Banner
Banner
02
Mar

Joe Fortunato, coltivatore a Pachino: i francesi fanno concorrenza sleale, sono loro a produrre in Marocco

on 02 Marzo 2012. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Il prodotto

C’è un cuore fatto con le varie qualità di pomodoro coltivato e prodotto che ha attirato l’attenzione dei visitatori della Fruit Logistica di Berlino che si è appena conclusa. 

Lo hanno realizzato Joe Fortunato ed i suoi collaboratori. L’azienda di Pachino, che vanta il marchio Igp per il pomodoro, torna dalla fiera con una lista di contatti che potrebbero essere trasformati in nuovi clienti. Ma con tante perplessità che riguardano la logistica. Perché i nuovi clienti sono degli Emirati Arabi e della Russia.

"Come facciamo a spedirgli il nostro prodotto? – si chiede Fortunato –. I nostri prodotti sono deperibili e utilizzando la nave impiegheremmo almeno una settimana. Così è impossibile". Utilizzando l’aereo, infatti, i costi variano da 2,5 a 2,7 euro per chilo. "Cifre esorbitanti – dice Fortunato –. Servono degli aiuti per fare sviluppare alle aziende siciliane un mercato internazionale fiorente ed importante". Mercato internazionale su cui sta decisamente puntando Fortunato.

"In Sicilia, ormai, non si può fare un mercato con prodotti di qualità – spiega Fortunato – perché vengono ritenuti troppo cari. Ecco perché la nostra azienda ha deciso di puntare ad altri mercati". L’azienda, infatti, vende soprattutto al Nord Italia, in Germania, Francia, Inghilterra ed Austria. E, per circa tre mesi durante l’anno, esporta il suo prodotto anche in Canada, terra d’origine proprio della famiglia Fortunato. Fu, infatti, Sebastiano Fortunato, nel 1928, ad intraprende il commercio dei prodotti agricoli caratteristici dell’area di Pachino: pomodori, mosto d’uva, legumi e quanto l’economia rurale della zona produceva. L’azienda, adesso, spera in un cambiamento generalizzato della situazione dell’agricoltura in Sicilia.

Il paragone con il Marocco è immediato e lo fa lo stesso Joe Fortunato: "Per produrre 1 ettaro di pomodorino occorrono in media 80 mila euro – dice –. Di questa cifra solo 45/50 mila euro sono i costi per la manodopera. In Marocco, per la stessa quantità di pomodoro si spendono 45/50 mila euro. La manodopera incide per 5 mila euro".

Una differenza che viene chiarita dai costi della manodopera. In Italia un operaio viene pagato 55/60 euro all’ora. In Marocco dai 5 ai 7 euro, contributi compresi.

"I produttori in Marocco sono soprattutto aziende francesi che stanno facendo una concorrenza sleale – dice Fortunato – Stiamo subendo questa crisi. E gestire un’azienda, con questi costi, sta diventando molto oneroso. Soluzioni? Servono aiuti esterni, da soli non ce la facciamo".

Intanto la “mission” di Fortunato e soci continua ad essere quella dichiarata un po’ di tempo fa. E cioè quello di produrre prodotti di nicchia, non destinati alla massa. «Cerchiamo di fare solo qualità – conclude Fortunato –. Non ci confrontiamo con altre realtà. Né con altri mercati. Purtroppo in Sicilia non tutti hanno la fortuna di poter produrre prodotti unici come il nostro. Mi riferisco, per esempio alle zone di Ribera o Vittoria, vittime innocenti di questo mercato che sta distruggendo l’economia agricola siciliana". 

Giorgio Vaiana

Share

Commenti  

 
0 #1 Tom 2012-03-03 01:44 Fatemi subito conoscere il coltivatore di Pachino che paga gli operai 55/60 Euro l\'ora (lordi, e va bene) che mollo tutto e vengo a lavorare per lui!
CdG, un po\' di fact checking, per favore.
Citazione
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Siamo online da
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Publisette

Facebook Fan Box

Banner

Ultimi commenti

Area Riservata

 

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Webmaster e
Web&Graphic Designer:
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY