Banner
Banner
21
Giu

E se il bianco fosse il colore del futuro? La scommessa dei vignaioli prende sempre più quota

on 21 Giugno 2016. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Scenari

E se il bianco fosse il colore del futuro? Quando diciamo bianco, parliamo di vini, è chiaro. E l’occasione per parlare, discutere, fare un ragionamento, magari anche confrontarsi con gli addetti ai lavori è avvenuta qualche giorno fa, sulle sponde del Garda, a Desenzano.

 Qui si respirava aria di grande evento. La città ha, infatti, ospitato, grazie all'Associazione Viva Bacco, una tre giorni dedicata al vino bianco, quello di qualità, genuino, vero. La manifestazione si è svolta nella splendida cornice del Castello di Desenzano che per l'occasione è tornato ad essere il centro di vita del paese grazie anche alla collaborazione di artigiani del gusto che hanno fatto conoscere i loro prodotti. C'era il banco dei salami di Orzinuovi, quello dei casoncelli di Barbariga, quello dell'olio Dop del Garda, quello delle marmellate. Insomma, tante tantissime eccellenze locali. Nelle sale interne, invece, il protagonista è stato il vino bianco.

Le giornate sono volate via velocissime, tra degustazioni, verticali e workshop. Le cose più attese ovviamente, le degustazioni con i produttori a fare da ciceroni, a raccontare il loro vino e i loro territori. Partenza con il botto con una splendida miniverticale di Vodopivec che ha lasciato a bocca aperta i partecipanti. Interessante pure l'appuntamento con le cantine della zona che hanno proposto le loro interpretazioni più particolari di vino bianco: ecco quindi Pasini San Giovanni col suo lugana Busocaldo, Lazzari Vini con il Bastian Contrario e Cascina maddalena con il Lugana Clay. Da applausi. Il pomeriggio è trascorso tra degustazioni di riesling bresciani, bianchi toscani, per concludersi con la tavola rotonda degli "amici di Viva Bacco" ovvero alcuni tra i vignaioli che son stati recensiti nel blog VivaBacco2.0.

In mezzo a tutto ciò, una piccola perla. Alle 16,30 sale in cattedra Walter Massa con altre cinque aziende dei colli tortonesi: Fiordaliso, Vigneti Boveri, Vinicola Poggio, Terre di Sarizzola e la Cantina Sociale di Tortona. Si assaggiano i timorassi, Walter racconta aneddoti e regala emozioni: si respirano entusiasmo e positività. L'organizzatore Matteo Silva ha voluto fortemente questa partecipazione perchè vede nel timorasso molti punti in comune con gli splendidi vini del territorio gardesano: il Lugana e il San martino della battaglia. Un famoso cantante qualche anno fa diceva che "fin da Alessandria si sente il mare". A Desenzano si son sentiti i profumi dei colli tortonesi.

La domenica, invece, la mostra mercato: quarantadue vignaioli che raccontano, propongono e vendono i loro prodotti: vengono da quasi tutta Italia: ci son Piona e Le Battistelle dal Veneto, Zohlhof e Unterhofer dall'Alto Adige, Calatroni dall'Oltrepò Pavese e tanti altri ancora.
Soddisfazione trai vignaioli locali che hanno partecipato con entusiasmo alla manifestazione: Valtenesi, Lugana e San martino della Battaglia per una volta insieme, per una volta protagonisti.

Insomma la prima edizione di “Castello in Bianco” è stata un successo. E se ora diventasse un appuntamento fisso della primavera desenzanese? Le carte in regola ci sono, attendiamo fiduciosi il futuro. E nel frattempo stappiamo e brindiamo in compagnia. Perchè, come dice Walter Massa, "Il vino lega, migliora lo star al mondo". Anche perché il bianco italiano, come i rossi, sta diventando sempre più un marchio di qualità ed eccellenza della nostra enologia. E i produttori, ormai, ne sono consapevoli. Quindi puntare sul bianco, in questo momento, forse non sarebbe poi così sbagliato…

C.d.G.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Anna Sampino
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it