Banner
Banner
01
Feb

Dieci puntate dedicate alla Sicilia sulla Bbc

on 01 Febbraio 2012. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - L'iniziativa

C’è la pasta con le sarde. Quella alla norma. Il cous cous. Le arancine. L’insolito maialino nero dei nebrodi. Ed il pesce al sale.

Sullo sfondo il vulcano dell’Etna. La terrazza di Taormina. I gioielli di Palermo. E poi ancora i vigneti di Riesi. E le incantevoli viuzze di Siracusa, Trapani e Segesta. In sintesi, ma molto in sintesi, eco le dieci puntate de “L’avventura siciliana”, un documentario che andrà in onda sul canale Bbc Worldwide da aprile e che sarà visibile in Italia grazie alla piattaforma satellitare.

Protagonisti i due chef Enzo Oliveri e Aldo Zilli. Che a Londra sono due celebrità. Il primo, che ha già due ristoranti (La pasta e Igf, acronimo di Italian goodfellas”) ha intenzione di diventare il primo ad aprire nella città della Regina Elisabetta la catena dei Fratelli La Bufala. Intanto torna alle origini. E gira la Sicilia in lungo e in largo per mostrare ai “sudditi” come si vive e come si mangia nella sua terra natia. Spesso, troppo spesso, accostata solo a terminologie non propro di elogio. "Sicilia è mafia? – dice il regista Trevor Mc Callum – Ormai sono cose del passato. Chi lo dice lo fa nella pura accezione romantica. Per citare personaggi celebri come il Padrino, fenomeno di culto mai passato di moda".

I documentari sono un’idea nata parecchi anni fa. Ma concretizzata solo adesso perché ci sono voluti cinque anni per ottenere il finanziamento. Tre sopralluoghi e 15 giorni di riprese dopo, ecco il documentario che è stato proiettato in anteprima a Palermo.

"Da 16 anni vivo e lavoro a Londra – dice Oliveri -. Il progetto è nato dopo aver conosciuto Trevor. Tra un piatto di pasta ed un bicchiere di vino. Ed è anche un modo per ringraziare la mia terra di tutto quello che ha fatto per me». Il regista, rimasto folgorato dagli scenari siciliani, è sicuro. Gli inglesi ameranno la Sicilia: «Per loro questi documentari saranno una vera e propria sorpresa – dice Mc Callum -, perché conoscono solo il cibo italiano, non quello siciliano. Cosa amo della Sicilia? Tutto ed ogni posto. Da Taormina a Siracusa. Per non parlare di Cefalù. E Palermo, poi. Ci sono già tornato varie volte e ci ritornerò".

Per Stefano Cirillo, uno dei curatori del progetto, "si è sentita la necessità di partire da un’immagine che passa poco della nostra regione – dice -. Si tratta di una promozione turistica in un periodo importante come questo, visto che a Londra si disputeranno le Olimpiadi e visto che Londra e l’Inghilterra sono la porta dell’Europa".

Giorgio Vaiana

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY