Banner
Banner
16
Mag

Mancata tutela del Made in Italy? Un caso a Monaco di Baviera

on 16 maggio 2012. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il caso

Passeggiare nei supermercati è una cosa che mi piace, mi rilassa. Ponderare sulle scelte alimentari, immaginare come e cosa mangiano le persone è come entrare nella loro vita.

E' un esercizio di sensibilità. Quando sono all'estero è poi un momento irrinunciabile, per me puro divertimento.

Sabato scorso mi trovavo in Germania ad Augsburg (Augusta), a mezz'ora da Monaco di Baviera. Sono entrato in un esercizio della grande distribuzione, un supermercato Edeka, una catena importantissima con migliaia di negozi. Pur Gdo, i prodotti esposti hanno una qualità maggiore della media, non posso negarlo.

Ero stato attirato da un superbo mazzetto di asparagi bianchi, tedeschi, belli ciccioni, una vera   prelibatezza per chi li conosce. E' la stagione. Semplicemente lessi e conditi con un pezzettino di burro, prezzemolo fresco e qualche cristallo di sale è un piatto raffinato e delicatissimo. E così, alla ricerca di un degno panetto di burro, sono passato davanti al banco dei formaggi. Lì in bella mostra, il re dei formaggi italiani: il Parmigiano-Reggiano. Con mia sopresa leggo che la marca è "Trentin", un'azienda con sede a Cerea, in provinia di Verona. E qui devo confessare che mi sono irrigidito perché strattonato dalla confusione più totale.

Non occorre essere degli esperti o conoscere a menadito il disciplinare del Parmigiano per sapere che è un formaggio prodotto in Emilia-Romagna, più precisamente nelle province di Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna (alla sinistra del fiume Reno, quello italiano) e Mantova (alla destra del fiume Po).

Ma se così è, a cosa servono le regole, la tracciabilità, i disciplinari di produzione, la lotta sulla filiera, il rispetto della tradizione, se poi un Parmigiano-Reggiano si chiama "Trentin" e viene prodotto (o solo confezionato? Il consumatore percepisce la differenza?) in provincia Verona?

E poi, chi ci protegge all'estero? Chi protegge i marchio Italia e i produttori migliori che con sacrifici ne mantengono alta l'immagine? Possibile che il Consorzio del Parmigiano non difenda la chiarezza? Il consumatore, sia chiaro, ha come unico mezzo di conoscenza l'etichetta, ed è giusto che questa sia di "cristallina trasparenza" evitando con fermezza anche i banali equivoci. Anche se alla fine non l'ho capito, sicuramente è tutto regolare e il formaggio che ho visto è prodotto nei suoi luoghi d'origine come la Dop richiede.

Non me ne vogliano i "Trentin" (ho scoperto dal sito internet che è il nome della famiglia), ma perché mettere il proprio nome così grande su un prodotto Dop di un'altra regione? Occorre solo un pizzico di buon senso.

Una "Buona Italia" - fortunatamente lo è - non si costruisce con la confusione. Anche se la legge lo permette.

Francesco Pensovecchio

Share

Commenti  

 
-1 #1 Marica 2012-05-16 13:03 penso che i veri problemi del made in italy all'estero siano altri. diverso è il caso di chi vende un formaggio spacciandolo per parmigiano! pretendere che il parmigiano, o qualsiasi altro formaggio DOP (e qui penso alla mozzarella di bufala commercializzat a da noti marchi nazionali) venga commercializzat o solo dalle aziende che lo producono sarebbe molto limitante e penalizzante. Citazione
 
 
-1 #2 Giovanni 2012-05-16 14:31 Più che un problema di tutela del Made in Italy mi sembra un problema di tutela della DOP. Ma non credo che il consorzio vi abbia interesse, altrimenti chi paga le bollette? Citazione
 
 
-1 #3 Giovanni P. 2012-05-16 14:32 ma il Trentin Grana c'entra niente? Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY