Banner
Banner
04
Lug

Prezzemolo & Vitale, dopo Londra c’è Milano. “È il nuovo ombelico d’Europa, apriremo pure lì”

on 04 Luglio 2019. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Scenari

La catena di supermercati palermitana ora punta sul capoluogo lombardo dopo le tre aperture nella capitale inglese. Il racconto dei proprietari e le prossime strategie. I clienti Vip, l’incessante ricerca di prodotti di qualità, gli sconti e le idee sul vino “naturale”,  le decine di richieste di assunzioni. “Ma ad indicarci la strada è sempre e solo il cliente”


(La famiglia Prezzemolo al completo. Da sinistra Josè, Giuseppe, Salvatore, Giusi Vitale e Vincenzo)

Dopo Londra, Milano. Of course, si potrebbe dire. Le città più importanti per il food in Europa. 

Giuseppe Prezzemolo e Giusi Vitale, proprietari di una piccola catena di supermercati di qualità tra Palermo (sette punti vendita nei quartieri residenziali del capoluogo siciliano) e Londra (uno a Chelsea che va a gonfie vele, un altro a Notting Hill di imminente apertura e un terzo da settembre nei pressi di Borough Market, zona molto trendy) puntano su Milano. Li incontriamo assieme ai figli Salvatore, Josè e Vincenzo (tutti con un ruolo nella società di famiglia) nella luminosissima sede di via Libertà a Palermo, un open space che sembra la redazione di un giornale, il set di "Tutti gli uomini del Presidente". Dice Giuseppe Prezzemolo: “Ora puntiamo su Milano. Ci piacerebbe molto. Stiamo cercando una sede”. Gli fa eco la moglie Giusi Vitale: “Milano è il nuovo ombelico d’Europa. Vogliamo esserci”. Magari con un socio, pensiamo noi. Si vedrà. È l’occasione giusta per fare altre domande.

Come vanno gli affari a Londra? Quando le prossime aperture?
Giusi Vitale: “A Londra abbiamo consolidato un format di retail di quartiere molto apprezzato nel cuore di Chelsea ed abbiamo deciso di replicarlo nei quartieri di Nottingh Hill e Borough (vicino Borough Market, noto mercato di produttori artigiani) con due nuovi punti vendita”

Il personale che assumete è solo italiano o anche inglese?
Josè: “Non abbiamo pregiudizi ma alla fine a sposare la nostra mission sono sempre italiani”.

In che percentuale vendete prodotti italiani e stranieri?
Salvatore: “L’80 per cento sono prodotti italiani, la restante parte inglesi per lo più, anche se non mancano i formaggi ed i vini francesi”.

In che percentuale siciliani e resto d’Italia?
Salvatore: “Il 25 per cento Sicilia con il valore aggiunto della nostra selezione GiuGiu”.
Giuseppe: “Mi viene la pelle d’oca quando qualcuno entra in negozio a chiedere il prodotto a marchio Giù Giù, ad esempio la salsa di pomodoro siccagno molto apprezzata”.

Quali sono i prodotti più venduti a Londra?
Giuseppe: “L’olio di oliva (Cutrera e Barbera primi tra tutti), la pasta anche ripiena, il pesto di Pra, le insalatine fresche, tanta frutta e tanto Parmigiano Reggiano”.

Chi sono i vostri clienti?
Salvatore: “Il 50 per cento sono italiani giovani e con famiglia con una posizione ben consolidata in città”.

Vip tra i vostri clienti?
Giuseppe:”Abbiamo avuto il piacere di ospitare Alessandra Mastronardi, Miriam Leone, Gianluca Vialli. Ma anche Kate Middleton, Alvaro Morata ed Alice Campiello, Nicolas Vaporidis, Eric Clapton, Michael Caine, Nick Rhode e Mika”.

Non male. La Brexit vi fa paura?
Giusi Vitale:”Ci preoccupiamo ma siamo certi che saremo in grado di occuparcene”.

Come vi state attrezzando?
Giusi Vitale: “Stiamo organizzando una piattaforma logistica che ci consenta di essere più veloci e comunque restiamo sul pezzo anche restando in contatto con diversi distributori a Londra”.

Come va avanti la ricerca dei prodotti nei vostri supermercati a Palermo?
Giusi Vitale: “Non ci fermiamo mai nel relazionarci con i produttori che rimangono gli ospiti d’onore nella nostra azienda. Ricerchiamo prodotti ovunque ed in ogni luogo, alle fiere come alle sagre, alle feste di paese, da amici e ristoratori ed in qualsiasi occasione di convivialità”.

Quante referenze?
Salvatore: “Attualmente abbiamo in assortimento circa 15 mila referenze”.

Come stanate i produttori di cose buone?
Vincenzo: “Ormai ci vengono a cercare, spesso in ufficio. Non sappiamo cosa assaggiare prima. Ed è questo che ci piace. Creare sinergie e ritrovarsi a coinvolgere gli agenti dell’industria di marca che sono in sala d’attesa ad assaggiare i pecorini insieme ad un nuovo produttore nella nostra cucina allestita apposta per tali occasioni in ufficio. E non è un caso che dietro la porta c’è la scritta “la casa di P&V””.

Qualche numero aggiornato su dipendenti e fatturato?
Josè: “Abbiamo in Italia 157 collaboratori. E a Londra saranno presto una trentina. Sviluppiamo un corrispettivo di 35 milioni di euro compreso il negozio di Chelsea”.

Adesso avete una sola società?
Giusi: “L’ingresso di tutti e tre i nostri figli in azienda ci ha reso molto felici e pertanto per sancire questa famiglia/azienda abbiamo voluto dare un segnale forte unificando le tre società in una sola e modificandola in una Spa. Adesso vogliamo puntare all’espansione”.

Come vi definite? Secondo me supermercato non basta più. È riduttivo.
Giusi: “Mi piace pensare che sia “un luogo dove fare la spesa”, un po’ il posto di famiglia, dove trovi quelle cose a cui non rinunceresti mai e sempre qualcuno a cui raccontare della giornata di lavoro faticosa per farti consigliare una buona bottiglia di vino e passare la serata con qualcosa di buono”.

Temete che qualcuno copi la vostra formula in Sicilia?
Giusi: “Tutti ci copiano o cercano di farlo... ma diverso è “ essere” da “sembrare”. Noi siamo felici di proporre un prodotto per passione e desiderio di condivisione con gli altri... al di là di ogni cosa per noi non esiste soddisfazione più grande perché nasce dal desiderio di condividere qualcosa con qualcuno a cui tieni veramente. Altra cosa è l’attuale tendenza della Gdo a toccare la sfera emozionale del cliente puntando più sulla comunicazione valore/persona che sul resto ma spesso suona come pura strategia di marketing”.

Il vino che posto occupa nella vostra offerta?
Vincenzo: “Il vino è un’isola felice per i momenti di incontro con i clienti e i produttori. Organizziamo degustazioni e corsi di avvicinamento al vino con la collaborazione della nostra sommelier Nadia Tantillo e il valido supporto di Maria Antonietta Pioppo, momenti magici che la P&V offre gratuitamente ai clienti”.

Avete attivato politiche commerciali inedite a Palermo. Come mai?
Vincenzo: “Vogliamo il vino per tutti!”.
Giusi Vitale: “Idea geniale di Salvatore a Londra...6 bottiglie a scelta tra tutte e sconto del 10 per cento alle casse. Un modo per fare un acquisto scorta con la opportunità di scegliere più vitigni o più cantine. Il vino democratico come dice Vincenzo. Avvicinare il consumatore al vino, conoscere, approfondire ed avere sempre opportunità diverse”.

Qual è il vostro obiettivo?
Giusi Vitale: “Oggi è rendere replicabile il modello (dopo averlo ben definito) e riuscire a dare continuità alla nostra azienda ... quasi a regalarci l’immortalità che ognuno di noi ambisce. Io e Giuseppe abbiamo messo l’anima ogni giorno della nostra vita in questa azienda ed oggi guardiamo i nostri figli e ci brillano gli occhi”.

Davvero pensate che i vini cosiddetti naturali siano migliori di quelli convenzionali?
Giusi: “Domanda che ci mette in difficoltà... alcuni vini subiscono molti trattamenti e spesso fanno venire il mal di testa.  Ma oggi nessuna cantina che si rispetti ha un approccio vecchio stile. La tendenza è verso una “pulizia“ estrema da ogni fattore esterno attraverso l’uso di pochissimi solfiti e l’attenzione massima ad una agricoltura sostenibile o biodinamica. Ciò che poco tempo fa era un fenomeno ristretto oggi sta divenendo uno standard”.

Quanto incide oggi il vino nei vostri fatturati?
Giuseppe: “Circa l’8 per cento”.

Prossimi prodotti di nicchia che troveremo da P&V a Palermo?
Giuseppe: “La Yogurrata, cioè una buonissima burrata siciliana con yogurt, la Provola di Agnone, il bergamino di bufala, un formaggio lombardo cremoso e saporito. Ed ancora la salsiccia estiva di maiale bianco siciliano con pomodoro datterino, basilico e mandorle; gli involtini di vitello alla parmigiana con melanzane, mozzarella e basilico; la focaccia fresca di Valenti di Bagheria”.

Volete fare anche somministrazione di cibi da mangiare nei vostri locali ampliando il format di via Aquileia?
Giuseppe: “Questo è quello che auspichiamo a breve”.

Quante richieste di assunzioni ricevete al giorno?
Josè: “Riceviamo tra le 20 e le 30 richieste al giorno. Continuiamo sempre a fare colloqui perchè abbiamo bisogno di giovani talentuosi e pieni di iniziativa per i nostri progetti futuri”.

Chi si occupa della vostra comunicazione?
Vincenzo: “Della comunicazione me ne occupo io insieme ad un'agenzia palermitana e con il supporto di un professionista a Milano”.

In una battuta. La ricetta del vostro successo?
Giusi: “L’intuito e la velocità oltre che la capacità di fare  un passo indietro se necessario ...direi l'”essere liquidi". Ovvero la capacità di adattarsi a nuove circostanze ed a cambiare direzione anche con poco preavviso. Con l’orecchio sempre teso all'ascolto dei nostri clienti. Sono loro ad indicarci la strada”.

F. C.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY