Banner
Banner

Banner

02
Feb

Gianfranco Fino: "Lascio il consorzio, i miei vini non saranno più Doc Primitivo di Manduria"

on 02 Febbraio 2017. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il caso

Il produttore di uno dei rossi più acclamati dalla critica nazionale dice addio alla denominazione: "Il rispetto del terroir è un'altra cosa"


(Gianfranco Fino - ph Vincenzo Ganci)

Gianfranco Fino, vignaiolo tarantino, non produrrà vini a marchio Doc. Il suo Es, uno dei rossi più noti nel mondo degli appassionati e tra i più acclamati dal gotha della critica enologica non sarà più Doc Primitivo di Manduria. 

Siamo nella Puglia del vino, in quel territorio in provincia di Taranto, dove si coltiva un'uva a bacca rossa che dà il nome a un vino. Qui da undici vendemmie Gianfranco Fino assieme alla moglie Simona, tra i piccoli comuni di Sava e Manduria, porta avanti un'azienda agricola da 25 mila bottiglie, che è diventata una piccola "case history" di successo. Ora la decisione che farà parlare gli addetti ai lavori. Il suo Es 2015 è uscito col marchio Igt Salento Primitivo. Stessa sorte avrà il suo Es Riserva 2015 mentre usciranno a Doc ancora le annate riserva del 2013 e del 2014. Gianfranco Fino ha maturato la decisione nell'ultimo anno. Dopo il tentativo di entrare a far parte del direttivo del consorzio, prima delle ultime elezioni avvenute a metà del 2015. "Ho ritirato la mia candidatura prima del voto e ho compreso subito che le mie indicazioni per il futuro del consorzio non avrebbero avuto il benestare dei soci  - spiega il vignaiolo pugliese -. Anzi, è stato deciso di ampliare il territorio destinato alla Doc per non parlare della possibilità di imbottigliare anche all'estero la Denominazione Primitivo di Manduria, aspetto che non si voleva mettere in discussione. Tutte cose in contrasto con la mia visione di vino e di rispetto del territorio". E quindi: via dal consorzio e niente più marchio Doc sulle bottiglie di Gianfranco Fino.

Per contestualizzare meglio il tutto é utile ricordare che il consorzio oggi conta l'iscrizione di 27 aziende che provvedono alla vinificazione e all'imbottigliamento e di circa 850 viticoltori. La Doc ricade in un territorio che comprende 18 comuni, tra le province di Brindisi e Taranto. Ed è di circa 96 mila il numero di ettolitri per i quali è stata chiesta la Doc. Il presidente del consorzio è Roberto Erario. L'uscita di Fino dal consorzio e la conseguente decisione di togliere il marchio Doc Primitivo di Manduria costituisce un colpo all'immagine di un territorio che in questi anni ha cercato un riscatto di immagine. E proprio Fino ne ha costituito uno degli ambasciatori. Ma ora le strade si dividono e il vignaiolo tarantino punta tutto sulla forza del proprio brand e del suo territorio "per raccontarlo più di prima col cento per cento di Primitivo".

C.d.G.

(Ha collaborato Annalucia Galeone)

Share

Commenti  

 
+12 #1 Valentina Chiarini 2017-02-03 08:59 Una scelta onesta e, credo, sui tempi lunghi anche avveduta. Citazione
 
 
+13 #2 Mauro Messina 2017-02-03 09:29 Comprendo e condivido la scelta di Gianfranco Fino. Imbottigliament o all estero? Magari in Albania o Tunisia???? Con i pericoli di queste scelte dissennate? Ed estensione delle zone di produzione? Sin dove? In basiicata e calabria? Ecco come far morire una doc che è stata sino ad oggi sinonimo di qualità. Ma chi è questo genio di Roberto Erario??!come si permette di bruciare tanto onesto lavoro per portar su un sistema economico integrato quale la DOC rappresenta? Sono senza parole, e davvero disgustato.. Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Anna Sampino
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it