Banner
Banner
18
Apr

E scoppia uno scandalo a Pechino per acquisti folli di etichette di prestigio

on 18 Aprile 2011. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il caso

Vini e liquori di pregio acquistati da funzionari della statale Sinopec (China Petroleum and Chemical Corporation) spendendo oltre un milione di yuan (oltre 100.000 euro). Lo scandalo, secondo quanto riporta diffusamente tutta la stampa cinese e che ha investito la filiale della provincia del Guangdong della Sinopec, è scoppiato quando alcuni internauti cinesi hanno rivelato online l'accaduto, allegando anche immagini scansionate di ricevute comprovanti gli acquisti. Le fatture e gli scontrini pubblicati in rete mostrano che la società petrolifera avrebbe acquistato in tre diverse occasioni bottiglie di vini e superalcolici nel settembre 2010 spendendo 1,15 milioni di yuan. Tra le bottiglie acquistate anche quelle di Moutai, una delle più famose e costose marche di bevande alcoliche in Cina. Una bottiglia di Moutai invecchiata di 50 anni può arrivare a costare anche 22.000 yuan (circa 2500 euro). Nell'ordine di acquisto anche molte bottiglie di alcolici importati tra cui 17 di Chateau Lafite Rothschild del 1996 del costo di 10.000 yuan (oltre 1000 euro) a bottiglia. Secondo le informazioni apparse su internet Lu Guangyu, general manager della Sinopec Guangdong, avrebbe effettuato il costoso acquisto per poi utilizzare le prestigiose bevande durante cene ufficiali o per usarli come regali. Il portavoce della società, Xu Tao, ha invece affermato che i liquori sarebbero stati comprati per essere poi rivenduti nei negozi nelle stazioni di servizio Sinopec. Spiegazione questa che è apparsa poco credibile a molti considerato il genere e il target di livello medio dei prodotti venduti nei negozi delle stazioni di servizio. Nel tentativo di placare le polemiche Sinopec ha aperto un'inchiesta promettendo sanzioni severe a carico di coloro che dovessero essere scoperti responsabili di aver violato la legge. In attesa di chiarimenti, il general manager della Sinopec Guangdong, Lu Guangyu, è stato sospeso dal suo incarico. Non è la prima volta che la Sinopec è coinvolta in uno scandalo di questo genere. Nel 2009 la società venne criticata per aver speso 12 milioni di yuan in lampade per i suoi uffici. In seguito la compagnia fece sapere che la somma spesa per le lampade era stata «solo» di 1,6 milioni di yuan, oltre 160.000 euro.
Tags:
Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY