Banner
Banner
19
Gen

Il pesto genovese al mortaio candidato a patrimonio dell'umanità Unesco

on 19 Gennaio 2015. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il prodotto

La candidatura del pesto alla genovese a patrimonio immateriale dell'umanità è un giusto riconoscimento per una tradizione conservata nel tempo da intere generazioni che deve rappresentare anche una difesa nei confronti delle troppe imitazioni, a tutela del basilico genovese a denominazione di origine (Dop).

È quanto afferma la Coldiretti nel commentare la candidatura del pesto al mortaio a patrimonio culturale immateriale dell'umanità. La tecnica tradizionale di lavorazione al mortaio è l’elemento caratterizzante del pesto genovese insieme – sottolinea la Coldiretti - al basilico genovese a denominazione di Origine (DOP) iscritto nella lista dell’Unione Europea, che è contraddistinto da foglie piccole e convesse ed un profumo intenso legato al territorio di coltivazione e mantenuto grazie al fatto che sono commercializzate le piantine intere complete di radici.

La richiesta di riconoscimento all’Unesco segue da vicino quella dell’arte della pizza napoletana mentre è da poco stato dato il via libera all’iscrizione della vite ad alberello di uve Zibibbo che caratterizza l'isola di Pantelleria, in Sicilia. Nella prestigiosa Lista dei Patrimoni Culturali dell'Umanità l’Italia può anche già contare – conclude la Coldiretti - sull’iscrizione dei "Paesaggi vitivinicoli del Piemonte: Langhe-Roero e Monferrato (2014)", dell’Etna (2013), della dieta mediterranea (2010) e di nove zone delle Dolomiti (2009). 

Maria Giambruno

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY