Banner
Banner
02
Nov

Stoppani, presidente Fipe: “Uno chef Cavaliere del Lavoro? Sarebbe il momento giusto”

on 02 November 2012. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - L'intervista

“Sì, direi che uno chef può senz’altro meritarsi il titolo di Cavaliere del Lavoro. Sarebbe un bel gesto per una categoria che sta vivendo un momento molto difficile”.

A parlare è Lino Stoppani, presidente della Fipe, la Federazione pubblici esercizi che da nord a sud raggruppa decine di migliaia di locali aderenti alla Confcommercio.  Stoppani sostiene l’appello di Cronache di Gusto al Presidente Napolitano.

 “L’onorificenza di Cavaliere del Lavoro – riferisce Stoppani - è un riconoscimento molto ambito e non facile da ottenere. Ci sarebbero numerosi nomi, tutti meritevoli e so bene che le candidature accettate nei vari settori dell’economia e dell’imprenditoria sono appena 25 all'anno. Detto ciò – continua  - sono molto favorevole a questo appello e pronto a sostenerlo. Se c’è un mestiere dove il lavoro vuol dire sacrificio quello dello chef ne è uno dei massimi esempi, a partire dagli orari massacranti, inimmaginabili per molti insigniti che lavorano nel sistema bancario o dell’industria . Ricordiamo però che un’attenzione verso un maggiore riconoscimento nei confronti di chi si occupa d ristorazione ad altissimi livelli si sta destando, basti pensare al conferimento a Gualtiero Marchesi della laurea honoris causa in scienze gastronomiche di poche settimane fa, ma molto resta da fare e questa mi sembra una buona occasione”.

Poi Stoppani snocciola le cifre emerse dal rapporto “La crisi nel piatto: come cambiano i consumi degli italiani” a cura dell’ufficio studi della Fipe dove si afferma  che “Le previsioni di crescita (è un eufemismo) del nostro prodotto interno lordo indicano -1,5% nella media del 2012. Siamo in recessione. Per i consumi sarà un altro anno difficile, per quelli alimentari ancor di più. E’ attesa una contrazione dei consumi di circa otto decimi di punti percentuali”.

Chiediamo quindi  qual è la percezione dal suo punto di vista dello stato di salute della nostra ristorazione.
“Ci troviamo di fronte ad un bipolarismo – dichiara. Da una parte una ristorazione di grande qualità che però fa numeri modesti dal punto di vista occupazionale, dall’altra una ristorazione moderna come le grandi catene che creano occupazione ma dal punto di vista della qualità non sono ad alti livelli. Purtroppo tutto il settore sta patendo uno stato di sofferenza dovuto ad un pesante calo del fatturato e ad una grande crisi che ha colpito anche il settore turistico.  Un dato emblematico per tutti – prosegue - solo nel 2012 hanno chiuso ben 5.000 aziende ed altre 9.000 sono state rimpiazzate. Purtroppo a breve non vedo grandi cambi di tendenza e credo che solo riforme economiche mirate possano fare sperare in qualche miglioramento sul fronte della crescita”.

Daniela Corso

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it