Banner
Banner
20
Mar

Choc a Montalcino, Soldera esce dal consorzio del Brunello

on 20 Marzo 2013. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il caso


Gianfranco Soldera
La notizia sarà ufficiale domani, al massimo dopodomani, ma Cronache di Gusto è in grado di anticiparla.
Gianfranco Soldera, uno dei nomi simbolo del Brunello di Montalcino esce dal consorzio di tutela. Un addio che per quanto possa essere silenzioso sarà invece molto rumoroso. Non si conoscono i motivi che hanno portato Soldera alla decisione di lasciare il consorzio, sembrerebbe tuttavia che la difficoltà a produrre bottiglie dopo l'attentato (si veda il link), che ha provocato lo svuotamento di vasche e botti del suo prezioso e osannato Brunello, abbia influito non poco nella decisione assieme a una serie di considerazioni sullo stato delle cose, non ultima la vicenda di qualche anno fa che ha visto produttori di Brunello finire sotto inchiesta e subire ingenti sequestri per aver consentito produzioni di vini da uve diverse da quelle previste dal disciplinare. Una ferita, questa, probabilmente non del tutto rimarginata agli occhi di Soldera. Il quale, tra i produttori, è stato sempre uno strenuo ed estremo difensore di tradizioni e rispetto del territorio che non ha mai accettato l'idea che il Brunello potesse subire contaminazioni. Se è successo del nuovo nei rapporti ormai modificati tra lui e il consorzio presieduto da Fabrizio Bindocci si saprà presto. Certo c'è anche il dibattito attorno alla possibilità di introdurre vitigni diversi dal Sangiovese nel disciplinare. E sappiamo bene Soldera come la pensa. Intanto lui se ne va. Dopo citca 40 anni perchè la sua adesione al consorzio risale ai primi anni '70.

Del suo vino invece va detto che nonostante l'attentato, costato l'arresto a un suo ex dipendente quale autore del raid (il processo è in corso) l'ex broker finanziario convertitosi al mondo di Bacco, è riuscito a salvare qualche bottiglia. Diciamo che per ognuna delle sei annate andate perdute, dal 2007 al 2012, riuscirà a tirarne fuori oltre un migliaio di bottiglie per anno. Il 2007 per esempio ci sarà e ha deciso di declassarlo a Igt e qualcuno forse lo potrà assaggiare anche al prossimo Vinitaly. E così sarà per le prossime annate a venire. Bottiglie dal numero esiguo la cui vendita sarà centellinata. Delle altre annate, quelle precedenti al 2007, chi ha le bottiglie se le tiene strette. In alcuni locali di Firenze si trovano ormai a un prezzo triplicato e qualcuno dagli Usa è stato disposto a pagarle anche mille dollari a bottiglia.

Appresa la notizia, i vertici del Consorzio hanno dichiarato di non volere rilasciare, al momento, alcuna dichiarazione o commento. 



Articolo pubblicato alle 12.10



C.d.G.
 

 
Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY