Banner
Banner
19
Set

La “Resistenza Casearia” degli artigiani del formaggio a Cheese

on 19 Settembre 2011. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - L'iniziativa


Alberto Ravasio e la moglie

A difesa del patrimonio caseario tradizionale e dei contesti agro-pastorali più deboli.

Sono gli obiettivi che Slow Food si pone con il suo progetto “Resistenza Casearia”, nato circa un anno fa dalla collaborazione con AnfoSC, Corfilac ed Onaf. L’edizione 2011 di Cheese ha riservato uno spazio ai produttori che fanno parte di questo progetto, per permettere loro di raccontare le loro storie e quelle delle loro produzioni casearie, spesso sconosciute e che senza un adeguato sostegno rischiano di scomparire. Tra i giovani pastori italiani, Ruben Lazzoni, allevatore di capre camosciate francesi, che insieme alla moglie Roberta gestisce l’azienda La Chèvre Heureuse nel piccolo comune di Saint Marcel, vicino il capoluogo valdostano. “Le difficoltà – racconta Ruben - sono tante, ma la soddisfazione di vivere a contatto con la natura in un ambiente montano, ancora abbastanza incontaminato ci dà la forza di andare avanti. I nostri maggiori sforzi sono quelli relativi alla commercializzazione dei nostri prodotti e la nostra resistenza è attiva soprattutto riguardo ad una concorrenza industriale più forte di noi piccoli produttori artigianali”.


Ruben e Roberta Lazzoni

Un’altra realtà di confine e di contesto fragile che il progetto di Slow Food difende è quella delle Prealpi Orobiche, tra le montagne di Bergamo, Sondrio e Lecco e che riunisce sei formaggi riuniti sotto il marchio “Formaggi principi delle Orobie”. Sono presenti tra questi i tre Presìdi Slow Food dei formaggi Agrì Valtorta, Bitto storico e Stracchino all’antica delle Valli Orobiche. Un altro formaggio molto interessante e poco noto è lo Strachitunt Valtaleggio, un erborinato a pasta cruda che il produttore Alvaro Ravasio ci racconta così: “Potremmo definirlo l’antenato del gorgonzola, prodotto da latte intero e crudo di una sola mungitura e ottenuto dall’unione di due cagliate lavorate a distanza di 12 ore. Un’altra particolarità che o rende unico è la lavorazione a strati alternando cagliata calda e fredda fino ad ottenere 5 o 6 strati. Oltre a sviluppare un’ottima strategia di comunicazione – continua Ravasio - per fare conoscere il nostro formaggio fuori dal mercato locale, è altrettanto importante invogliare i consumatori a venire a conoscere l’arte casearia del nostro territorio”.
La “Resistenza Casearia” ha dato vita ad un gruppo d'acquisto solidale a livello nazionale che ogni quattro mesi propone una selezione di formaggi di giovani produttori aderenti al progetto che resistono, continuando a produrre a latte crudo e curando le razza autoctone dei loro territori.

Daniela Corso

Tags:
Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it