Banner
Banner
23
Dic

Il miele di Nespolo della Conca d'Oro

on 23 Dicembre 2011. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il prodotto


Peppino Ciancimino con la moglie Giovanna Santangelo 

di Dario La Rosa

Volete addolcire il vostro Natale con una pietanza prelibata e salutare?

Il momento è quello giusto per gustare il miele di nespolo. Unico miele ad essere immesso in commercio proprio in questo periodo, è un orgoglio per la Conca d'Oro e per una parte del Palermitano. Questo miele, per esigenze climatiche e colturali, non riesce a “sorgere” da nessuna altra parte al mondo. Alla base di questa bontà dal colore chiaro, dal gusto delicato e dal profumo inebriante c'è un fiore che ha scelto di germogliare proprio quando gli altri alberi vanno in riposo vegetativo.

E proprio per spingere le api all'impollinazione, la natura ha dotato il nespolo di un profumo particolare che le manda in estasi nonostante il freddo. Incontriamo uno dei pochissimi produttori che mettono in commercio questo “cibo degli dei”, come da sempre è chiamato il miele. Peppino Ciancimino è un apicoltore di Santa Cristina Gela, a due passi da Palermo, e la sua azienda, la Florape (www.florape.it), produce il miele di nespolo biologico grazie alle oltre venti varietà di nespolo dell'azienda agricola Lo Giudice, che si trova alle falde di monte Grifone (www.panortus.blogspot.com).  “Questo miele – spiega Ciancimino – è l'unico ad essere smielato proprio a ridosso di Natale ed il suo profumo lo rende un prodotto davvero unico”. Ed il miele non è solo che l'ultima parte di una piccola catena che, anche in questo campo, inorgoglisce la Sicilia.

“Le nostre – prosegue l'apicoltore – sono famiglie di api siciliane, più scure rispetto alla specie più famosa, la Ligustica italiana. L'ape sicula è anche più rozza e sopporta bene gli attacchi di parassiti. E' ormai una specie, derivante dall'ape nera tedesca, che si è acclimatata secoli fa e che consente di avere un prodotto di elevata qualità”. Qualità e anche semplicità, nel caso del miele. Esso è infatti uno dei pochissimi prodotti che non subiscono alcuna manipolazione da parte dell'uomo. I melari vengono raccolti e, in giornata, si tolgono a mano  anche gli opercoli – ovvero la cera che sigilla il miele – poi è la volta della smielatura vera e propria che viene fatta con una macchina che usa la forza centrifuga.

“Infine – conclude il titolare di Florape – occorre soltanto fare riposare un po' il miele per togliere l'aria in eccesso che si è creata durante il processo di smielatura”. Toccasana per la salute e antibiotico naturale, il miele potete usarlo un po' ovunque. Quello di nespolo, però, proprio per la sua delicatezza, provate ad odorarlo e poi gustatelo così, in tutta la sua purezza.
 

Florape
contrada Pianetto
Santa Cristina di Gela (PA),
Tel. 0918728831 Cell. 3394874150
e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Share

Commenti  

 
0 #1 Marco 2011-12-31 01:45 Diffido sempre da queste informazioni, perchè il miele di nespolo è difficile da ricavarsi, soprattutto ultimamente, per cui sono spesso portato a credere che il più delle volte quando si parla di miele di nespolo si trascuri il fatto che possa trattarsi di miele "indotto", ovvero ricavato attraverso la somministrazion e di zucchero alle api.
Poi nutro dubbi anche sulla certificazione biologica di questo tipo di miele, in quanto, che io sappia, non esistono coltivazioni di nespolo in biologico sufficienti a garantire un pascolo per le api che sia limitato alla zona certificata per come previsto dalla normativa vigente.
Io non sono un apicoltore, ma un vero appassionato di miele, che da qualche anno ama gustare i vari tipi di miele abbinati a cibi e tisane. Per questo m'interessa particolarmente essere informato in merito, anche perchè sono un convinto sostenitore del biologico e temo che le speculazioni in questo campo possano presto "avvelenare" l'intero settore produttivo.
Rispetto cmq. il lavoro altrui e spero di sbagliarmi.

Cordialmente,
Marco
Citazione
 
 
0 #2 monica 2016-12-13 23:21 sarei curiosa anche io di saperne di più su questo miele. Che io sappia la pianta di per sé è abbastanza autoimmune da malattie e parassiti quindi il trattamento chimico dovrebbe essere inusuale. Il periodo della fioritura anch'esso anomalo dovrebbe aiutare . Però se il produttore di dicesse qualcosa in merito forse mi convincerei a comprarlo per provarlo. Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY