Banner
Banner
Banner
06
Feb

La cucina stellata: "Ormai il re è nudo"

on 06 Febbraio 2017. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - L'intervento

di Daniele Cernilli, Doctor Wine

Il grande successo che ha avuto l’editoriale della scorsa settimana (leggi qui), mi spinge ad approfondire il tema con qualche considerazione di merito. 

Ricordo bene che una delle critiche che venivano mosse allo chef catalano Ferran Adrià ai temi di El Bulli, il suo ristorante di Cala Montoj chiuso ormai da anni, era su un uso di tecniche di cucina molto vicine, se non identiche, a quelle della grande industria alimentare. Liofilizzazione di alcuni prodotti, applicazione di procedure che poi diventavano preda e venivano sviluppate proprio da aziende del genere. E comunque una serie di sistemi di cottura alternativi, come l’uso di azoto liquido, che somigliavano più a degli esperimenti di chimica che a delle pratiche di cucina. Per di più, proprio Adrià, e molti chef della sua scuola, se ne fregavano altamente del chilometro zero, del rispetto per le materie prime, che venivano considerate solo strumentalmente, per ottenere particolari effetti organolettici.

Mi ricordo la sorpresa con la quale lo stesso Stefano Bonilli, che portò Adrià in Italia a cucinare in una manifestazione del Gambero Rosso dei tempi d’oro, accolse la notizia per la quale il buon Ferran usava il granturco in scatola della Bonduelle, particolarmente dolce, per ottenere degli effetti particolari di sapore in un suo piatto. Sperimentazioni? O più semplicemente un sistema per trovare un modo nuovo di cucinare a tutti i costi, originale e artefatto allo stesso tempo? E la tecnica così non rischia di diventare uno sterile tecnicismo? Ora, se nel mondo del vino ci si sta orientando verso un recupero di vitienologia sostenibile, di rispetto per l’origine e i caratteri delle uve, addirittura con l’uso di lieviti indigeni e di basse aggiunte di anidride solforosa, perché per la cucina, e per quel particolare ambito definito “cucina molecolare” tutto questo, invece, non vale? E perché gli stessi supporters dei vini ecosostenibili sono talvolta dei portabandiera di questo modo d’intenderla?

Una contraddizione palese, che serpeggia fra neosteineriani e contemporaneamente sostenitori di quegli chef stellari la cui ricerca sta nell’esatta temperatura per le lunghe cotture sottovuoto, per la liofilizzazione di meravigliose verdure, per lo stravolgimento delle materie prime utilizzate per “épater le bourgeois” e per presentare conti stellari, ottenuti con la complicità di critici e di una clientela ricca e spesso incompetente, che non si accorge o non vuole accorgersi che il re è nudo.
doctorwine.it

 
Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it