Banner
Banner
13
Feb

A San Valentino conquistatela/o in cucina: il menu ispirato alla principessa Yasmina

on 13 Febbraio 2018. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Scenari

di Manuela Zanni

Ogni anno, puntualmente, con l'approssimarsi del 14 febbraio, giorno deputato per consuetudine a festeggiare l'amore, si creano due fazioni opposte accomunate dal fervore con cui difendono le proprie posizioni rispettivamente pro e contro questa ricorrenza.

Ciò a cui,  però, quasi nessuno pensa è che, poichè anche il 14 febbraio, come i restanti 364 giorni dell'anno, qualcosa si dovrà pur mangiare, preparare qualcosa di gustoso e stuzzicante al proprio partner sarà sicuramente un gesto gradito a prescindere dal fatto che sia San Valentino. Per farlo quest' anno vi proponiamo un menù ispirato al libro  “Alla tavola di Yasmina" ambientato nella Sicilia dell’XI secolo che narra la storia della principessa Yasmina, sorella del normanno Omar Ibn Khalid, arrestato per alto tradimento e condannato a morte da Ruggero I d’Altavilla, conte di Sicilia e futuro re. Grazie ai suoi racconti ma, soprattutto, alla sua arte culinaria, Yasmina riesce ad ammaliare Ruggero facendogli posticipare l’esecuzione del fratello per ben sette volte (sette infatti sono le cene che lei gli prepara) fino ad ottenerne la libertà definitiva, essendosi il re innamorato di lei. Il menù che di seguito vi proponiamo è un intrigante percorso gastronomico che passa in rassegna alcune ricette della più antica tradizione siciliana impreziosendole con  interessanti contaminazioni che profumano d’oriente.

ANTIPASTO - CROCCHETTE DI LATTE
Ingredienti 

  • ½ l di latte
  • 100 g di farina
  • 50 g di burro (o margarina vegetale)
  • 50 g di formaggio parmigiano grattugiato
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • 1 grattatina di noce moscata
  • sale e pepe q.b.

Per la panatura

  • farina q.b.
  • acqua
  • pangrattato q.b.

Per friggere

  • olio d’oliva

Riscaldate il latte con un pizzico di sale e di pepe. Sciogliete il burro a fuoco dolce quindi toglietelo dal fuoco e versatevi la farina a pioggia, mescolando energicamente. Mescolate aggiungendo a filo il latte rimasto. Rimettete sul fuoco e cuocete per 8-10 minuti, continuando a mescolare. Appena il composto si sarà addensato, toglietelo dal fuoco. Lasciatelo intiepidire e poi unite il parmigiano, e il prezzemolo tritato.Versatelo su una superficie fredda ed unta, come il marmo. Stendete il composto a circa 1 centimetro di spessore, livellatene la superficie e lasciatelo raffreddare. Con un coltello tagliatelo poi in rettangoli e con le mani inumidite date loro la forma classica delle crocchette. Passatele, una ad una, prima in una pastella di farina e acqua e poi nel pangrattato. Friggete le crocchette di latte, poche alla volta, in abbondante olio ben caldo fini a dorarle  uniformemente e a farle sgocciolare su carta assorbente da cucina. Servitele calde.

Abbinamento consigliato: Spumante Terre di Anastasia - Metodo Classico Brut Abbazia Santa Anastasia - Colore giallo paglierino dal perlage finissimo e persistente.Naso con note floreali e fruttate e sentori di crosta di pane e fieno. In bocca è fine e preciso al palato con sorso fresco e sapido.

PRIMO - MACCO DI FAVE

Ingredienti

  • 1,5 kg di fave secche
  • 1 cipolla
  • 1 mazzetto di finocchietto selvatico
  • 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • sale e pepe q.b.

Tagliate la cipolla e soffriggetela in due cucchiai di olio. A questo soffritto unite le fave, già ammollate in acqua almeno la sera precedente, ed il finocchietto tagliuzzato. Unite al composto circa due litri di acqua e lasciate cuocere per almeno due ore e a fuoco lento. Passato questo tempo di cottura e quando vi sarete accorti che le fave si sono trasformate in una purea, togliete la pentola dal fuoco e condite con l’olio, il sale ed una macinata di pepe fresco macinato al momento. 

Abbinamento consigliato: Bunifait di Possente. Catarratto in purezza. Colore giallo dorato. Naso complesso di frutta bianca matura ma anche erbe di macchia mediterranea come salvia e timo. In bocca rotondo e morbido grazie all'affinamento in barrique. 

SECONDO - CACIOCAVALLO ALL'ARGENTIERA CON POMODORINI SECCHI

Ingredienti

  • 4 fette di caciocavallo ragusano spesse 1 centimetro
  • 2 spicchi d’aglio
  • aceto bianco
  • origano
  • olio extravergine d’oliva
  • pomodorini secchi
  • sale e pepe q.b.

Tagliate il caciocavallo a fette spesse 1 centimetro. In una padella versate un filo d’olio d’oliva ed uno spicchio d’aglio tagliato a fette. Aggiungete il caciocavallo e lasciate che si ammorbidisca prima da un lato e poi dall’altro. Quando il caciocavallo si sarà ammorbidito da ambo i lati, alzate la fiamma, spruzzate con 2 – 3 cucchiai di aceto bianco e lasciate evaporare l’aceto. Aggiungete i pomodorini secchi. Servite su un piatto da portata aggiungendo dell’origano e del pepe nero macinato al momento.

Abbinamento consigliato: Muscamento Etna Doc Rosato da Nerello Mascalesee e Cappuccio - Colore rosa tenue. Naso ricco di sentori  floreali, fragoline e spezie dolci. Al palato è fresco e sapido e persistente.

DESSERT - BIANCOMANGIARE ALLE MANDORLE

  • Un litro di latte di mandorla
  • 250 grammi di zucchero semolato
  • 100 grammi di amido per dolci
  • 1 stecca di cannella

Per decorare

  • cannella in polvere
  • pistacchi tritati
  • dadini di zuccata
  • gocce di cioccolato
  • mandorle a scaglie

In una ciotola mettete il latte e scioglietevi lo zucchero. In seguito unire l’amido a freddo mescolando bene con una frusta in modo da non formare grumi. A questo punto portate  su fuoco dolce e continuate a mescolare con un cucchiaio di legno fin quando il liquido comincia ad addensare (senza portare a ebollizione). Togliete dal fuoco e continuate a mescolare energicamente con la frusta per qualche minuto. Versate il composto in uno stampo umido e fate raffreddare. Una volta freddo mettetelo in frigo. Quando il biancomangiare sarà ben denso, capovolgetelo su un piatto da portata e spolveratelo con la cannella e a piacere pistacchi, zuccata, gocce di cioccolato o mandorle a scaglie

Abbinamento consigliato: Malvasia delle Lipari Passito Doc, Hauner - Colore giallo ambrato con riflessi dorati. Al naso esprime note fruttate di albicocche disidratate, fichi secchi e datteri, miele e spezie dolci smorzate da intensi sentori mandorlati. Al palato  il sorso è dolce, morbido e avvolgente.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY