Banner
Banner
07
Feb

Il vino che "vola sopra le nuvole": la degustazione con Ao Yun che conquista Milano

on 07 Febbraio 2019. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - La degustazione


(I vigneti di Ao Yun)

di Michele Pizzillo, Milano

Un vino che vola al di sopra delle nuvole. Ottenuto da uve che maturano in vigne piantate a 2.600 metri di altitudine. L’appellativo di vino che supera le nuvole è veramente azzeccato. 

Di più. “Ao Yun”, questo il nome dell’azienda, significa proprio “volare sopra le nuvole” o “passeggiare sopra le nuvole”. Il nome fa riferimento alle nubi dense che vagano sopra la regione dello Yannan, che in Cina si trova ai piedi dell’Himalaya, a ridosso del Tibet: la leggenda vuole che sia il luogo di nascita della leggendaria Shangri-La. Che per i francesi, adesso, è la Shangri-La del Cabernet Sauvignon. Per la verità, quando sono arrivati gli uomini di Lvmh del finanziere francese Bernard Arnault, le viti c’erano già, portati da missionari francesi nel XIX secolo. Li coltivano ancora oggi, 120 famiglie tibetane che hanno pure terrazzato al meglio le vigne che si arrampicano alle pendici della catena del Meili Xue Shan, la loro montagna sacra che raggiunge i 6.740 metri di altezza.

Una viticoltura primordiale, mista a cereali, mais e legumi. Che, però, ha catalizzato l’attenzione dei governanti locali quando, a cavallo del Millennio, hanno cercato un’alternativa colturale per frenare l’esodo dei contadini dalle terre che non davano reddito sufficiente per vivere. Arriva così la mano provvidenziale dalla Francia e, successivamente l’enologo Maxence Dulou (era a Chateau Cheval Blanc), che individua 314 particelle di terreno, su una superficie di appena 27 ettari, dove impiantare il Cabernet Sauvignon, con piccole percentuali di Cabernet Franc (14 ettari nel 2012 e 15 ettari nel 2015). Racconta il winemaker francese: “il clima della tenuta Ao Yun ricorda quello di Bordeaux, però di alta montagna. E’ stata sicuramente una scommessa – anche se c’era qualche vigna che produceva bene - portare un vitigno francese a 2.600 metri di quota. Una scommessa, comunque, vinta anche grazie a vendemmie e vinificazioni eseguite esclusivamente a mano, secondo i metodo dell’agricoltura biologia”.

Con questi presupposti, dopo l’entrée con Dom Ruinart blanc de blanc 2007, che ci accolti al banco di Nobu, il locale modaiolo e, a quanto pare, sempre pieno, annesso all’Emporio Armani Store, non si vede l’ora di degustare i vini più alti del mondo. E, per di più, con piatti a base di prodotti di origine asiatica (dai ravioli di wagyu al sashimi di zucchine in fiore, dal miso alla selezione di sushi), italiani (cicala di Mazara del Vallo), spagnoli (maiale croccante). Insomma, una fusion che ha permesso di poter degustare con un buon abbinamento i tre vini di Ao Yun, in media una produzione di 25.000 bottiglie all’anno (8.000 vendite in Cina, il resto tra Stati Uniti ed Europa con la Svizzera al primo posto. E, i vini costano parecchio: oltre 200 euro e bottiglia”. Insolita anche la progressione scelta nel servire il vino: dall’annata più vecchia a quella più giovane. A fine degustazione abbiamo intuito il perché di questa scelta. E, cioè, fare esaltare la qualità del vino dell’ultima vendemmia. 

Vediamo i vini:

Ao Yun 2013



Al primo impatto non è un vino che entusiasma molto. Anche se le note speziate e l’arma del Cabernet Franc (15% del blend, il resto è Cabernet Sauvignon) sono abbastanza marcate. Al palato si avvertono subito i sentori di more, mirtilli e ribes, la buona qualità dei tannini e una struttura che, però, riteniamo che non sia sufficiente a sostenere la persistenza del vino. 

Ao Yun 2014



La seconda vendemmia di “questa avvenutra unica” dice Dulou, è già superiore a quella precedente, tanto da parlare di identità multistrato. Al naso, infatti, si avverte una nota speziata di cannella, la freschezza della mente, la mineralità della grafite, una nota speziata di cannella e i sentori di piccoli frutti rossi maturi. Avvolge la bocca con la bella struttura tannica che lo caratterizza, una delicata nota minerale e una miriade di sentori di erbe aromatiche. L’equilibrio tra mineralità/acidità e dolcezza/alcol, ne fa un vino da lungo invecchiamento.

Ao Yun 2015



Non c’è dubbio, invecchierà bene come il miglior Cabernet Sauvignon e forse anche meglio, dice il direttore della tenuta investito dall’equilibrio e freschezza che caratterizza il vino. Che con i profumi di fragole mature, prugna e ciliegie, avvolge il palato con una voluttuosità speziata molto seducente, tannini morbidi e densi, rotondo e persistente chiude con un pungente finale minerale.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY