Banner
Banner
19
Set

Nuovo presidio a Cheese: Ciminà, Calabria, il caciocavallo a due teste

on 19 Settembre 2011. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il prodotto

L’ottava edizione di Cheese apre i battenti e tiene a battesimo il prodotto caseario simbolo di un piccolo comune calabrese sulle colline joniche, presentato il giorno dell’inaugurazione tra i nuovi Presìdi Slow Food.

La particolarità, che rende questo formaggio unico, è la presenza di due teste, e non di una sola, come avviene per tutti gli altri caciocavalli, e una forma allungata. Altra caratteristica è l’utilizzo di latte ovino e caprino nella percentuale del 30% circa,  in aggiunta a quello di vacca.
“Il caciocavallo – spiega Nicola Polifroni, Sindaco del Comune di Ciminà - è stato da sempre un prodotto di punta del nostro comprensorio territoriale. Nel 2008, grazie ad una strategia di sviluppo a livello locale per la sua valorizzazione siamo riusciti ad ottenere il riconoscimento della Deco (Denominazione Comunale di Origine). Oggi – continua Polifroni – grazie al coinvolgimento della Condotta Slow Food locale e all’interessamento dei responsabili nazionali dei Presìdi Slow Food abbiamo conquistato questo importante traguardo”.


Pasquale Romeo (primo a sinistra) e Domenico Siciliano (ulltimo a destra)
insieme al Sindaco e all'Assesore di Ciminà

 Il caciocavallo a due teste è di dimensioni abbastanza piccole , con un peso che varia dai 200 ai 400 grammi e si consuma freschissimo, entro pochi giorni dalla produzione. La versione dalla forma classica ovoidale e con una sola testa, ugualmente sostenuta dal Presìdio, ha un peso minimo di un chilo, ma può arrivare anche a tre, il che permette stagionature più lunghe, che potrebbero sostenere  i produttori nella commercializzazione di questo prodotto anche fuori dai mercati locali.
“La produzione di questo formaggio  - racconta Pasquale Romeo, uno dei produttori del caciocavallo di Ciminà – avviene tutto l’anno, ma è da marzo a giugno, quando i pascoli sono floridi di essenze mediterranee,  che si ottengono i risultati migliori”. Lo stesso nome di Ciminà sembri derivare dal greco kyminà, ossia luogo dove abbonda il cumino selvatico. I profumi che sprigiona la pasta sono intensi di latte, zagara e frutta candita, mentre l’attacco mieloso al palato è smorzato da una nota tostata di nocciola in finale.


Stand Caciocavallo di Ciminà

 “La nostra forza – aggiunge un altro produttore, Domenico Siciliano – è il consorzio che ci riunisce. Al momento i produttori aderenti siamo dodici, ma ci auguriamo che il riconoscimento del Presìdio possa farci aumentare, in modo da incrementare anche la produzione del caciocavallo e promuovere in nuovi mercati  il nostro piccolo comune e l’importante riconoscimento appena ottenuto”.

Daniela Corso

Tags:
Share

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette
Banner
Banner
Banner

Facebook Fan Box

Banner
Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Roberto Chifari
Daniela Corso
Ilaria de Lillo
Lorella Di Giovanni
Alessandra Flavetta

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Stefania Giuffrè

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Giovanni Paternò
Geraldine Pedrotti
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Giorgio Romeo
Rosa Russo
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it