Banner
Banner
29
Nov

La Sicilia del vino al Vinitaly 2017 senza Irvo? Le associazioni trattano con VeronaFiere

on 29 November 2016. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Scenari

Ente regionale senza fondi. Providi stima i costi per le proprie cantine. A rischio il padiglione 2 quello su cui l'Isola ha costruito parte del suo recente successo


Per la Sicilia del vino è una rivoluzione. Potrebbe non essere più l'Irvo, il vecchio Istituto Vite e Vino ad organizzare la partecipazione al prossimo Vinitaly per le cantine dell'Isola.

E sarebbe un fatto epocale poichè da circa trent'anni l'ente della Regione Siciliana si è sempre preoccupata di coinvolgere le aziende e gestire tutti gli aspetti logistici e organizzativi della mission delle cantine alla più importante fiera italiana. A determinare questo scenario l'ipotesi, non del tutto rientrata, da parte dell'Irvo, oggi diretto da Vincenzo Cusumano, di prospettare alle aziende un rincaro per l'acquisizione degli spazi. 

Cosa sta succedendo? L'Irvo non ha più i fondi per sostenere in parte le spese, i costi sono in pratica interamente a carico delle aziende, sebbene quasi tutte partecipino sotto l'ombrello protettivo delle associazioni (Providi e Assovini) le quali possono attingere ai fondi comunitari (ex misura 133) fino a un massimo del 70 per cento delle spese. E per giunta quest'anno l'Irvo ha prospettato un rincaro medio del 30 per cento. 

Da lì la scelta di trattare direttamente con VeronaFiere da parte delle singole associazioni di produttori. In tal senso Providi, l'associazione presieduta da Leonardo Agueci è già andata avanti. Ha prospettato l'ipotesi a Gianni Bruno, brand manager per il Vinitaly. Circa cinquanta delle ottanta cantine raggruppate da Providi sono pronte a partecipare. VeronaFiere ha già quantificato il costo dell'area chiesta da Providi. Secondo una stima si aggira sui 150/200 mila euro, ma la cifra non comprende i servizi aggiuntivi come le hostess, i bicchieri e il relativo lavaggio. Che potrebbero essere erogati su misura in base alle singole esigenze delle varie aziende. Ed in ogni caso non è ancora chiaro se l'Irvo si prenderà carico di questi servizi o rinuncerà del tutto all'ipotesi di gestire la mission Vinitaly. Così come è ancora aperta la delicata questione degli spazi. L'Irvo non ha ancora sciolto l'opzione per il padiglione 2 quello che da oltre quindici anni è occupato ogni anno dalle cantine siciliane. Uno spazio molto ambito. Se salta l'Irvo (che negli anni è stato un unico interlocutore per tutta la Sicilia) potrebbe saltare anche il padiglione 2. E sarebbe un danno d'immagine a tutta la Sicilia del vino che su quello spazio all'interno di VeronaFiere ha costruito parte del suo successo cominciato una ventina di anni fa. Anche Assovini ha annunciato ai propri soci un approccio diretto con i vertici di Vinitaly nel tentativo di ridurre i costi di partecipazione.

Insomma, la situazione non è serena. E richiede decisioni urgenti se è vero che è solo la Sicilia (assieme a qualche consorzio o associazione minore) a non avere definito la partecipazione all'edizione numero 51 del Vinitaly che si terrà dal 9 al 12 aprile 2017. Una bella grana anche per l'assessore regionale all'Agricoltura Antonello Cracolici perché, secondo gli addetti ai lavori, il mancato coinvolgimento dell'Irvo al Vinitaly potrebbe compromettere in modo decisivo le sorti dello stesso ente di via Libertà. Che tra l'altro ha un debito milionario proprio nei confronti di VeronaFiere per i Vinitaly di alcuni anni fa.
 

C.d.G.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Isidoro La Lumia, 98
90139 Palermo
tel. 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it