Banner
Banner
07
Set

Walter Speller sul sito di Jancis Robinson: "La Doc Sicilia comincia a mostrare i suoi limiti"

on 07 Settembre 2017. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il caso


(Walter Speller)

La questione Doc Sicilia comincia a tenere banco anche tra chi, dall'estero, segue le sorti del vino italiano. 

Walter Speller, collaboratore del jancirobinson.com. considerato un sito tra i più importanti ed influenti del mondo del vino creato per l'appunto dalla giornalista inglese Jancis Robinson, si occupa di Doc Sicilia e dalla questione sollevata dal produttore di Marsala, Nino Barraco, che Cronache di Gusto aveva sentito in anteprima (leggi questo articolo). Speller pubblica un lungo articolo dal titolo originale: "Doc Sicilia starts to show its limitations", che potete leggere cliccando su questo link.
Ne pubblichiamo un'ampia sintesi.

di Walter Speller

A soli sei anni dalla sua nascita la Doc Sicilia, che attraversa tutta l'isola e sostituisce quello che era stata in precedenza l'Igt Sicilia, comincia a mostrare i suoi limiti. La ragione principale della sua creazione era quella di migliorare la qualità generale e di impedire l'imbottigliamento di grandi volumi dei suoi vini all'esterno dell'isola, cosa che è consentita a livello Igt. Sfidava direttamente grandi e potenti imbottigliatori del nord d'Italia, per i quali i vini siciliani a buon mercato erano e sono ancora grandi affari. Ma sebbene la qualità generale sia migliorata, l'immagine della Doc Sicilia non ha mantenuto ritmi simili.

La forza trainante della sua creazione è stata Assovini Sicilia, associazione privata di produttori che, in assenza di un organismo promozionale generico per il vino siciliano, ha assunto il ruolo di commercializzare i vini dell'isola con notevole successo. Ma fin dall'inizio i vantaggi di incamerare un'intera Igt all'interno di una Doc sembravano discutibili perché mancavano le regole di produzione più rigorose e la Doc non aveva delineato le sotto-zone che normalmente vengono indicate in casi simili.

Il fatto che la Doc sia stata il risultato di un compromesso è stato anche dimostrato dalla ridenominazione della Igt Sicilia come Terre Siciliane. La legge europea sui vini vieta di chiamare le denominazioni inferiori in modo identico a quelle superiori per evitare la confusione dei consumatori. Il fatto che la Igt Terre Siciliane esista ancora è un chiaro segnale di come le forze di mercato possano svolgere un ruolo decisivo nella formazione della politica vitivinicola.

Anche se ho i miei dubbi sull'efficacia della Doc Sicilia, durante la presentazione annuale di Assovini a Catania, i produttori hanno difeso fermamente la sua creazione, insistendo sul fatto che il controllo obbligatorio di tutti i vini Doc ha migliorato le norme generali. Ma l'imbottigliamento al di fuori della Sicilia continua legalmente, finché gli imbottigliatori possono dimostrare la "pratica storica" ​​per farlo prima della creazione della Doc. Molti infatti hanno ricevuto la deroga. I produttori affermano inoltre che la Doc ha dato loro un maggiore controllo sul marchio Sicilia che considerano giustamente qualcosa che gli appartiene, aspettando che il valore economico tenga il passo con una qualità crescente.

Tuttavia, le ultime cifre di esportazione di Unione Italiana Vini non supportano questo punto di vista: il prezzo medio di un litro di vino Doc Sicilia è di soli € 2,70 e diversi mercati acquistano a prezzi ancora più bassi. La Germania, il più grande acquirente dei vini DocSicilia, spende solo 1,86 euro per litro, seguita dal Regno Unito con 2,28 euro. (...)

Negli ultimi anni si è visto un evidente allontanamento dalle varietà francesi alle varietà di uve autoctone, anche se quest'ultima categoria è dominata da Grillo per i bianchi e da Nero d'Avola per i rossi. Mentre entrambe le varietà venivano spesso messe in un gruppo da taglio a livello internazionale, con il Grillo ho notato diversi produttori che cercano di creare uno stile lineare, minerale e tenero di vino invece di renderlo sembrare una cosa a metà tra Chardonnay e Sauvignon Blanc.

Si potrebbe sostenere che questi cambiamenti stilistici sono dovuti a una maggiore comprensione del terroir e della varietà di uva e sono spinti dalla crescente domanda di mercato per vini più originali. L'ironia è che molti di questi vini sono ancora etichettati sotto l'enorme Doc Sicilia, oscurando la loro precisione e non contribuendo alla diversificazione dell'offerta potenzialmente enorme della Sicilia.

(...)

La pratica dell'etichettatura di un vino Doc Sicilia o Igt Terre Siciliane oscura la sua origine geografica, fondamentale per il buon vino che molti produttori fanno qui o che vogliono produrre. Se fossero costretti a pensare a piccoli subzone invece di marchio Sicilia, sicuramente sarebbero stati nuovi stili di terroir.

L'Etna è un caso chiaro e un esempio di come una minore denominazione possa aumentare la rilevanza del vino, sebbene i produttori provenienti da altre subregioni siciliane si lamentino spesso che è innanzitutto il vulcano evocativo che rende la zona e i suoi vini così popolari. Ma questa è una spiegazione pigra e parzialmente difettosa. Certo, il vulcano incombente è un simbolo forte, ma sul vulcano ci sono anche varietà antiche, indigene, bassi rendimenti, vigneti ad alta densità, vini con un chiaro stile che li attraversano. Sono il risultato dello sforzo concertato di quasi tutti i produttori per mirare all'alta qualità unita all'assenza totale di varietà internazionali sotto l'Etna Doc. È la mancanza di tutto questo nella maggior parte delle subregioni siciliane che ostacola lo stesso progresso, non l'assenza di un vulcano. Questo è il motivo per cui piccole e sconosciute Doc come Faro e Mamertino e Igt Salina, precedentemente considerate marginali alla storia siciliana di successo, stanno ora aggiungendo molteplici diversità e originalità alle offerte dell'isola. (...)

L'azienda Tasca d'Alemrita è anche uno dei primi a riconoscere le carenze della Doc di Sicilia, dopo aver aggiunto come suffisso la Contea di Sclafani Doc in cui si trova la loro tenuta nella Sicilia centrale. Hanno anche fatto una campagna per la creazione della prima sottosezione di Contea di Sclafani, Sclafani Bagni, in cui solo ufficialmente sono ammessi solo Perricone, Nero d'Avola e Catarratto.

Recentemente il Consorzio di Tutela Vini Sicilia ha decretato che Nero d'Avola e Grillo figurino solo sull'etichetta dei vini Doc della Sicilia e non possono più essere scritti sull'etichetta dei vini Igt. Questo passo è stato recentemente difeso da Antonio Rallo, il presidente del consorzio, come una mossa per una maggiore tutela delle varietà indigene della Sicilia, con la stessa qualità crescente a causa delle maggiori restrizioni di rendimento della Doc.

Sembra una mossa nobile, ma crea gravi problemi per alcuni dei produttori avanguardisti ancora limitati che sono costretti a lavorare al di fuori della Doc perché i loro vini originali hanno grande difficoltà nell'essere approvati dalle commissioni di assaggio ufficiali. I vigneti di Nino Barraco, ad esempio si trovano a Marsala, con i tipi di terreno che cambiano dal basalto oscuro, quasi nero e eroso, fino a quelli più leggeri. Questi suoli complessi gli danno la materia prima da cui produce facilmente il miglior Grillo sull'intera isola, ma, nell'ambito della legislazione vigente, non può menzionare Grillo in etichetta. Barraco è anche uno dei pochi che mantengono viva la vera tradizione di Marsala con un Alto Grado incredibilmente complesso, un Marsala con un alcol naturale del 17,5%, ma che non può essere etichettato come tale perché non previsto dal disciplinare. Per inciso, questo è lo stesso problema che ha afflitto De Bartoli, che da anni produce Vecchio Samperi, probabilmente il più complesso Marsala (in realtà una sorta di Marsala ndr) sul mercato. È uno schiaffo in faccia e un ostacolo burocratico senza senso per questi produttori, che mantengono la tradizione del Marsala (...).

Barraco si trova tra l'incudine e il martello. Impossibile utilizzare la denominazione di Marsala per il suo Alto Grado e non puó utilizzare una denominazione più precisa di Igt, il suo modo di lavorare focalizzato sul terroir non può essere onorato da alcuna denominazione superiore. (...)

Purtroppo la Doc Sicilia non ha contribuito a creare una maggiore diversità dei vini perché non è stata progettata per riconoscere la subregionalità e, finora, ha fatto poco per sostenere una nuova generazione con talento genuino. E anche in contrasto con il modo in cui i viticultori insistono su come la Sicilia sia diversa.

Forse tutto questo aiuta a spiegare perché alcuni dei produttori più originali di Assovini, come Cos, Arianna Occhipinti e Centopassi, erano assenti alle degustazioni en primeur. L'attenzione è stata spostata troppo verso la commercializzazione, il controllo e gli interessi dei big? 

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it