisione pubblica per spiegare che, i tanto precisini lombardo-milanesi, hanno toppato. Continua a passare il messaggio che siamo i soliti siciliani che non si sanno organizzare mentre, almeno questa volta, non è così ma non si deve dire. Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY