Banner
Banner
14
Feb

Pistacchio di Bronte, quando i conti non tornano

on 14 Febbraio 2013. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il caso

I conti non tornano.

E questi li abbiamo fatti in seguito alla provocazione sollevata dal nostro giornale sulla vera origine dei prodotti d’eccellenza proposti nei ristoranti (per leggere l’articolo cliccare qui). Al riguardo abbiamo voluto interpellare chi produce o rappresenta ufficialmente la produzione più pregiata della nostra Penisola.

Cominciamo con il famosissimo Pistacchio di Bronte. Guest star di tantissimi menu. Dicevamo, i conti non tornano. Partiamo da uno sguardo sulla produzione in Sicilia. Il novanta per cento è concentrata nel territorio di Bronte (circa 30mila quintali sgusciato), il resto tra le province di Caltanissetta e di Agrigento. L’oro verde etneo ha ricevuto nel 2010 il riconoscimento della Dop e quindi la commercializzazione adesso dovrebbe essere più “blindata”, tutelata. Eppure, quanto prodotto circola in giro per l’Italia, a tutte le latitudini, e anche per il mondo che riporta la dicitura pistacchio siciliano e spacciato per quello di Bronte? Un bel po’. E’ sotto gli occhi di tutti, basta leggere l’etichetta o i tanti pack che sfruttano il brand Sicilia. Quantitativo non giustificabile da quel 10 per cento prodotto nel cuore dell’Isola.

Altra anomalia. Il pistacchio di Bronte oggi vale al chilo tra i 30 e i 35 euro e, purtroppo, gran parte non viene venduto, come ci confermano Biagio Schilirò, il presidente del Consorzio di Tutela del Pistacchio Verde di Bronte (che riunisce 200 produttori per una produzione di 9mila quintali) e Pietro Bonaccorso, titolare dell’azienda brontese Evergreen. “Rimane in magazzino il settanta per cento – riferisce Bonaccorso -. Non riusciamo a smaltirlo, e non solo, adesso a questo stock si aggiungerà anche la raccolta di quest’anno”. E come lui ci sono tanti altri produttori a cui pesa il non venduto. Da un lato allora c’è effettivamente una cospicua quantità di autentico pistacchio di Bronte, considerando sempre le proporzioni di una nicchia, che però resta dentro, dall’altro sono tantissimi gli scaffali, le ceste o i menu  di ristoranti e luoghi del gusto che invece pubblicizzano il prodotto.

Il cortocircuito potrebbe essere spiegato dal prezzo di quel pistacchio che entra nel nostro Paese, venduto tra le 14 e le 19 euro al chilo. La provenienza è varia, si spazia dalla California, all’Iran passando per la Turchia. “Il pistacchio di Bronte, che è Dop, teoricamente non può essere dichiarato – dichiara Schilirò - Succede quindi questo, la diffusissima e inflazionata dicitura “pistacchio siciliano” non può che riferirsi a quel pistacchio "non siciliano" che viene lavorato in Sicilia. Non può essere altrimenti”.

Riassumendo. C’è un pistacchio che è certificato e venduto in modeste quantità , c’è tanto pistacchio “forestiero” a buon mercato, magicamente il nome pistacchio di Bronte, e anche “pistacchio siciliano”, compare ovunque. Siamo dinnanzi al classico caso di frode nei riguardi del consumatore che vede vittima la produzione d’eccellenza Made in Italy.

Ci sarebbero tutti gli strumenti per intercettare l’origine e attestare la qualità del prodotto. Il Mipaaf e i suoi organi sono in costante attività per tutelare il Made in Italy e i consumatori. Produttori e consorzi cercano fare opera di sensibilizzazione  e comunicazione. “Non ci sono altri mezzi – dice Schilirò -. Dobbiamo da parte nostra comunicare il più possibile. Fare capire al consumatore il valore del territorio e della qualità del prodotto invitandolo anche a denunciare la frode. Ma se dovessimo scandagliare tutti i ristoranti del territorio italiano o estero l’impresa sarebbe impossibile. E’ più facile attuare controlli sui distributori, ma difficile entrare nelle cucine. Non credo che ci siano molte soluzioni al problema. Consideriamo anche che la frode la si può intercettare nel caso del frutto intero, più arduo quando il pistacchio è trasformato. Su questo fronte anzi, stiamo cercando di marcare anche chimicamente il prodotto per individuare le qualità organolettiche. Ma posso dire che non basta”. Rimane la carta allora, proprio quella della bolla di accompagnamento. “A questo punto sì, concordo anche io su quanto avete scritto, bisogna chiederla. Il consumatore deve stare attento. Un altro ausilio per poterci difendere da ristoratori e operatori che sono poco corretti”.

Oggi sono 400 i produttori che hanno richiesto la certificazione Dop. Rappresentano più del 60% della produzione brontese. 

Ecco l'elenco Operatori Pistacchio Verde di Bronte Dop, cliccare qui

M.L.

Share

Commenti  

 
+10 #1 Chef Giovanni Trigon 2013-02-14 19:40
Ci scandalizziamo quando i nostri ingredienti costano, ma siamo pronti a versare grosse cifre per altri ingredienti del nord, extra europei o del mondo intero.
Io vendevo a Taranto un vino pugliese a 80 Euro..dicendo, se spendete ne 120 per un vino toscano, o piemontese..se "è" la qualità, perchè non pagarli anche per un vino del SUD…Non è una guerra tra N e S..Comprate italiano in ogni caso, ma non penalizzate la QUALITA'…A PROPOSITO, scrivo da Vancouver Canada, sono uno Chef SUDDISTA, e vi informo che una nota gelateria italiana, ma di un canadese, compra i picìstacchi di Bronte per i suoi favolosi gelati..COMPRA QUALITA' ITALIANA..Chef Giovanni Trigona
Citazione
 
 
+3 #2 David Flaccomio 2013-02-15 10:24 Importo in USA prodotti italiani tra cui il pistacchio di Bronte e semilavorati per pasticceria da 10 anni. Sulla qualità del prodotto non si discute ma i mercati internazionali sono competitivi soprattutto in periodo di crisi. In Sicilia quando un prodotto diventa conosciuto il prezzo sale ingiustificatam ente con scuse banali che i clienti non possono accettare. Da 11 €/kg in pochi anni si è arrivati sopra i 30€. Questo sta accadendo anche sui capperi. Mi auguro che ci sia buon senso in futuro, altrimenti si rimane fuori dal mondo. David Flaccomio, Tesori of Sicily Inc. Citazione
 
 
+1 #3 WineRoland 2013-02-15 15:49 certo, a fare i furbetti alla lunga ci si rimette. e la legislazione sulle denominazioni non aiuta moltissimo nella tutela del prodotto. Citazione
 
 
+1 #4 pierina011 2013-02-15 18:40 @chef Giovanni:

a 120 o 80 € vendi qualità?

No, vendi esagerati e ingiustificati margini di guadagno
Citazione
 
 
0 #5 vincenzo 2013-02-16 18:49 certo che i costi della qualità sono molto elevati.Pensate che oggi sono stato a Bronte ho comprato il Pistacchio a 35€ al kg la confezione da 500gr 17,5 € , quello denominato Siciliano, mi hanno detto che era uguale al Dop. Quello con la Dop era a 100€ al kg , la confezione da 200gr costava 10€
Un consumatore .Vincenzo.
Citazione
 
 
+1 #6 Giovanni 2013-02-20 15:36 Ma se rimane invenduto, perchè non abbassano il prezzo, anzicchè farlo invecchiare ? Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY