Banner
Banner
25
Gen

Arrivano i "super spaghetti", pieni di fibre e riducono il rischio di malattie cardiovascolari

on 25 Gennaio 2016. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - La ricerca

(ph pylypchuk 1976)

di Elena Mancuso

Per gli amanti della pasta è arrivata l'ora della riscossa grazie agli spaghetti ''super'', ricchi in fibre, proteine e antiossidanti e potenzialmente utili a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari.

I ''super-spaghetti'' sono il frutto di una ricerca dell'università di Bologna e del Molise e l'ateneo di Granada in Spagna. I ricercatori hanno di recente pubblicato gli ultimi risultati della loro ricerca sulla rivista Food Research International, dimostrando la possibilità di produrre i super-spaghetti in modo rispettoso dell'ambiente senza sprecare nulla del chicco di cereale. Il segreto è l'utilizzo di un metodo di separazione dei componenti del chicco stesso mediante l'aria (air-classifing). La procedura separa il cereale in due parti, una più grossa e ricca di fibre e antiossidanti, una più fine e più proteica. Lavorando poi con questi ''ingredienti'' si ottiene la super-pasta che per il suo elevato contenuto in fibre e antiossidanti - si legge in una nota dell'ateneo spagnolo - potrebbe avere un ruolo nel ridurre il rischio cardiovascolare.

I ricercatori, hanno dimostrato che le nuove tecnologie permettono di ottenere farine funzionali utilizzando cereali di grano intero, evitando sprechi e sottoprodotti della produzione che avviene durante il processo di fresatura.
Spiega Ana María Gómez Caravaca, ricercatrice e capo del progetto: "Il processo di classificazione dell'aria consente di dividere la fresatura dei sottoprodotti in due frazioni differenti (grossolane e fini) per mezzo di un processo fisico che non modifica le proprietà delle frazioni ottenute. Queste frazioni hanno diverse caratteristiche chimiche a causa delle loro diverse proprietà, e saranno utilizzate a seconda del prodotto finale che si vuole ottenere. Il nostro lavoro ha dimostrato come possiamo ottenere due frazioni dalla farina di orzo, una di loro arricchita di composti antiossidanti e fibra solubile (specialmente beta glucani), e l'altra contenente più proteine”.

La ricerca è stata utilizzata anche per elaborare gli spaghetti con la frazione grossolana. I risultati ottenuti hanno dimostrato che la frazione usata nell'elaborazione di spaghetti, permette di arricchire il prodotto finale di fibra solubile (beta glucani), così come di composti antiossidanti quali catechine.
L'American Chemical Society (Acs) gli ha dedicato un articolo nel suo sito web, chiamando il prodotto 'Super Spaghetti'. Gómez Caravaca dice che i risultati ottenuti finora hanno permesso a due aziende italiane di sviluppare una nuova linea di pasta usando le frazioni grossolane ottenute dal suddetto procedimento. 

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it