Banner
Banner
21
Gen

Tentata frode in commercio, Orlando Pecchenino patteggia 4 mesi di reclusione

on 21 Gennaio 2018. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il caso

Da una denuncia è partita l'indagine dei Nas. Secondo l'accusa, il presidente del consorzio Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani avrebbe imbottigliato vino Docg non rispettando il rigido disciplinare

Quattro mesi di reclusione con la condizionale per tentata frode in commercio e falso. È questa la pena patteggiata dal presidente del Consorzio di tutela del Barolo, Orlando Pecchenino e per il fratello Attilio. La sentenza è stata emessa dal gip del Tribunale di Asti, Federico Belli.

La vicenda risale al 2016. Orlando Pecchenino, produttore a Dogliani e dintorni e presidente del consorzio Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani, a seguito di un controllo da parte dei Nas, avrebbe ricevuto la contestazione per aver effettuato operazioni di vinificazione di Nebbiolo da Barolo dell’annata 2015 fuori dalla zona di origine del vino stesso. A quanto pare tutto sarebbe partito da una denuncia presentata in una stazione dei Carabinieri e con tanto di firma. Il Disciplinare del Barolo stabilisce che le operazioni di vinificazione e invecchiamento obbligatorio siano fatte nella zona di origine delle uve. A questa regola ci sono due deroghe: la prima riguarda le aziende storiche che hanno maturato il carattere della tradizione, purché si trovino in alcuni paesi delle province di Cuneo, Asti e Alessandria; la seconda riguarda le aziende con la cantina nei Comuni della zona di origine, ma al di fuori della zona del Barolo (8 su 11 paesi non hanno l’intero territorio in zona). Queste possono vinificare le uve Nebbiolo nelle loro cantine, se dispongono a vario titolo di vigneti nella zona del Barolo e con contratti di più anni. Orlando Pecchenino è titolare con il fratello Attilio di un’azienda vitivinicola con vigneti e cantina a Dogliani, ma da tempo ha acquisito terreni e cantina anche nella zona del Barolo, a Monforte, a poca distanza dal centro aziendale doglianese. E l’azienda si è sempre distinta per il rigore produttivo e la qualità dei vini.

La sentenza ha stabilito che "entrambi compivano atti idonei consistiti in primis nel classificare come vino atto a diventare Barolo Docg 142,87 ettolitri di vino annata 2013, 168 ettolitri di vino annata 2014 e 150 ettolitri di vino annata 2015 in violazione al relativo disciplinare di produzione, poiché le operazioni di vinificazione delle uve nebbiolo da Barolo non erano state effettuate nel territorio tassativamente stabilito dal disciplinare di produzione", bensì nella cantina di Dogliani. Inoltre, "attestavano falsamente in atto pubblico che la vinificazione delle uve nebbiolo da Barolo avvenissero presso la cantina ubicata in Monforte d’Alba affinché il vino ottenuto potesse acquisire la denominazione Barolo Docg". Il Gip ha disposto anche la trasmissione all’Ispettorato centrale repressione frodi del Mipaaf degli atti relativi per eventuali sanzioni amministrative. Non c'è dubbio sulla qualità dei vini, visto che si tratterebbe di soli pochi chilometri di distanza tra le due cantine, ma sufficienti per superare il confine stabilito dal rigido disciplinare e per mettere in imbarazzo chi, come Orlando Pecchenino, è stato chiamato a presiedere il Consorzio di tutela del Barolo.  "La scelta di patteggiare è stata un compromesso al quale abbiamo dovuto sottostare per la sopravvivenza dell’azienda - dice l’avvocato Luisa Pesce del foro di Asti, che ha difeso i due fratelli -. Abbiamo rinunciato a presentare le nostre difese volte a dimostrare l’estraneità alle accuse, a vantaggio di rientrare nella disponibilità del prodotto per poter proseguire nell’attività". Le tre annate, infatti, sono state dissequestrate e potranno essere regolarmente commercializzate in parte come Barolo Docg e in parte come Langhe Nebbiolo Doc. 

C.d.G.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Anna Sampino
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it