Banner
Banner
08
Mar

La moria delle api per gli insetticidi: dalla Sicilia comincia la "battaglia" per salvarle

on 08 Marzo 2018. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il caso

di Clara Minissale

Le api tremano, si paralizzano e poi muoiono per effetto degli insetticidi e dalla Sicilia parte la battaglia contro questi prodotti nocivi. 

I killer degli insetti si chiamano neonicotinoidi e, secondo quanto stabilito dall’Efsa, l'Autorità europea per la sicurezza alimentare, sono le sostanze maggiormente implicate nella loro moria. Che clothianidin, imidacloprid e thiamethoxam fossero nocivi per le api e gli insetti in genere, lo si sapeva già, tanto che dal 2013, queste sostanze sono soggette a restrizioni in tutta Europa. Il loro uso è proibito sulle coltivazioni da fiore come granturco, colza e girasoli ma è consentito nelle serre, sui cereali invernali, su alcune coltivazioni dopo la fioritura. “In Sicilia, ad esempio, una grande moria di api si registra lungo le coste dove ci sono coltivazioni intensive di agrumi – spiega Carlo Amodeo -. Noi apicoltori, per non vederle morire tutte ed evitare il collasso totale, siamo stati costretti a spostarle altrove”. Lo scorso anno, la Commissione Europea ha proposto il bando di questi insetticidi su tutte le coltivazioni, fatta eccezione per quelle in serra ma l’idea di un bando permanente non ha messo d’accordo tutti gli Stati membri, alcuni in attesa delle nuove valutazioni dell’Efsa avviate nel 2015 e adesso completate.

Alla luce dei risultati degli ultimi studi (sono stati 588 complessivamente) che documentano la dannosità di questi prodotti per api selvatiche e mellifere, il prossimo 22 marzo la questione sarà nuovamente discussa in Commissione e, per fare in modo che si possa arrivare al bando totale di queste sostanze, gli apicoltori siciliani, riuniti in quattro associazioni, hanno fatto cartello e faranno arrivare a Bruxelles, al Ministero dell’Agricoltura e a quello della Salute, una lettera circostanziata con tanto di bibliografia degli studi annessa, con la quale chiedono la messa al bando immediata di queste sostanze, riservandosi anche di intraprendere azioni legali se necessario. “Secondo gli esperti – si legge nella nota - i neonicotinoidi sono la classe di insetticidi maggiormente implicata nella moria delle api. Si tratta di prodotti di sintesi chimicamente affini alla nicotina che agiscono a livello neurale e causano tremori, movimenti scoordinati, paralisi e infine la morte dell’insetto. I neonicotinoidi sono relativamente recenti rispetto alle altre classi di insetticidi e sono tra i più utilizzati in agricoltura, anche per via della loro bassa tossicità nei confronti dei vertebrati. I principi attivi registrati per uso agricolo sono sei: imidacloprid, clothianidin, thiamethoxam, dinotefuran, acetamiprid e thiacloprid. Trattandosi di insetticidi sistemici, il principio attivo è veicolato attraverso i tessuti vascolari in tutte le parti della pianta, inclusi fiori e frutti, ed è possibile rilevare residui nel polline, nel nettare e in altri essudati vegetali”. 


(Carlo Amodeo)

“Un mondo nel quale l’essere umano guarda soltanto agli interessi immediati – scrivono gli apicoltori - non è soltanto destinato alla precoce scomparsa,  è un mondo in cui l’uomo, nato come essere sociale, perde la sua dignità e la capacità di una vita armoniosa. Come si può autorizzare la diffusione di un principio attivo che penetra nella linfa della pianta e si replica per anni, e che sarà quindi presente non soltanto sulla melata, sul nettare e sul polline ma anche nella parte edule di cui lo stesso essere umano dovrà nutrirsi? Anche solo guardando l’aspetto produttivo delle colture, i neonicotinoidi, con la loro azione subdola, uccididono o danneggiano gravemente gli insetti pronubi, alla cui sopravvivenza - come tutti sanno – è legata la produzione di gran parte delle derrate alimentari; lo stesso studio dal quale si riscontra la presenza di neonicotinoidi nel 75% dei campioni di miele analizzati, vista la conclamata dannosità nei confronti degli apoidei, basta a certificare ineluttabilmente che bisogna immediatamente bloccare la vendita di questo pericolossissimo principio attivo”. “Le associazioni di apicoltori – concludono - chiedono l’immediato divieto di consigliare l’utilizzo del principio attivo agli aleuroidi e in generale, visto il permanere del principio attivo nella linfa della pianta, che se ne vieti l’utilizzo in tutte le piante entomofile. Ci auguriamo e non solo per gli interessi di categoria che prevalga il buon senso. In ogni caso pronti ad intraprendere pesanti azioni legali con precisi dati alla mano”.

 

 
Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY