Banner
Banner
04
Gen

Clima, il vino non sarà più quello di oggi: "Nuove e più resistenti uve nei vigneti"

on 04 Gennaio 2018. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Scenari

di Maria Giulia Franco

Occhio al calice con attenzione al cambiamento climatico che imporrà di coltivare nuove varietà di vite, più adatte all'aumento di caldo e siccità. 

A fare il punto è un team di ricercatori, secondo cui in futuro, al posto del Pinot Nero, potremmo bere un più resistente Xinomavro. Stando ad alcuni studi precedenti, il riscaldamento globale potrebbe far sì che nei prossimi decenni l'Europa meridionale diventi troppo calda per produrre vino di qualità. Ma il gruppo di scienziati guidato da Elizabeth Wolkovich, docente di biologia evolutiva ad Harvard, non è d'accordo. Anziché spostare le vigne al Nord - rinunciando a caratteristiche essenziali come il terreno, il fotoperiodo e l'esperienza dei vignaioli - si possono cambiare i vitigni. Il Pinot Nero e lo Chardonnay, ad esempio, sono varietà che maturano velocemente, adatte a luoghi freschi. Quando il termometro salirà, potrebbero essere sostituite da vitigni che hanno bisogno di estati lunghe e calde, come il greco Xinomavro o il Monastrell, di origini spagnole.

Con 1.100 vitigni a disposizione, c'è solo l'imbarazzo della scelta. Eppure nel Nuovo Mondo, dagli Stati Uniti all'Australia, il 70%, 80% dei vigneti è piantato con appena 12 varietà, mentre in Cina il Cabernet Sauvignon rappresenta da solo il 75% del totale produttivo. La causa principale è la globalizzazione del mercato. "Nel Nuovo Mondo il consumatore chiede una bottiglia di Pinot Nero o di Cabernet", spiega Wolkovich, anche se il gusto varia enormemente in base all'area di produzione. Nel Vecchio Continente la situazione è diversa, c'è l'arte di miscelare mosti e vini. In Europa meridionale le varietà presenti sono più numerose. Esistono però delle norme stringenti. Per produrre lo Champagne, ad esempio, è autorizzato l'uso di nove vitigni, ma il grosso lo fanno il Pinot Meunier, il Nero e lo Chardonnay. Per i vini di Borgogna si usano Pinot Nero e Chardonnay con Gamay e Aligoté. Il messaggio lanciato ai viticoltoriè quello di sperimentare nuove varietà, di vitigni per la prossima generazione.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Anna Sampino
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it