Banner
Banner
14
Lug

Siccità e gran caldo fanno bene al vino. Ma l'annata 2017 rimane complessa e difficile

on 14 Luglio 2017. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Scenari

La siccità e il gran caldo sembra far bene al vino, con le radici della vite che in assenza di pioggia si spingono in profondità attestando un buon grado di resistenza di questa coltura a climi estremi e produzioni a più altro grado zuccherino. 

Ma tra i filari, in vista della vendemmia, da Nord a Sud i viticoltori fanno anche i conti con i danni della gelata di aprile da una parte e delle fioriture precoci dall'altra. "Annata difficile la 2017 - afferma all'Ansa Marco Fizialetti, responsabile vendite di Castello di Querceto, Greve in Chianti - anche se la situazione al momento non è critica. Certo non dovesse piovere da qui a settembre potremmo entrare in una fase complicata". ''In una situazione come l'attuale è stata davvero preziosa l'attenta gestione del verde - per Paola De Blasi, responsabile di produzione a I Veroni, Rufina - con costanti cimature. I giochi sono tutti da farsi ed è difficile prevedere se la vendemmia rispetterà i suoi tempi, per ora possiamo solo sperare che i bellissimi e numerosi grappoli che riempiono le nostre vigne trovino le riserve idriche necessarie per invaiatura e maturazione fenolica''. Più ottimista Fabrizio Lazzeri, tecnico di Tenute Silvio Nardi, a Montalcino: "Nonostante siccità e afa la maggior parte delle nostre vigne stanno reagendo bene - precisa - perché insistono su terreni profondi, provvisti di buone riserve idriche. La maturazione è in anticipo, i vinaccioli sono già in fase di indurimento ed il diradamento dei grappoli in atto. Presumibilmente l'anticipo sarà di circa 10/15 giorni".

Al Nord la situazione è diversa, in Alto Adige ad esempio a inizio luglio varie precipitazioni hanno assicurato ai terreni un buon apporto idrico. Dice il duo Gerhard Sanin e Andrea Moser, rispettivamente agronomo ed enologo di Cantina Kaltern: ''La vigoria generale delle viti va da moderata a normale, sicuramente un buon segno dal punto di vista qualitativo. Tutte le carte sono in regola per un'ottima vendemmia ma solo quando l'ultimo grappolo sarà in cantina potremo affermarlo in modo certo''. Per il Trentino parla Anselmo Guerrieri Gonzaga di San Leonardo: Il problema siccità non ha interessato le nostre vigne, l'uva è molto bella e perfettamente sana, anche grazie alla conduzione biologica che si sta rivelando preziosa nello sconfiggere la peronospera, molto insidiosa quest'anno nella nostra regione". Aggiunge Matteo Moser, enologo di Moser Trento: "Al momento la vendemmia 2017 per il Trentino si prospetta molto buona, con corretto equilibrio qualitativo e quantitativo, di poco anticipata rispetto alla media".

C.d.G.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it