Banner
01
Mar

Duca di Salaparuta, pubblicità sui giornali "La Doc Sicilia è una denominazione fittizia"

on 01 Marzo 2018. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il caso

Duro attacco dell'azienda con inserzioni a pagamento per difendere la possibilità di usare nelle etichette il nome Nero d'Avola con l'Igt Terre Siciliane


(La pubblicità incriminata firmata da Duca di Salaparuta)

Una cosa del genere nella Sicilia del vino non si era mai vista. Duca di Salaparuta a testa bassa contro la Doc Sicilia. Inserzioni pubblicitarie per affermare che "la Doc Sicilia è una denominazione geografica fittizia, un'operazione di marketing spacciata per tecnica". 

Ed ancora: "Non vogliamo associare il nostro Nero d'Avola ad una Doc che di purezza ne ha davvero poca: perché uniformerebbe e appiattirebbe le nostre eterogeneità, vere e preziose ricchezze enologiche". Le inserzioni a pagamento sono state pubblicate oggi da alcuni quotidiani. Un lungo testo e una grande foto di una bottiglia di Duca Enrico, una delle etichette che hanno firmato il rinascimento enologico della Sicilia a metà degli anni '80. L'attacco alla più importante denominazione dell'Isola non ha precedenti. L'azienda di Casteldaccia, oggi di proprietà della Illva di Saronno, una delle più importanti aziende siciliane, ce l'ha contro il paletto voluto dalla maggioranza dei produttori (che fanno parte della Doc) di consentire l'uso dei nomi Nero d'Avola e e Grillo in etichetta solo ai vini Doc Sicilia e non più alla semplice Igt Terre Siciliane. Una mossa che mira ad impedire la possibilità di imbottigliare fuori dall'Isola.

Una strategia, bisogna dire, che ha un obiettivo: quello di dare valore ai vitigni più rappresentativi della Sicilia. Ma che non piace a Duca di Salaparuta. Tanto che nei mesi scorsi ha ottenuto dal Tar Lazio (leggi qui) un provvedimento che gli consente con la vendemmia 2017 di poter imbottigliare ancora con una semplice Igt e indicare in etichetta i vitigni Nero d'Avola e Grillo. Tutto questo in attesa che l'Unione Europea decida se in effetti la richiesta della maggioranza dei produttori, cioè la possibilità di indicare in etichetta i due vitigni in questione solo nei vini Doc Sicilia, vada accolta oppure no. Sembra una banale questione burocratica ma dietro a questa contrapposizione c'è in ballo il futuro del vino siciliano e interessi significativi. Il finale del publiredazionale annuncia battaglia: "Altre cantine siciliane di qualità hanno dato voce al loro dissenso contro questa coercizione enologica vincendo il ricorso al Tar e sposando la nostra battaglia, che ha prima di tutto l'obiettivo di tutelare i consumatori".

Il consorzio Doc Sicilia non replica. 

C.d.G.

Share

Commenti  

 
+4 #1 Raimondo Lombardo 2018-03-02 18:32 Ma vogliono far credere che la Igt sia meglio di una Doc? l'Italia del vino di qualità è tutto Doc e quindi non hanno capito niente?
Certo chi vuole pagare meno le uve è contrario ad ogni cambiamento. Sempre colonia dobbiamo essere …
Citazione
 
 
+4 #2 Andrea Siciliano 2018-03-02 23:59 Avete ragione, una cosa del genere in Italia non si era mai vista, e io spero di non vederla mai più. Il punto non è la critica alla doc Sicilia, giusta o sbagliata ma comunque legittima, ma l'originale modalità scelta: il lancio di fango verso l'alto, con ricaduta sulla Sicilia intera. Che oltre alla Sicilia e i suoi vini danneggerà l'azienda stessa, molto più dei competitori che vuole colpire. Mi piacerebbe vedere nelle palle degli occhi il genio del marketing che ha fatto la pensata, pure pensandoci a lungo. È proprio vero che "cchiù longa è 'a pinsata, cchiù grossa è 'a [censored]ta". E pensare che pochi decenni fa era l'azienda leader dell'isola. Sic transit gloria mundi. Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY