Banner
Banner
21
Giu

"L'Italia non partecipi più al Bocuse d'Or: con queste regole non vinceremo mai"

on 21 Giugno 2018. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - L'intervento


(Alberto Lupini)

di Alberto Lupini*

Ovviamente l’importante è partecipare. Un po’ di spirito decoubertiano non fa certo male in Cucina, magari come antidoto agli eccessi di agonismo scatenati da format come MasterChef... 

Ma poiché l’Italia non è l’Islanda o l’Ungheria, piazzarsi al 12° posto nella finale europea del Bocuse d’or (leggi questo articolo)ed entrare comunque in finale solo per il rotto della cuffia grazie ad una wild card (che premia la nazione ospitante), non è una cosa che ci possa galvanizzare. Forse sarebbe stato meglio restare esclusi dalla competizione come è avvenuto per i campionati mondiali di calcio in Russia. La squadra italiana (di ottimo livello a detta di molti osservatori) ha registrato l’ennesima sconfitta in una competizione dove le regole sembrano fatte apposta per selezionare piatti e procedure che nulla hanno a che fare con la nostra realtà. Si valutano impiattamenti e vassoi con elaborazioni o ingredienti che non sono certo in uso nella nostra ristorazione, che punta su creatività e materie prime di qualità. Che anche quest’anno si confermi in Europa una tendenza tutta nordica (norvegese, svedese e danese le nazionalità dei primi 3 classificati), la dice lunga sui criteri e le “politiche” che guidano la maggior parte dei giurati. E in ogni caso va detto, senza aprire inutili polemiche, che l’Italia non è mai salita sul podio dal 1987, anno di creazione del concorso, e spesso non è nemmeno andata in finale.

Ci sarebbe da chiedersi perché ci si ostini in un gioco un po’ tafazziano in cui mettiamo in gioco inutilmente una credibilità e un gradimento che la Cucina italiana ottiene da tempo in tutto il mondo. Mangiare italiano è un’aspettativa crescente in tantissimi Paesi, ma il Bocuse d’or sembra fatto per farci uno sgambetto. Lungi dal pensare che ci possa essere una qualche congiura ad excludendum ai danni dell’Italia, una volta per tutte bisognerà però aprire una riflessione su questo set che non riesce a darci un Oscar qualunque sia il team in gara. E stavolta sembrava davvero di livello quello composto da Martino Ruggieri, dal commis Curtis Mulpas (il migliore delle squadre in campo) e dal coach François Poulain. Per qualcuno sono poche le risorse messe in campo per sostenere questa competizione. Ma d’altra parte bisognerebbe capire chi dovrebbe metterci i soldi... Se le grandi aziende italiane stanno lontane da questo evento, ci sarà una ragione, che non può essere solo quella del “braccino corto”.

E se i risultati alla fine sono sempre all’insegna di una magra figura, perché non prendere in considerazione una qualche decisione risolutiva? O convincere il sistema Italia a giocare fino in fondo la partita mettendo in campo tutte le sue risorse, oppure accettare che con quelle regole non avremo mai spazio per vincere perché le caratteristiche della nostra Cucina e della nostra ristorazione sono nettamente diverse e lanciare quindi in alternativa un concorso italiano a valenza internazionale in alternativa a quello francese. Su questo piano si potrebbe magari immaginare una sensibilità del nuovo Governo interessato a rimarcare valori nazionali. Sfidare il resto del mondo a preparare piatti meno ingessati e meno costruiti per effetti speciali, ma fatti per valorizzare gusto e benessere, potrebbe essere la nuova frontiera di una Cucina in cui l’Italia ha tanto da dire.

*direttore Italia a Tavola

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY