Banner
Banner
21
Mag

"Affidiamo l'agricoltura agli altri ministeri, pure a quello della Difesa"

on 21 maggio 2013. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - L'intervento

Un piccolo imprevisto ha impedito a Walter Massa, produttore di vino piemontese di partecipare al forum di Cronache di Gusto "Il gusto italiano per il mondo" che si è svolto ieri a Palermo. Riceviamo e volentieri pubblichiamo un'ampia sintesi di una sua riflessione.

La società è cambiata, il mondo rurale, il settore primario, pian piano è diventato ultimo come importanza politica, come risorsa economica, intellettuale, culturale e pure colturale; per la collettività, ciò non è mai stato un problema, l'agricoltura da sempre sopravvive e ha dato, e la vacca è stata munta fino ai giorni nostri, ma oggi non ha più latte, nè forza. 

Dall'inizio del terzo millennio il mondo rurale è profondamente cambiato, anche se certi poteri si ostinano a non staccare la spina, la strada è segnata. Il gusto che il mondo vuole dall'Italia è il gusto originale, il gusto del prodotto artigianale, il gusto, mi sia concesso, che può arrivare all'esclusiva snob. L'artigiano va lasciato produrre, va assecondato nella sua filiera e nei tempi, ne va a beneficio di tutto il tessuto sociale. Certo va pure controllato ma con intelligenza, insomma anche il controllore non deve essere un nemico. 

Pure il credito deve rivedere la sua politica nei confronti di chi fa artigianato. 

Il modello primi ottocento, come pure del novecento, è oggi improponibile.  Sta di certo che oggi, a nessun uomo normodotato conviene partire con un'avventura agroartigianale seria, meglio etica, a chiunque conviene affittare ad altri o vendere ciò che ha ereditato e andare a dirigere, ed essere retribuito sulla meritocrazia, qualche azienda agroindustriale. Ci si diverte lo stesso, si è più sereni, si è coccolati, a Natale arriva il panettone, si rischia di trovare un partner di primamano non usato, pur se garantito. Certo, poi interviene la coscienza, magari il sano egoismo e allora parte lo spermatozoo dell'imprenditore. Meglio uno stipendio che essere costretti dal sistema bieco e cieco e far cose inutili, multati sistematicamente, o mutilati nell'idea produttiva. Per favore, non parliamo di crisi del lavoro. L'agricoltura, ha bisogno di cervelli, braccia, umiltà e volontà e certo la coscienza. Qui deve intervenite, se c'è, lo Stato, semplicemente perché l'insieme delle coscienze è quello che crea lo Stato. 

Per far nascere e mantenere agricoltori artigiani il Ministero dell'Agricoltura o che dir si voglia va abolito e conseguentemente l'Ice. In sinergia debbono occuparsi di agricoltura il Ministero delle Pari Opportunità, dei Beni Culturali, del Turismo, della Salute, dell'Ambiente e della Difesa. Sì, il Ministero della Difesa è fondamentale per aiutare l'agricoltura artigianale. Certo ai fucili vanno affiancati i picconi e i badili. Quando Paesi di mille abitanti avevano almeno cento aziende agricole, il presidio territoriale regimava le acque al momento opportuno, con benefici per i fondi agricoli propri e limitrofi, e di paesi e città sottostanti. Gli animali selvatico non arrecavano danni in quanto naturalmente tenuto nel loro habitat. Oggi basta non aver il controllo di queste forze naturali per rendere antieconomica un'avventura agroalimentare. 

Il Ministero del Turismo è l'inizio della promozione gratuita, anzi, remunerata, perché il turista prima paga e poi esporta. Quando il Bel Paese funziona è imbattibile. Se stimoliamo la conoscenza delle nostre risorse, verrà spontaneo trovare importatori-imprenditori che lotteranno tra loro anticipando dollari per garantirsi poche bottiglie di olio, vino e specialità varie. 

Il Ministero della Cultura sarà quello che farà la differenza, basterà che i dirigenti ministeriali si carichino di umiltà è passione in modo da essere vicini alle fucine produttive di Pil-etico. 

Il Ministero della Salute è fondamentale, vigila in un sol fascicolo sul momento di coltivazione, produttivo e distributivo, facendo risparmiare tanto tempo.  

Il Ministero dell'ambiente a contatto con le realtà produttive evita in primis di caricarsi di ridicolo dando forza solo a certe fazioni, vedrebbe un mondo diverso produttivo di ricchezza, di cultura, di paesaggio. Si renderebbe utile facendo sì che il fumo senza diossina salga verso il cielo. 

Chiudo citando Adam Smith: ....sebbene questi vigneti siano coltivati con più cura degli altri, l'alto prezzo del vino non sembra essere l'effetto ma la causa di queste cure. Con un prodotto di così alto valore, le perdite causate dalla negligenza sono tanto grandi da costringere anche i più trascurati a fare attenzione. W l'agricoltura, W l'artigianato, W l'industria e W l'Italia.

Walter Massa

Share

Commenti  

 
+2 #1 Francesco Donadini 2013-05-21 15:55 complimenti, la lucidà della tua analisi trova la mia completa approvazione! L'A5T è nata per questo, per dare valore alla filiera colta e alla etichetta corta, al km vero e al prodotto zero chimica. Ti aspettiamo a CiboSano la prima fiera degli alimenti delle 5T! Francesco Citazione
 
 
0 #2 kamal 2013-05-27 19:19 la ipotesi di abolire il ministero dell'agricoltura è avventurosa, dato che esiste in tutti gli altri paesi europei e dato che vi è una politica comunitaria in materia. e poi, chi penserebbe a far dialogare tra lori diversi ministeri? invece di abolire, con maggiori costi, pensiamo a rendere più efficiente la pubblica amministrazione . Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY