Banner
Banner
22
Dic

Metti una sera a cena al Bavaglino. Ed é sfida tra chef con i piatti alla cieca

on 22 Dicembre 2017. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Scenari

Giuseppe Costa e Sarah Bonsangue protagonisti della gara a colpi di materia prima di qualità e territorio. Con i vini di Arianna Occhipinti. E alla fine vince...


Giuseppe Costa e Sarah Bonsague

Una cena che racconta la Sicilia. Da Palermo a Ragusa: l’alta ristorazione e l’eccellenza da bere sullo sfondo di una sfida fra amici, quella fra Giuseppe Costa, chef stellato e patron de “Il Bavaglino” di Terrasini, Sarah Bonsangue, de “I Cucci” di Palermo, e Arianna Occhipinti, produttrice di Vittoria.

L’ultimo di tre eventi che si sono svolti nelle ultime settimane al Bavaglino, da un’idea proprio di Costa che già aveva invitato Giuseppe Costantino, del ristorante Terrazza Costantino di Sclafani Bagni, e l’enologo Tonino Guzzo. Il primo appuntamento era stato invece con Carmelo Trentacosti del Cuvée du Jour di Villa Igea, e un altro enologo siciliano di punta: Vincenzo Bàmbina.

Una cena “alla cieca” in cui a decidere l’esito sono semplicemente i clienti, che non conoscono chi ha cucinato cosa e si limitano ad esprimere la loro preferenza sui piatti abbinati con i vini di Occhipinti: l’Sp68 e il Siccagno in annate diverse: 2011, 2014 e 2015.

Quattro portate su cui si sono espressi i due chef, declinando a modo loro materie prime simili o uguali. Ed ecco dunque un antipasto in cui Costa e Bonsangue hanno proposto un piatto tipico del periodo natalizio: lo sfincione di baccalà, nelle due versioni di Palermo e Bagheria.

Uno in bianco, con cipolla sia bianca che rossa, ricotta e una leggera panatura.

La versione “rossa” coperta da una fonduta di caciocavallo.

I due primi ispirati dal mare con una “Minestra di sparacelli, gocce di pic pac di datterino, battuto di scampi, gambero rosso e calamaro” 

e uno “Sciabò pizziato in zuppa di pesce, cime di rapa, cannellini e polvere di pepe”.

Sapori diversi per i due secondi: il “Guanciale di vitello, crema di ceci, insalatina di cavolo cappuccio e polvere di semi di finocchietto”

e lo “Stracotto di campanello di vacca da pascolo siciliana, polentina di panella, cardi disidratati e polvere di ginepro e alloro”.

Chiusura con i dolci in cui a farla da padrone era la crema di ricotta: “La crema di ricotta e caprino agli agrumi, miele di cardo e croste fredde di biscotto d’avena al sale grosso di Mothia”

e “La cuccìa del ‘giorno dopo’”.

Per la cronaca, ha vinto Sarah Bonsangue e adesso il palcoscenico di “Un, due, tre… Stella!” si chiude ma si riaprirà presto con nuove sfide e nuovi piatti.

Marco Volpe

Foto Stefania Petrotta

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY