Banner
Banner
10
Mar

"Questa politica ci vuole schiavi": allevatori ed agricoltori occupano il porto di Catania

on 10 Marzo 2019. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Scenari

di Federica Genovese, Catania

Si sono dati appuntamento ieri al porto di Catania i soci dell'Unione allevatori siciliani insieme a diversi agricoltori per un'occupazione simbolica.

Nei giorni scorsi era stata preannunciata questa protesta proprio nel porto catanese, luogo in cui sbarcano grano, latte ed ogni materia prima prodotta all’estero che fa concorrenza spietata all’agroalimentare siciliano, causa prima della grave crisi economica in questo ambito. Presente anche il comparto della pesca, con Fabio Micalizzi, presidente regionale Associazione Pescatori Marittimi Professionali e Federazione Armatori. “Siamo vicini agli allevatori ed agricoltori - dice Micalizzi - Le nostre categorie produttive rischiano di scomparire, perché c’è una scarsa attenzione da parte dei nostri politici che non capiscono nulla in merito ai nostri settori, creano bandi per progetti inutili e mai realizzati. Di questo passo, tra cinque anni non esisteranno più pescatori”.Rabbia e disperazione dei rappresentati della terra e del mare, dell’agrobiodiversità siciliana messa a rischio da politiche irragionevoli.

Carmelo Calanna, presidente di Unione allevatori, mostra un cartello esemplificativo dei prezzi che ci sono per il momento: il grano pagato a 40 centesimi. Per esprimere con un gesto concreto, ma pacifico, la rabbia di tutta la categoria, ha simbolicamente gettato in mare un fantoccio in cui si identificava “il politico” che pensa solo ai propri interessi mettendo in ginocchio l’economia del paese.  “Non esistono bandi rivolti ai piccoli produttori, serve ossigeno soprattutto all’entroterra ed al settore della zootecnia - dice Calanna - il biologico indietreggia rispetto ai progressi realizzati, contro ciò che accade a tutti gli altri paesi d’Europa, il nostro gesto simbolico è un grido d’aiuto ai politici”. E’ una battaglia sociale grida qualcuno, non di categoria, poiché il nostro lavoro comporta la tutela dell’ambiente contro la desertificazione, il dissesto idrogeologico.

La voce dei giovani è quella sicura e robusta di Simone Giaccone, 26 anni, agricoltore, allevatore, studente universitario che ha coinvolto altri studenti nella manifestazione. “Non è vero che all’Italia non interessa la Sicilia, eccome se gli interessa, a loro interessa affamarci, succhiarci il sangue fino all’ultima goccia, in ogni settore. Vogliono schiavizzarci e tornare al feudalesimo. C’è un gioco chiarissimo, che è quello di far continuare ad arricchire chi lo è già". Gli animi sono accesi ma per ora la situazione è sotto controllo. La prossima mossa, si spera venga da chi è stato chiamato in causa per agire arginando i problemi.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY