Banner
Banner
25
Feb

Emergenza clementine in provincia di Taranto: produrle costa più che venderle

on 25 Febbraio 2019. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il caso

di Annalucia Galeone, Taranto

Il comparto agrumicolo nella provincia di Taranto è al collasso a causa delle importazioni selvagge, del crollo dei prezzi e delle criticità ambientali. 

I problemi sono strutturali, nonostante l'emergenza non esiste un piano regionale. La Clementina del Golfo di Taranto Igp è coltivata nei comuni di Taranto, Palagiano, Massafra, Ginosa, Castellaneta, Palagianello e Statte. Sono 1.041 le imprese agricole joniche con una produzione complessiva di clementine e arance di 1,9 milioni di quintali. Produrre un chilo di clementine costa al coltivatore 0,20 centesimi (sono escluse le spese di raccolta). Quest'anno 1/3 della produzione è rimasta incolta, i 2/3 sono stati venduti sulla pianta a prezzi compresi tra i 0,5 e 0,10 centesimi al chilo. Ai mercati generali sono vendute a 0,60/0,70 centesimi al chilo. Ne vale la pena? Intanto a causa della concorrenza sleale 170 mila tonnellate realizzate con costi e standard inferiori sono arrivate dall'Africa, dal Sud America e dal Marocco. Per dare una boccata d'aria agli imprenditori e cercare di risollevare le tristi sorti la Coldiretti Puglia ha stipulato un accordo pilota di filiera con la Lome Super Fruit di Masseria Fruttirossi di Castellaneta, per trasformare in succhi di frutta 100% di arance e clementine anche Igp. 

Dolci e zuccherine sono ricche di fibre e vitamina C. Sono ottime per preparare gustose spremute, marmellate, dolci e sorbetti. Palagiano è la città delle Clementine. Ogni anno alla fine di novembre si tiene la sagra, il borgo si tinge di colore e allegria. Le prime coltivazioni risalgono al 1900. La Clementina detta anche Mandarancio si narra nasca dall'incrocio tra l'arancio e il mandarino fatto casualmente da padre Clément Rodiet, direttore di un convento orfanotrofio in Algeria. La particolare composizione del sottosuolo e delle acque ricche di sale conferiscono un particolare sapore tale pare da renderle migliori rispetto alle varietà lucane e calabresi. Il marchio Igp Clementine del Golfo di Taranto è stato un insuccesso. Il Consorzio esiste solo sulla carta, nei fatti si sono perse le tracce. Sono in corso incontri e dibattiti per creare un nuovo brand.

 

 
Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY