Banner
Banner
02
Dic

Berlucchi presenta la Cuvée Riserva Jre n°4: ma sarà solo per i Jeunes Restaurateurs

on 02 Dicembre 2017. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il prodotto


(Cristina Ziliani e Daniel Canzian)

di Michele Pizzillo, Milano

Ha solo un difetto la Cuvée Berlucchi Riserva Jre N° 4 Franciacorta 2008: la produzione limitata – 5.000 bottiglie – è tutta destinata ai ristoratori dell’Associazione Jeunes Restaurateurs. 

Così, per pasteggiare con questo ottimo vino, bisogna andare in un locale associato Jre. Cioè, ristoranti che alla qualità dei piatti e alla piacevolezza dell’accoglienza, devono aggiungere la giovane età dello chef. Insomma, un’associazione molto valida per la crescita qualitativa della ristorazione e per l’immagine che questi giovani chef proiettano in tutto il mondo. Per questo Arturo e Cristina, eredi di Franco Ziliani, creatore del Franciacorta, da quattro anni a questa parte creano una riserva solo per gli associati Jre. Una sorta di abito su misura. E i ristoratori o meglio i sommelier di Jre hanno un ruolo da protagonista nell’individuare il vino che risponde alle loro esigenze. Tant’è vero che la scorsa primavera,  a Palazzo Lana Berlucchi, sede dell’azienda Guido Berlucchi a Borgonato di Corte Franca, un gruppo di sommelier Jre ha degustato con lo chef stellato Luca Marchini, presidente dell’Associazione, e Arturo Ziliani, enologo e amministratore delegato di Berlucchi, nove differenti riserve per poi scegliere quella più affine al loro palato esperto e ai piatti creativi dei loro ristoranti.


(La cuvée Jre n°4)

La Cuvée “su misura” è un Franciacorta Riserva da uve Chardonnay (58%) e Pinot Nero (42%) della vendemmia 2008 provenienti da vigneti di proprietà Berlucchi, a Borgonato. I vini base sono stati affinati sia in acciaio che in barrique, con parziale malolattica, per conferire consistenza e rotondità. Dopo un riposo di 96 mesi sui lieviti, al dégorgement è stata aggiunta una moderata quantità di sciroppo di dosaggio, 4 grammi per litro, in modo da enfatizzare la personalità genuina e vibrante del vino. Che alla degustazione si presenta con un bel colore giallo paglierino con riflessi ramati, una spuma cremosa e persistente con un perlage sottile, bouquet elegante, intenso e fragrante con sentori di fiori d’arancio e di frutta a pasta gialla; al palato è elegante, intenso, con la sapidità e mineralità del Pinot nero che si amalgamano con la rotondità e la polposità dello Chardonnay. Insomma, un grande vino che perpetua l’intuizione di Ziliani e Guido Berlucchi che 50 anni fa dimostrarono che la Franciacorta non aveva niente da invidiare alla Champagne.


(Luca Marchini)

Così, quasi auto-complimentandosi, alla presentazione milanese del vino, Marchini ha detto che “Cuvée Jre N° 4 rappresenta la massima espressione della capacità di chi fa vino e di chi lo presenta. Siamo felici che il rapporto con Berlucchi si stia sempre più consolidando: questa non è solo partnership, ma un vero e proprio progetto arrivato oggi al quarto atto. Un plauso ai sommelier Jre, perché è molto difficile valutare l’evoluzione nel medio termine di Riserve Franciacorta appena dégorgiate: loro invece hanno dato una grande prova, è un piacere confrontarsi con palati tanto sensibili”. Prodotta solo in cinquemila bottiglie, Cuvée Jre N° 4 è disponibile in esclusiva presso i ristoranti dell’Associazione. Il debutto della splendida riserva di Berlucchi, però, è avvenuto a Milano (che secondo Cristina Ziliani, per la Franciacorta è come Parigi per lo Champagne), nel ristorante di Daniel Canzian che ha proposto piatti che quasi sollecitassero il matrimonio con la quarta Cuvée creata da Berlucchi per i giovani chef Jre, come cannoli di polenta, baccalà mantecato e yuzu Kosho; pizza soffiata, mele cotte e Foie gras; terrina di maialino in crosta di capelli d’ Angelo, salsa Chermoula; Jovo all’uovo, uova di lavarello in cagnun; scampi, verze e arancia; risotto mantecato al franciacorta, barbabietole e parmigiano; guancetta di vitello all’olio, versione Matisse; e un prodotto appena sfornato, il panettone “omaggio a Milano”. E, in questa occasione abbiamo scoperto che la stessa Cristina ha assaggiato la riserva per la prima volta e, insieme a Marchini, ha sottolineato che è stata un’ottima scelta quella fatta dagli uomini di sala, perché questo vino mi piace molto per l’acidità spiccata e al tempo stesso per la sua morbidezza che lo rende setoso, ideale a tutto pasto”. Insomma, un vino speciale e molto versatile come si è visto nel ristorante di Daniel.

Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Maria Casiere
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Anna Sampino
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it