Banner
Banner
24
Giu

Lampedusa isola "Slow". L'incontro con pescatori, agricoltori e ristoratori

on 24 Giugno 2015. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Cronache dal Vinitaly


(Una pescheria lampedusana, dove si vende l'alaccia, presidio Slow Food)

In questo periodo l’isola di Lampedusa è più agli onori delle cronache per i frequenti sbarchi di migranti, per alcuni dei terribili naufragi e in generale per le immani tragedie a mare avvenute vicino alla sua costa, per il locale “Centro di primo soccorso e aiuto” e per le altre problematiche connesse a flussi migratori di portata eccezionale che per altro.

Ma l’isola di Lampedusa, al di là della collocazione geografica nel Mediterraneo, è diventata una sorta di posto di confine e di prima accoglienza, di “porta d’Europa” tutt’altro che simbolica. Nonostante il peso non indifferente di tale ruolo e le inevitabili contraddizioni del caso, la popolazione lampedusana nella sua maggioranza ha finora dimostrato spirito umanitario e senso civico che meritano rispetto, considerazione e vicinanza.

Sentimenti che sono stati espressi da una delegazione di Slow Food Sicilia, composta dal presidente regionale Saro Gugliotta e dal vice presidente Carmelo Maiorca, durante un incontro pubblico con il sindaco Giusi Nicolini, col vice sindaco Damiano Sferlazzo e con un gruppo di pescatori e di operatori commerciali, riuniti nella sala consiliare del Comune della cittadina delle Pelagie.


(Campi coltivati a Lampedusa)

I rappresentanti siciliani di Slow Food hanno rimarcato la volontà dell’associazione di sviluppare la già esistente “comunità del cibo” a Lampedusa e nella vicina Linosa con un maggior coinvolgimento di pescatori, agricoltori e ristoratori secondo i principi del “buono, pulito e giusto” che il movimento della chiocciolina propugna in Italia e in altri 150 paesi del mondo.

A Lampedusa esiste già da qualche anno il Presidio Slow Food dell’alaccia salata, nato con lo scopo di valorizzare la pesca tradizionale e la conservazione artigianale di una tipologia di pesce cosiddetto “povero” (l’alaccia): attività ancora praticate da una famiglia di pescatori del luogo e che Slow Food intende potenziare possibilmente col sostegno dell’amministrazione comunale.  


(Il sindaco Giusi Nicolini con i rappresentanti di Slow Food)

Lampedusa è stata inserita nel progetto internazionale delle “Isole Slow” - del quale fanno tra l’altro parte alcune delle isole “minori” siciliane quali Salina, Lipari, Filicudi, Stromboli e Ustica -  all’insegna delle produzioni tradizionali, della promozione delle cucine locali più autentiche e di forme di turismo ecosostenibile.
Da parte sua il sindaco Nicolini ha manifestato interesse per i progetti di Slow Food, per la filosofia del movimento, anche in tema di educazione al gusto e di attenzione verso l’ambiente. Il prossimo passo dovrebbe essere la condivisione di un protocollo d’intensa fra Slow Food Sicilia e il Comune di Lampedusa e Linosa, con le indicazioni delle linee guida e delle finalità delle iniziative da intraprendere. 

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it