Banner
Banner
06
Set

Montepulciano, Montalcino e Montefalco: ecco le città del vino preferite da Forbes

on 06 Settembre 2018. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Scenari

Montepulciano, Montalcino e Montefalco: ecco le città del vino da visitare almeno una volta nella vita secondo Forbes, la famosa rivista di finanza.

In un articolo pubblicato di recente, la giornalista Catherine Sabino ha raccontato sei territori del vino (tre italiani e tre francesi) da non perdere. Per la Francia, la giornalista ha scelto Sancerre nella Loira, Saint Emilion a Bordeaux, Cassis in Provenza. Montepulciano è al primo posto: "Percorrete le strade chiuse al traffico di Montepulciano e godetevi le splendide viste sulla campagna toscana prima di addentrarvi in una delle cantine della città per assaporare l'orgoglio della città natale, il Vino Nobile di Montepulicano (Thomas Jefferson lo descriveva come "il suo vino preferito"), un rosso strutturato prodotto in gran parte con l'uva di Sangiovese coltivata nei vigneti circostanti", si legge nel pezzo. Nell'articolo vengono citati anche i set di numerosi film internazionali, tra cui Il Paziente Inglese, New Moon, Under the Tuscan Sun, film citati ai quali se ne aggiungono altre decine.

"Questo articolo ci rende sicuramente fieri e orgogliosi da poliziani e da produttori perché rappresenta l'ennesima riprova che il lavoro che abbiamo fatto in questi anni è stato giusto – spiega il presidente del Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano, Piero Di Betto – nell'articolo si legge del rispetto per il territorio e per le sue bellezze architettoniche, lo stesso che come Consorzio abbiamo intrapreso in un percorso ventennale che ha contribuito e non poco al recupero di tante parti storiche della città, oltre a considerare il lavoro di tutela per il paesaggio apportato ogni giorno dai nostri produttori". Una bella notizia alla vigilia di un nuovo viaggio di promozione che vedrà impegnato il Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano proprio negli Stati Uniti, a New York e Las Vegas, a ottobre prossimo.

Il patrimonio "Nobile" che piace a Forbes
Cinquecento milioni di euro circa. E' questa la cifra che quantifica il Vino Nobile di Montepulciano tra valori patrimoniali, fatturato e produzione. Nello specifico in oltre 200 milioni di euro è stimato il valore patrimoniale delle aziende agricole che producono Vino Nobile, 150 milioni circa il valore patrimoniale dei vigneti (in media un ettaro vitato costa sui 150 mila euro) e 65 milioni di euro è valore medio annuo della produzione vitivinicola, senza contare che circa il 70% dell'economia locale è indotto diretto del vino. Una cifra importante per un territorio nel quale su 16.500 ettari di superficie comunale, circa 2.000 ettari sono vitati, ovvero il 16% circa del paesaggio comunale è caratterizzato dalla vite. Di questi 1.250 sono gli ettari iscritti a Vino Nobile di Montepulciano Docg, mentre circa 400 gli ettari iscritti a Rosso di Montepulciano Doc. A coltivare questi vigneti oltre 250 viticoltori (sono circa 90 gli imbottigliatori in tutto dei quali 76 associati al Consorzio dei produttori). Oltre mille i dipendenti fissi impiegati dal settore vino a Montepulciano, ai quali se ne aggiungono altrettanti stagionali. Nel 2017 sono state immessi nel mercato circa 7 milioni di bottiglie di Vino Nobile e circa 2,8 milioni di Rosso di Montepulciano Doc (in crescita del 10 per cento rispetto al precedente anno).

Il mercato "Nobile"
Conformemente alla tendenza degli ultimi anni, anche il 2017 si conferma anno dell'export con una quota destinata all'estero pari al 78 per cento di prodotto, mentre il restante 22% viene commercializzato in Italia. Per quanto riguarda il mercato nazionale le principali vendite sono registrate in Toscana per il 48%, dato al quale si aggiunge il 17 per cento delle vendite al Centro. Al Nord è stato venduto il 14% del totale, mentre continua la sua crescita (nel 2017 del 2%) toccando quota 20 per cento la vendita diretta in azienda. Per quanto riguarda l'estero si assiste a una torta divisa a metà tra Europa e paesi extra Ue. La Germania si conferma il primo mercato del Nobile con il 44,5 per cento della quota esportazioni. Il secondo Paese di riferimento è quello degli Stati Uniti che segnano ancora una crescita rispetto al precedente anno arrivando nel 2017 arrivando a rappresentare il 21,5 per cento dell'export del Nobile. Successo anche per i mercati asiatici ed extra Ue con oltre il 7 per cento delle esportazioni. Il Vino Nobile è apprezzato anche in Svizzera dove raggiunge il 16 per cento.

C.d.G.

 

 

 

Questo il link all'articolo di Forbes: https://www.forbes.com/sites/catherinesabino/2018/08/30/why-you-should-check-out-these-6-awesome-italian-and-french-wine-towns/#b70b4eb3d872

 

 

 

Montepulciano, 5 settembre 2018 C.s. 16

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY