Banner
Banner
01
Giu

Modifiche alle Doc, 32 istanze bloccate Spiragli per non "saltare" la vendemmia 2018

on 01 Giugno 2018. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il caso

Il comitato nazionale vini è rimasto bloccato dall'impasse politica post elezioni. Al nuovo ministro il compito di nominare il presidente. Le indiscrezioni sui tre componenti in quota Mipaaf


(Gianluigi Biestro, Antonella Bosso e Luigi Moio)

Sarà uno dei primi provvedimenti che Gian Marco Centinaio dovrà adottare nella veste di nuovo ministro delle Politiche Agrarie. 

Sul tavolo del ministero infatti c'è la nomina del nuovo presidente del Comitato nazionale Vini scaduto da alcuni mesi e non rinnovato da Maurizio Martina prima che lasciasse l'incarico per assumere la guida del Partito Democratico. Oltre a quella del nuovo presidente, Centinaio dovrà anche nominare i tre esperti di nomina ministeriale che andranno a definire l'organismo composto complessivamente da 18 componenti. Alcune indiscrezioni indicano in Gianluigi Biestro, Antonella Bosso e Luigi Moio (l'unica vera new entry nel comitato), i tre nomi che indicherà il ministero mentre è buio fitto sul nuovo presidente che prenderà il posto di Giuseppe Martelli. L'incarico sarà affidato per tre anni.

Ma al di là delle nomine c'è anche un aspetto pratico che investe il comitato nazionale vini. A causa della mancata nomina da parte dell'ex ministro Martina e alla lunga impasse post elettorale giacciono negli uffici ministeriali ben 32 richieste di modifica dei disciplinari tra cui anche istanze per la creazione di nuove Doc. In quest'ultimo caso quello del comitato nazionale vini sarebbe un parere che poi avrà bisogno del sì definitivo di Bruxelles. Ma la maggior parte di tratta di richieste che avrebbe bisogno di un esame del solo comitato nazionale vini. Magari piccole revisioni ai disciplinari che però sono molto attese dai consorzi e quindi dai produttori. Ed ecco l'impiccio. Le modifiche andranno esaminate entro il 2 agosto prossimo, altrimenti non potranno essere recepite per la prossima vendemmia. Mancano due mesi all'incirca e c'è il reale timore che, a conti fatti, alcune richieste non potranno essere valutate dal Comitato prima dell'inizio della stagione vendemmiale. Tuttavia gli uffici ministeriali stanno cercando un escamotage che consentirebbe di evitare la scadenza del 2 agosto. Basterebbe un decreto a firma del direttore generale Saverio Abbate che, vista l'eccezionalità del caso dettata dalla paralisi politica, prorogherebbe l'esame delle pratiche con modifica dei disciplinari al 31 dicembre in modo da farle rientrare nella prossima vendemmia laddove possibile. Ma tutto questo sarebbe vano se il nuovo ministro Centinaio non nominasse subito il presidente del Comitato.

C.d.G.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY