Banner
11
Lug

Il cibo perfetto? "Veloce da mangiare, gustoso, buono e sano"

on 11 Luglio 2017. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Scenari

La ricerca della Nielses: "Ma solo il 9 per cento degli intervistati rinuncerebbero al gusto pur di mangiare un cibo sano"


(ph Giovanni Franco)

di Maria Giulia Franco

Veloce da magiare gustoso, buono e sano. E' questo il criterio di scelta di un cibo secondo una recente ricerca Nielsen. 

Eppure solo il 9% delle persone sono disposte a rinunciare al sapore per avere un prodotto salutista. Cresce però l'attenzione degli italiani per gli alimenti e le bevande che mettono sulla propria tavola e, in particolare, per gli ingredienti presenti nei cibi che consumano quotidianamente: il 67% degli italiani si dichiara preoccupato dell'impatto a lungo termine che gli ingredienti artificiali potrebbero avere sulla salute della persona, il 53% sarebbe disposto a pagare un prezzo più alto per alimenti e bevande che non contengono ingredienti indesiderati, ma solo il 37% sarebbe disposto a sacrificare il gusto per un cibo più salutare, rileva l'indagine Global Health and Ingredient-Sentiment di Nielsen che ha analizzato le abitudini alimentari e il vissuto dei consumatori di oltre 60 Paesi del mondo nei confronti di determinati cibi e ingredienti.

In questi ultimi anni si sta osservando un cambio di mentalità dei consumatori a livello globale che vedono il cibo come fonte di benessere e si approcciano alla propria alimentazione in modo più selettivo, con una crescita d'interesse verso i prodotti salutistici. Per quanto riguarda il nostro Paese, si conferma un nuovo approccio agli alimenti, caratterizzato da un progressivo aumento dei consumi di prodotti appartenenti al mondo "Benessere & Salute": nell'ultimo anno il paniere di questi prodotti ha registrato un trend positivo di +8,4% sulle vendite a volume (quantità vendute a prezzi costanti) e +9,0% su quelle a valore (Fonte: Nielsen Trade*MIS, variazioni % annue della categoria a Luglio 2016 nella distribuzione moderna).

Quasi 2 italiani su 5 (il 38% dei rispondenti) dichiara di seguire una particolare dieta / alimentazione che vieta o limita il consumo di determinati ingredienti: le diete più comuni tra i consumatori italiani sono quelle a basso contenuto di grassi (18%) e a basso contenuto di carboidrati (11%). Per oltre 1 italiano su 5, invece, il cibo è vissuto come una "cura / medicina" e privarsi di un particolare alimento diventa una necessità funzionale a determinate patologie: il 23% dei rispondenti afferma di essere personalmente intollerante o allergico a qualche ingrediente oppure di avere in famiglia qualcuno che soffre di particolari intolleranze o allergie alimentari (tra le più comuni si riscontrano le intolleranze nei confronti del latte / lattosio / prodotti caseari in generale e del frumento / glutine).

Il fenomeno salutistico che ha preso piede negli ultimi anni non è però circoscritto solo alle diete e alle necessità legate a particolari patologie. Dallo studio è emerso che oltre la metà degli italiani ha dichiarato di evitare volontariamente l'assunzione di determinati ingredienti con la propria alimentazione, tra cui: antibiotici e ormoni in prodotti animali (66%), coloranti artificiali (65%), conservanti artificiali (62%), Ogm (60%) e aromi artificiali (59%). Ne consegue quindi un atteggiamento più attento alle singole componenti presenti nei prodotti alimentari acquistati, con il 71% degli italiani che tende a privilegiare quei produttori e/o distributori che applicano canoni di massima trasparenza su origine e modalità di produzione dei propri prodotti. Rispetto della salute ma con gusto, insomma. Anche in situazioni estreme. Il primo astronauta italiano a introdurre nel menu a bordo navetta lasagne e tiramisù, come ha ricordato Stefano Polato, chef veneto e responsabile dello Space Food Lab di Argotec in una recente lezione al Master in Cultura del cibo e del vino a Ca' Foscari Challenge School a Venezia, è stato Luca Parmitano esportando a bordo della missione Volare anche riti della Dieta Mediterranea: il pasto conviviale e il pranzo della domenica, il premium food dunque a livello nutrizionale e un comfort food a livello psicologico.

Ma è con Samantha Cristoforetti che si è provato, ha detto lo chef Polato, quanto l'olio d'oliva possa ravvivare persino un'insalata disidratata, e come un menu gustoso possa anche ottimizzare il fabbisogno energetico e la digeribilità. Nei pasti quotidiani della Cristoforetti, curati dallo stesso Polato di Argotec, immancabili la frutta stabilizzata, la frutta secca e i grani come i semi di zucca, le barrette con cereali e quinoa, e l'alga spirulina. ''Nutrirsi in modo sano è roba di ragazzi'' ha detto l'astronauta Sam che per la missione Futura ha puntato con decisione sul cibo funzionale. "A bordo si completa l'orbita terrestre ogni 90 minuti e il ciclo sonno-veglia è completamente stravolto, - ha sottolineato Polato - il cibo deve perciò essere altamente digeribile, da qui l'abbondanza di fibre e farro in ogni porzione". "Per pensare al cibo del futuro nella scelta degli ingredienti - ha detto lo chef - sono tornato indietro studiando le qualità del regime alimentare dei nostri nonni. Innovative invece le tecniche di conservazione ed erogazione del cibo. Nello space food indispensabile in cucina - ha precisato Polato - utilizzare anche trattamenti non termici come le alte pressioni idrostatiche, i campi elettrici pulsanti, gli ultravioletti, l'ozonizzazione, il plasma a freddo, la Co2 in fase supercritici. Hi-tech anche i trattamenti termici per preparare un pasto per astronauti, dai raggi infrarossi all'ohhico fino al microonde a ultrasuoni. Nello spazio come a terra, nella vita di tutti i giorni, gli antiossidanti sono il futuro della dieta".

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it